Testi Radiosboro 19

RS19 2 DAI CHE ‘O GO DURO

(Danza Kuduro – Don Omar ft. Lucenzo)

(dai che ‘o go duro, vien fora)

ae diexe passo che vegno torte, non vedo l’ora che lo go duro

non sta trucarte, non sta vestirte, niente mudande che lo go duro

te porto a campi, mi vardo ‘e stele, ti varda in basso che lo go duro

tro xo i sedili, te cavo ‘e braghe, me s-ciopa tuto che lo go duro

non me sembra quasi gnanca vero de averte qua visin co mi stasera

te sì bea come 'l sole tropo perfeta che non te sembri vera

xe da una vita che te volevo e desso me sembra un sogno

nemo nel bosco e dopo te mostro de cosa go bisogno

ae diexe passo che vegno torte, non vedo l’ora che lo go duro

non sta trucarte, non sta vestirte, niente mudande che lo go duro

(che bella) te porto a campi

(che gambe) mi vardo ‘e stele

(che tete) ti varda in basso

(che culo) che lo go duro

(te palpo) tro xo i sedili

(te lecco) te cavo 'e braghe

(te verxo) me s-ciopa tuto

xa da le siè l’è duro, ocio tocar che duro

meti le man qua dentro, prova a sentir che duro

ae diexe passo che vegno torte, non vedo l’ora che lo go duro

non sta trucarte, non sta vestirte, niente mudande che lo go duro

te porto a campi, mi vardo ‘e stele, ti varda in basso che lo go duro

tro xo i sedili, te cavo ‘e braghe, me s-ciopa tuto che lo go duro

(che bella) te porto a campi

(che gambe) mi vardo ‘e stele

(che tete) ti varda in basso

(che culo) che lo go duro

(te palpo) tro xo i sedili

(te lecco) te cavo 'e braghe

(te verxo) me s-ciopa tuto

xa da le siè l’è duro, ocio tocar che duro

meti le man qua dentro, prova a sentir che duro

(te verxo il culo!)

ae diexe passo che vegno torte, non vedo l’ora che lo go duro

non sta trucarte, non sta vestirte, niente mudande che lo go duro

te porto a campi, mi vardo ‘e stele, ti varda in basso che lo go duro

tro xo i sedili, te cavo ‘e braghe, me s-ciopa tuto che lo go duro

 

 

RS19 4 MI SO UN AGRICOLTORE

(Something in the water – Brooke Fraser)

go 'l galo che canta xe xa ora de nar via

ma perché, ma perché, ma perché

a scaldo un po’ 'l tratore senò no 'l parte mia

dormo in piè, dormo in piè, dormo in piè

stare scola non son bon

preferisso il formenton

non so genio ma però mi son libero

nei me campi mi sto ben

fasso ‘e seghe in mexo al fen

xe un lavoro sporco ma mi me sta ben così

mi so un agricoltore, vivo sul tratore

mi so un agricoltore, sto ben co i me porsei

che i xe sporchi, sa na spussa e i caga tuto 'l dì

ma i xe bei, ma i xe bei, ma i xe bei

mi ghe vojo tanto ben però a novembre i fasso su

fo ‘e braxoe, fo ‘e braxoe, fo ‘e braxoe

non go orari né paron

se go voja fo un canon

qua sto mejo che in città

sto par conto mio

se me ocore far pipì

cavo ‘e braghe e pisso li

quando invese fo popò

là go un albero

mi so un agricoltore, vivo sul tratore

mi so un agricoltore, sto ben co i me porsei

questo xe un lavoro beo

non go cassi pal serveo

viva ‘e vegne e 'l Raboseo

mi so un agricoltore, vivo sul tratore

mi so un agricoltore, sto ben co i me porsei

mi so un agricoltore, vivo sul tratore

mi so un agricoltore, sto ben co i me porsei

 

 

RS19 6 DOPO CAGO

(Ai se eu te pego – Michel Telò)

cossa gonti?

la pansa me fa male

go magnà massa

go finìo tuta 'a sopressa

bruxore, scorexe

me sento proprio sgionfo

me slacio ‘e braghe e scapa via tute le fighe

venere vo magnare

a so qua co i me amici a festeggiare

e fra ossi de mas-cio e salado

magno tuto anca oseli allo spiedo

desso s-ciopo, me bevo un digestivo

ciamo 'l conto e pago

trovo un cesso e dopo cago

che spussa, che tanfo

ma desso sto xa mejo

dopo 'l magnare ‘a pì bea roba xe cagare

la canson xe volgare

perché a parla de cacca e de cagare

ma non sta vergognarte e va in mona

caga tuti anca Vasco e Madonna

fare 'a cacca xe tuto naturale

non go vergogna quando impieno un po’ la fogna

che spussa, che tanfo

ma desso sto xa mejo

dopo 'l magnare 'a pì bea roba xe cagare

fare 'a cacca xe tuto naturale

non go vergogna quando impieno un po’ la fogna

che spussa, che tanfo

ma desso sto xa mejo

dopo 'l magnare 'a pì bea roba xe cagare

 

