Testi Radiosboro 23

RS23 2 LA DAMIGIANA

(Per un milione – Boomdabash)

me fermo un po' con le baote soto 'l sole e intanto speto qua la cameriera

da qua non vado via finchè vien sera

go pena fato 'l turno jero sul muleto, so proprio stanco morto meto xo 'l giubeto

me magno un tramesin co dentro la porcheta, dei porta qua na bea bireta

la speto come un can che speta 'l so padrone, come un toseto speta 'l giorno de Natale

da qua te giuro mi non vojo andare via, te prego portala in freta senò volto via

la speto come un campo speta 'l temporale, come 'e galine speta che te porti là 'l mangime

la speto come 'l mas-cio speta 'a so porsea

perchè xe tuto 'l giorno che 'l paron me fa sgobare e alora me vien sen

me fermo un po' perchè ghi n'ho piene le balote

da stamatina che bestemo e basta, a bevo tuto come un'autobote

me imbriagherò oncò non torno più in cantiere

barista cori e portame da bere e impiena fino all'orlo 'l me bicere

penso a niente quando go 'l bicere belo pien

perchè me fa passare 'a sen ma fasso fora tuta la damigiana

quanto ben che sto sentà qua al bar col goto in man

e un po' de pan con un pevaron e do fetine de sopressa nostrana

xe tre ore ormai che so sentà chi ormai non vo più a magnare me riva goti da tuti

non riesso a stare drito e tiro un paro de ruti

ma mi bevo de più che tanto trovo chi me pole accompagnare

go perso 'l portafoglio e anche 'l cellulare

barista porta n'altra bossa de Proseco che 'a troia dea morosa ieri me ga fato beco

ormai sto bar xe come na seconda casa se vegno qua non penso proprio più a nessuna cosa

e go na bala fantastica, so imbriago smarso e so da trare nea plastica

me fermo un po' perchè ghi n'ho piene le balote

da stamatina che bestemo e basta, a bevo tuto come un'autobote

me imbriagherò oncò non torno più in cantiere

barista cori e portame da bere e impiena fino all'orlo 'l me bicere

penso a niente quando go 'l bicere belo pien

perchè me fa passare 'a sen ma fasso fora tuta la damigiana

quanto ben che sto sentà qua al bar col goto in man

e un po' de pan con un pevaron e do fetine de sopressa nostrana

 

 

RS23 4 ME PIAXE LA PATATA

(All summer long – Kid Rock)

done, machine, flessioni tuti ga le so passioni

perchè avere un hobby te fa stare ben

la coltivo da na vita xe na roba prelibata

la me piaxe fin da quando jero picolo

giorno e noti in mexo al campo xe 'l me passatempo

però quando 'e spunta go sodisfassion

mi so bravo a coltivare sensa ea mi non so proprio stare

se no 'a magno vago in depression

e a mi me piaxe la patata bella fresca e profumata

mi la magnarìa anca quatro volte al dì

liscia come 'a fusse seta la fa ben anca par la dieta

la me piaxe a cena e anca par colassion

la me piaxe a cena e anca par colassion

la xe bona se 'a xe fresca sia italiana che tedesca

ma mi preferisso quee che vien da 'e qua

bea succosa come un fruto mi la serco da par tuto

l'importante xe che non ghe sia anca 'l buto

e a mi me piaxe la patata bella fresca e profumata

mi la magnarìa anca quatro volte al dì

liscia come 'a fusse seta la fa ben anca par la dieta

la me piaxe a cena e anca par colassion

la me piaxe a cena e anca par colassion

W la patata

la xe bona da magnare ma va ben anca da ciuciare

mi non go trovà mai gnente de pì bon

serti 'a ciama patatina, altri mona o passerina

l'importante xe che non la manca mai

e a mi me piaxe la patata amo 'a mona depilata

xe la roba più gustosa che ghe sia

la ga un bel colore rosa, serte volte 'a xe pelosa

la me piaxe a cena e anca par colassion

e a mi me piaxe la patata amo 'a mona depilata

xe la roba più gustosa che ghe sia

la ga un bel colore rosa, serte volte 'a xe pelosa

- la me piaxe a cena e anca par colassion – 5 v.