 

RS19 7 FO FESTA

(Without you – David Guetta ft. Usher)

sto weekend fo feston

mi me gonfio fa un balon

fo festa, fo festa

non go schei ma sto ben

do biceri e cavo 'a sen

fo festa, fo festa

la morosa non la go

masturbarme mi son bon

fo festa, fo festa

non lo so dove andrò

ma mi me divertirò

fo festa, fo festa

fo festa, fo festa

mi sto ben in compagnia

e i pensieri vola via

fo festa, fo festa

basta poco a far casin

quatro amici e un po’ de Gin

fo festa, fo festa

non so stanco, gnanca un po’

casa in leto non ghe vo

fo festa, fo festa

non so gnanca che ora sia

ma da qua mi non vo via

fo festa, fo festa

fo festa, fo festa

mi sto ben in compagnia

e i pensieri vola via

fo festa, fo festa

 

 

RS19 9 DAMIGIANO

(La canzone del capitano – DJ Francesco)

Rit1: mi me ciamo Luigino e me piaxe un po’ il vino

fra Prosecco e Raboso a go ‘l fià che l’è schifoso

ale sete dea sera fasso un Spritz col Barbera

bevo bianco Trebbiano i me ciama Damigiano 2 v.

Rit2: un fià de onda e come su na barca mi me gira 'a testa

xe tre giorni che fo festa, ormai so smarso a go na balla

e dentro nella testa sento come na gran folla, tuti che balla

ma che condana doman xe luni taca n’altra setimana, putana

a so xa stufo, lo so xa desso perché dopo un’ora cosa se, perché cosa se, se

mi fo il muraro sopra l’armadura e con la cassola non sbaglio mia

ma quando vedo 'l me fiascheto sora al mureto mi serco de portarlo via

lo go xa verto e in un secondo lo fasso fora

me piaxe il nero, de soprannome fo seciaro

go sempre il gumio alto, par tuto 'l giorno mi also il goto

mi son sovrano e mi son Damigiano, bèvio

Rit1: mi me ciamo Luigino e me piaxe un po’ il vino...

al sabo sera mi vo in giro in serca de tute le feste, par far bacan

scominsio col Raboso, abuso, un goto de Garganego, Chardonney

e se non so gnancora gonfio, bevo un po’ de Cabernet

ma 'l me dotore el vole che lo scolta, el me ga dito che se n’altra volta

fasso n’altra balla ris-cio proprio grosso, desso basta

ma non ghe riesso, me piaxe il Marzemino, perché col vino

mi fasso festa fino al matino e co so pieno pisserò sul pino

con tuto il resto dei miei amici e dopo ancora baldoria

ma col goto sempre in mano, mi son Damigiano

Rit1: mi me ciamo Luigino e me piaxe un po’ il vino...3 v.

Rit2: un fià de onda e come un una barca mi me gira a testa...

Rit1: mi me ciamo Luigino e me piaxe un po’ il vino...2 v.

bèvio sacramento

 

 

RS19 11 SPACACASSI

(Paparazzi – Lady Gaga)

ecome qua col volume a balin

che bestemo con ti

che te sfondi le bale in continuassion

te sì na maledission

qualche ano fa non te jeri così

te tasevi de pì

a te jeri na toxa fantastica

ti te jeri magica

desso tuto xe cambià

cossa gheto in tel serveo che te me pari matta? spaca, spacacassi

Satana co l’è imbestià non te fa gnanca un baffo, spaca, spacacassi

non te tasi mai, che rassa de condana che te sì

cossa gheto in tel serveo che te me pari matta? spaca, spacacassi

me piaxaria che vegnesse un bel dì

che me gira le bae

te me cati rabioso e te do un carton

ca te tasi un par de dì

anca to opà me gaveva avvisà

varda che ea la xe come so mare qualche anno fa

la sembrava indormessà

desso tuto xe cambià

cossa gheto in tel serveo che te me pari matta? spaca, spacacassi

Satana co l’è imbestià non te fa gnanca un baffo, spaca, spacacassi

non te tasi mai, che rassa de condana che te sì

cossa gheto in tel serveo che te me pari matta? spaca, spacacassi

ma mi però adesso taso pì

parchè a go le bale gonfie

perciò fora da ‘e bae

e molaghe de brontolar

cossa gheto in tel serveo che te me pari matta? spaca, spacacassi

Satana co l’è imbestià non te fa gnanca un baffo, spaca, spacacassi

non te tasi mai, che rassa de condana che te sì

cossa gheto in tel serveo che te me pari matta? spaca, spacacassi

 

 