 

 

RS23 6 VITA PUTTANA

(Felicità puttana – Thegiornalisti)

che do bale xe stare qua in casa tuto 'l giorno sdraià sul divano

a me also soltanto pa un atimo giusto 'l tempo per nare pisare

a vardo un poco 'l teegiornae ma se parla solo de sto virus

e mi ghi n'ho le bale piene e mi ghi n'ho le bale piene

ma penso che prima o dopo finiremo sta quarantena, a so ingrassà come una balena

e quando se potrà uscire mi la prima roba che fasso a vago al bar del paese e

me bevo un bocale in dieci secondi

così me imbriago dormo al bar co i me amici

che vita puttana che la xe questa qua

che a volte 'a xe stronza

ma ghi'n so inamorà

per adesso xe solo un bel sogno semo ancora rinchiusi in saloto

a me manca lo smog e anca 'l traffico, el me capo che sfonda i cojoni

a continuo a nar verxere 'l frigo, magno tuto come un composter

e continua a creserme la pansa e ormai me s-ciopa la balansa

ma penso che prima o dopo finirà sta bruta aventura, a semo tuti suore in clausura

e quando se potrà uscire mi la prima roba che fasso a vago al bar del paese e

me bevo un bocale in dieci secondi

così me imbriago dormo al bar co i me amici

che vita puttana che la xe questa qua

che a volte 'a xe stronza

ma ghi'n so inamorà

ma ghi'n so inamorà

ma ghi'n so inamorà

che puttana

ma ghi'n so inamorà

tuti che gira co 'a mascherina, ormai fasso 'l bagno con l'Amuchina

de note non sogno più done nude ma 'l bar e mi che bevo un Prosecco

che vita puttana che la xe questa qua

che a volte 'a xe stronza

ma ghi'n so inamorà

ma ghi'n so inamorà

ma ghi'n so inamorà

che puttana

ma ghi'n so inamorà

 

 

RS23 8 LA BICICLETA

(La bicicleta – Shakira e Carlos Vives)

mama quanto stress ogni giorno a lavorare come un musso

tasse da pagare e rivare in fondo al mese ormai l'è un lusso

rate del mutuo e paga l'IMU, mille scadense che te fa vegnere semo

e 730, governo ladro e penso a quanto belo che sarìa tornare indrio

a quindexe ani co la bicicleta, a xugare in piassa col balon

insieme con lu, insieme con ti e i problemi no i esisteva mia

sempre in giro co 'a me bicicleta, quando Facebook non ghe jera mia

parlavo con lu, parlavo con ti

me sentivo un re, nea scarsela non gavevo 'l cellulare

par parlar co 'e toxe le ciamavo casa e rispondea so pare

e dopo in giro a ciacolare, sonare tuti i campaneli par scapare

con la Grassiela ai trenta a l'ora e tuti i giorni a pedalare con 'a me compagnia

a quindexe ani co la bicicleta, a xugare in piassa col balon

insieme con lu, insieme con ti e i problemi no i esisteva mia

sempre in giro co 'a me bicicleta, quando Facebook non ghe jera mia

parlavo con lu, parlavo con ti

par telefonare ghe voleva i gettoni, quando jera caldo guera coi gavettoni

ale feste xugo de 'a butiglia però me tocava sempre limonarme un bandon

navimo a pescare in compagnia in qualche fosso, ala sera taca 'a trasmission Colpo Grosso

se scoltava musica soltanto in casseta e giornali sconti dentro la camereta

quanto belo gera in bicicleta e pedalare forte verso la salita

rivare in alto su pal monte fin la ciesa e dopo a maneta xo par la discesa

quanto belo jera in bicicleta vorìa tornare ai tempi dela bicicleta

ala matina me svejavo e navo scola e adesso me acorso che la vita vola

desso so grande go 'a me cariera e so al lavoro da 'a matina fin la sera

apuntamenti, sempre de corsa, go tante robe ma me manca la me libertà

a quindexe ani co la bicicleta, a xugare in piassa col balon

insieme con lu, insieme con ti e i problemi no i esisteva mia

sempre in giro co 'a me bicicleta, quando Facebook non ghe jera mia

parlavo con lu, parlavo con ti

quanto belo jera in bicicleta vorìa tornare ai tempi dela bicicleta

ala matina me svejavo e navo scola e adesso me acorso che la vita vola

 

 

RS23 10 MI NON SBORO PIU'

(Sincero – Morgan e Bugo)

sarà che non porto dei mocassini, la camixa firmata, mi giro in canotiera

go le braghe onte, porto le savate, me also sempre presto a monsere le vache

so tutto 'l giorno sora 'l me tratore, capeo de paja e pansa da alcolista

non so mia bon parlare in italiano, fasso fadiga a trovare na figa

ghi'n parlo un po' con xxx, lo ciamo xo ogni sera

stasera rivo col Same, la porto in volta a campi finchè vardemo 'e stele ciucio 'e tete

parlemo e a mi me scapa un bel porcasso, la smonta e la me mola na gran sberla

finchè bestemo sempre su xxxx mi non sboro più

mi non sboro più

par mi ciavare per ora resta solo un sogno e me smaneto su tanti siti

a go na sfiga che se piove figa me riva in testa quela de me mama

me lavo sempre in docia la capella ma a volte penso che non serve a un casso

non riesso gnanca avicinare un cesso, mi narìa a putane ma go solo un euro

che sfiga porco xxx, non pocio mai l'oselo

sera rivo col Same la porto in volta a campi finchè vardemo 'e stele ciucio 'e tete

parlemo e a mi me scapa un bel porcasso, la smonta e la me mola na gran sberla

finchè bestemo sempre su xxxx mi non sboro più

mi non sboro più

me svejo 'a matina che l'è xa in tiro, me manca la mona come 'l respiro

gli amici la figa ghe gira intorno mi invese la vedo nei siti porno

a so in astinensa, na voja paurosa, go la man destra che xe me morosa

par esser sicuro riussire a trombare me toca pagare

ma dime ti se in mexo a tanta gente non ghe ne sia una che me 'a vole dare

mi serco figa sempre inutilmente perchè ghe fasso schifo e quindi la man me fa godere

sera rivo col Same la porto in volta a campi finchè vardemo 'e stele ciucio 'e tete

parlemo e a mi me scapa un bel porcasso, la smonta e la me mola na gran sberla

finchè bestemo sempre su xxxx

finchè bestemo sempre su xxxx mi non sboro più

mi non sboro più

mi non sboro più

 

 

RS23 12 ECCITA' COME UN TORO

(Zitti e buoni – Maneskin)

a go la testa che me s-ciopa, mama che balla ieri sera

vorìa restare ancora in leto, me ga sveja l'alsabandiera

perchè ghe penso troppo spesso, go solo in mente de far sesso

mi provo sempre ma non riesso e le me dixe che so un cesso

ma stasera go tolto i goldoni, bevo un Negroni così taco a scaldare i ormoni

sera giusta par svodarme i cojoni, so un po' grezzo, non go fato 'a Bocconi

queo che so lo go imparà da Mosconi, questa xe la Notte da Leoni

nemo in disco che femo i sbrufoni, nel servelo ghemo quatro neuroni e

ghemo 'a figa nea testa, eccità come un toro

go la figa nea testa, se no 'a vedo mi moro

ghemo 'a figa nea testa, ingrifà come un toro

go la figa nea testa, se no 'a vedo mi moro

mi a go un problema ingestibile, go na voja incredibile

co me presento a na toxa fo na figura terribile

perchè mi parlo in dialeto, me vesto mai da figheto

mi non go gnanca un difeto a so boaro perfeto

perchè non seguo la moda, né galateo, né bon ton

e l'unica roba che adoro xe 'a pastasuta col ton

però stasera so in tiro, go un'energia prepotente

vojo conossere figa, fame sborare che xe urgente parchè

ghemo 'a figa nea testa, eccità come un toro

go la figa nea testa, se no 'a vedo mi moro

ghemo 'a figa nea testa, ingrifà come un toro

go la figa nea testa, se no 'a vedo mi moro

bella, la figa xe sempre bella, xe bello il culo e la mammella

dai ciucciame la cappella che a mi me manca l'aria

bella, la figa xe sempre bella, xe bello il culo e la mammella

dai ciucciame la cappella che a mi me manca l'aria

bella, la figa xe sempre bella, xe bello il culo e la mammella

dai ciucciame la cappella prima che 'a salta in aria

ghemo 'a figa nea testa, eccità come un toro

go la figa nea testa, se no 'a vedo mi moro

ghemo 'a figa nea testa, ingrifà come un toro

go la figa nea testa, se no 'a vedo mi moro

dai stasera sento che sboro

 

 

RS23 14 FAME UN BARBERA

(Guantanamera – Canzone popolare cubana)

fatte un Barbera, amico fatte un Barbera

fatte un Barbera che te rasenti 'a dentiera

scusame se te lo digo

te ghe 'l fià come un castigo

co te me parli visin

par che te verxi un tombin

te 'o digo forte e anca ciaro

in boca te ghe un luamaro

fatte un Barbera, amico fatte un Barbera

fatte un Barbera che te rasenti 'a dentiera

te ghe i molari che sgrensa

come 'a portea dea credensa

quatro canini che bala

el resto i xe fora bola

quei soto pare normali

ma i xe un po' verdi e un po' xali

gheto provà col bruscheto

a sfregolarli un pocheto

o co 'a pajeta de fero

pocià su un goto de nero

fatte un Barbera, amico fatte un Barbera

fatte un Barbera che te rasenti 'a dentiera

quando te cato in paese

ti che te voi ciacolare

te ghe 'l fià come 'e scorese

non so pì bon a respirare

e co te verxi la boca

te pari drio concimare

fatte un Barbera, amico fatte un Barbera

fatte un Barbera che te rasenti 'a dentiera

fatte un Barbera, amico fatte un Barbera

fatte un Barbera che te rasenti 'a dentiera

 

 

RS23 16 ME SVODITO LE BALLE

(Salviamoci la pelle – Ligabue)

xe proprio scrito nel me destino che con le done no 'a vaga ben

forse perchè mi me piaxe 'a figa e le cortegio finchè non me 'a da

non go ritegno mi son bastardo de storie serie ghi'n vojo mia

quando conosso na bea figa ghe digo “dai, vien via con mi, te porto via”

a so na machina da sesso, pincio con tute, me fermo mai

go sempre in mente na roba sola, figa foresta e morose mai

mi non resisto m'inamoro de tute, non me interessa se 'e xe sposà

ghe digo sempre 'a stessa roba “varda che bea, vien via co mi, te porto via”

me svodito le balle? che le xe gonfie

ghi'n posso pì, impieno na tanica

me svodito le balle? go voja de trombare co ti

e fame na boca e fame na pompa

a go la fama del putaniero, tute le toxe me dixe che

a go da metere 'a testa aposto e quelo che fasso non va mia ben

mi però invese me ne sbato 'e bale, amo la mona son fato così

se mi conosso na bea figa ghe digo “dai, vien via co mi, te porto via”

me svodito le balle? che le xe gonfie

ghi'n posso pì, impieno na tanica

me svodito le balle? go voja de trombare co ti

e fame na boca e fame na pompa

ela me dixe che 'a se vergogna l'oselo non lo ga mai ciucià

alora mi ghe digo “cicia, scoltame qua, scoltame qua, scoltame...

se mi vo casa sensa sborare divento mato non dormo mia

fame na segna ma falla in freta e dopo va via”

- me svodito le, me svodito le balle? – 3 v.

go 'a tega che xe pronta

- me svodito le, me svodito le balle? – 3 v.

e ciuciamelo in punta

- me svodito le, me svodito le balle? – 3 v.

che le xe drio s-ciopare

- me svodito le, me svodito le balle? – 3 v.

dai fame un po' sborare

 

 

RS23 19 FIOLO DE UN CONTADIN

(Kashmir-kashmir – Cesare Cremonini)

fiolo de un contadin, nato dentro l'albio del mas-cio

el me lavoro xe spalar luame ogni dì e butarlo con la bote sui campi

ti ciamame contadin, a volte te dispressi el lavoro che fasso

ma quando ti ala sera te vè beverte 'l Spritz mi so oncora a campi a romperme 'l casso

perché dentro a la stala ghe xe sempre da fare, ghe do 'l magnare ai polastri e le cavre

e tute le matine mi me magno un bel panin e dopo monxo 'e vache, tiro quatro sarache

infondo la me vita xe bea così, parlo solo co 'e cavrete in mexo ai pascoli

spussa da luame

vo tore su 'l ceroso che mi so un bravo toxo, col capeo de paja pianto sorgo e soia

merda da spalare

a go i stivali sporchi, tiro quatro porchi, paro su 'e galine, fasso su 'e fassine

me sento un contadin, el me cuore bate solo pa i campi

co riva sera giro co 'a cisterna parchè do da bevare con l'acqua dei fossi

xe dura far sta vita, ghi n'ho pieni i cojoni e co tempesta me rovina i lavori

bestemo el xxxxxxx, si, par tuto quanto 'l dì

lo taco a nominare, ghe associo un animale

anca quando riva 'a domenega me svejo sempre all'alba e vago da le me piegore

spussa da luame

vo tore su 'l ceroso che mi so un bravo toxo, col capeo de paja pianto sorgo e soia

merda da spalare

a go i stivali sporchi, tiro quatro porchi, paro su 'e galine, fasso su 'e fassine

spussa da luame

campi, campi, campi, campi, campi, campi, campi, campi

cuore da contadin

mani tute piene de calli

co riva sera fasso 'l bagno dentro al canal

perchè il mio el xe un lavoro un po' sporco

perchè il mio el xe un lavoro un po' sporco

e ogni giorno a digo sempre xxx por

 

 

RS23 21 PALLE

(Mille – Achille Lauro, Fedez, Orietta Berti)

camicia sporca de rossetto go un difetto, me piaxe andare con le altre lo fo spesso

ma la gaveva un bel culetto e lo ammetto che a volte mi so proprio stronzo ma non smeto

però mi vago via de testa per un décolleté e non me basta na morosa ghi ne vojo siè

a me inamoro facilmente go la mente che pensa solo a culi e tete mi so dipendente

me speta casa me morosa xe quasi le tre, me invento al volo do balote in punta de piè

però me casca xo le ciavi e fasso bacan, ela se sveja e taca urlare, 'a xe pexo del can

ghe digo che so nda a calceto ma non se la beve e tuti gli alibi se scioglie proprio come 'a neve

mi taco a diventare rosso e balbeto, amore però adesso torna in leto

senti che cazzate mi stai raccontando, sei lo stronzo più grande del mondo

quante vacche ti girano intorno, torna pur da to mare

io piuttosto sto da sola, dimmi sincero chi hai visto stasera?

se lo scopro è un bel problema

io ti avviso però se ti becco ti taglio le palle

si, io ti taglio le palle

a go 'l me telefono che xe pien de luamare in calore, la mona xe ossigeno me crea dipendensa

se non corteggio le altre done non stago mia ben, a fasso tuto de nascosto so come Lupin

ghe digo vago in ostaria o da me xia, se 'a me controla me lo taja via

senti che cazzate mi stai raccontando, sei lo stronzo più grande del mondo

quante vacche ti girano intorno, torna pur da to mare

io piuttosto sto da sola, dimmi sincero chi hai visto stasera?

se lo scopro è un bel problema

io ti avviso però se ti becco ti taglio le palle

si, io ti taglio le palle

sa, sa, sa gheto amore? sono inca, inca, incazzata nera

mi te giuro che a baldrache stavolta non vo più

stronzo ti taglio le palle

da, da, dai femo pace, io ti spa, spa, spacco la testa

le valigie sono pronte e non tornare più

io piuttosto sto da sola, dimmi sincero chi hai visto stasera?

se lo scopro è un bel problema

io ti avviso però se ti becco ti taglio le palle

si, io ti taglio le palle

palle

 

 

RS23 23 SPRITZ

(Creep – Radiohead)

con ti sto ben

so sta fortunà

quando te vedo

la vita xe bea

col to profumo

che me fa inamorar

te sì così dolce

e mi te adoro

mi amo 'l Spritz

co 'a naransa

quanto casso xeo bon?

mejo de 'a mona

go esagerà

i xe boni uguai

co na patatina

che no 'a guasta mai

d'assaporare

co i oci sarà

te sì speciale

e mi te adoro

mi amo 'l Spritz

co 'a naransa

quanto casso xeo bon?

mejo de 'a mona

oh, oh, Spritz

Aperol e Prosecco

Spritz ti sì tanto bon, bon, bon, bon

bon

co staco a lavoro

so tuto sudà

vojo un Spritzeto

e na sedia all'ombra

fame un Spritz

no serve altro

quanto casso xeo bon?

come la mona

come la mona

 

 

RS23 25 BUONANOTTE STELLINA

(Buonanotte all'Italia – Ligabue)

buonanotte stellina, buon riposo me amore

mi so qua nel me leto, non riesso a dormire

te immagino sola dentro la to pia stansa

mando in mona 'l destino par la to lontanansa

e coi oci socchiusi desso volo da ti

ma purtroppo xe un sogno e non xe mia così

buonanotte stellina, mi so qua drio pensare

dove xeo 'l me amore? cosa xea drio fare?

quanto vorìa desso essere lì

par stare con ti come nelle favole

quanto vorìa desso vederte un po'

ma questo lo so non xe mia possibile

buonanotte stellina, mi son drio immaginare

tute 'e robe che insieme ghemo ancora da fare

partire pal mondo sensa fare i bagagli

con in tasca un sorriso sensa noia e sbadigli

e fra tute le donne mi go scelto 'a pì bea

e le robe che amo le ghe piaxe anca a ea

stare svegli alla sera solo par ciacolare

serte volte a scopare altre a fare l'amore

quanto vorìa desso essere lì

par stare con ti come nelle favole

quanto vorìa desso vederte un po'

ma questo lo so non xe mia possibile

buonanotte stellina, forse son drio sognare

ma da questo bel sogno non me vojo svejare

mi provo a sforzarme non ricordo 'l profumo

e i ricordi ne 'a testa i xe tuti andà in fumo

e me sento un po' perso e me chiedo 'l parchè

la to foto sul leto desso non la ghe xe

buonanotte stellina, go un dolore nel cuore

perchè xe da na vita che te vojo incontrare