RS19 13 PAR CONTO MIO

(The lazy song – Bruno Mars)

ancò mi vojo stare par conto mio sensa rompimenti de bae

me buto sul divano un po’ che ancò lavoro non ghe vo

perché ancò mi vojo stare pa i cassi mii

la me vita la xe piena de pensieri e problemi

a lavoro in te na ditta che i me pare tuti semi

e ciapo manco de un pensionà

el paron che rompe ‘e bale e che me impiena de besteme

gnanca fosse un mas-cio dentro 'a stala col bestiame

ghe darìa na bea cortelà

ma so fiaco, so stufo, non ghi'n posso più

ancò mi vojo stare par conto mio sensa rompimenti de bae

a smorso tuto anca 'l PC co Facebook, che ‘e cassade lì

perché ancò mi vojo stare pa i cassi mii

ancò non ghe son

a va male anca la storia che go insieme a me morosa

la me masena le bale perché a vole che la sposa

ma non so mia rincojonio

non a me assa imbriagarme, la voe sempre averla vinta

almanco la me dasse qualche baxo su la punta

ma non so se lo ga capìo

ma so fiaco, so stufo, non ghi'n posso più

ancò mi vojo stare par conto mio sensa rompimenti de bae

a smorso tutto anca 'l PC con Facebook, che ‘e cassade lì

perché ancò mi vojo stare pa i cassi mii

desso penso solo par mi, resto solo con mi

e tuti gli altri ancò non i calcolo mia

fasso gnente par tuto 'l dì

e i pensieri non i go pì

na volta al mese vojo stare così

ancò mi vojo stare par conto mio sensa rompimenti de bae

non vojo gnanca 'a teevision, go i Radiosboro a baeton

perché ancò mi vojo stare pa i cassi mii

ancò non ghe son, mi non ghe son

 

 

RS19 15 VAGO AL CESSO

(L'odore del sesso - Ligabue)

go magnà come un mas-cio me sento che son drio s-ciopare

a me toca slaciarme un boton che così tiro il fià

sento 'a pansa brontolare, a continuo a scoresare

son sicuro fin casa mi non ghe resisto mia

a me also in pressa e scapo suito via

me fermo al bar così vago al cesso, me 'a fo dosso

ma ‘l xe intasà e mi desso sa fasso? cago a sprusso

go magnà minestron co i faxoi Borlotti e coessa

de secondo un bel piato de lessi con la pevarà

mi non so se so indisposto o che go magnà l’arrosto

mi so solo che desso sofro de aerofagia

a scorexo un poco e dopo scapo via

me fermo al bar così vago al cesso, me 'a fo dosso

ma ‘l xe intasà e mi desso sa fasso? cago a sprusso

me fermo al bar così vago al cesso, me 'a fo dosso

ma ‘l xe intasà e mi desso sa fasso? cago a sprusso

me 'a fasso in braghe

son disperà davero

vago nel fosso e cago là

cago nel prà

 

 

RS19 17 NO I BASTA MAI

(Last friday night – Katy Perry)

vardo dentro al me tacuin ghe xe gnanca un petachin

ogni mese xe così magno tuto in quatro dì

pago l’assicurassion che massada sacranon

el stipendio l’è finìo a me copo porco xio

e par nare via co i me amici ghe domando a me opà

se 'l me presta schei perché so in difficoltà, lo so

no i basta mai, jera mejo ani fa quando col me motorin navo in volta a far casin

no i basta mai, desso tuto xe cambià a te triboli fa un can, non te compri gnanca 'l pan

no i basta mai, de nar vanti non son bon, non me basta gnanca i schei par far su mexo canon

no i basta mai, jera mejo ani fa, navo in volta a far casin

no i basta mai, non so mia parchè

no i basta mai, non so mia parchè

go la machina scassà, son vestìo da poro can

e par fare economia non vo gnanca in pisseria

a sparagno tuti i dì ma non ghe la fasso pì

vorìa farme su un spineo ma go in tasca gnanca un scheo

e par nare via co i me amici ghe domando a me opà

se 'l me presta schei perché so in difficoltà, lo so

no i basta mai, jera mejo ani fa quando col me motorin navo in volta a far casin

no i basta mai, desso tuto xe cambià a te triboli fa un can, non te compri gnanca 'l pan

no i basta mai, de nar vanti non son bon, non me basta gnanca i schei par far su mexo canon

no i basta mai, jera mejo ani fa, navo in volta a far casin

no i basta mai, non so mia parchè

no i basta mai, non so mia parchè

PARLATO

no i basta mai, jera mejo ani fa quando col me motorin navo in volta a far casin

no i basta mai, desso tuto xe cambià a te triboli fa un can, non te compri gnanca 'l pan

no i basta mai, de nar vanti non son bon, non me basta gnanca i schei par far su mexo canon

no i basta mai, jera mejo ani fa, navo in volta a far casin

no i basta mai

 

 

RS19 19 LA MARIA

(Mama mia - ABBA)

mi go sempre seguìo la me vera passion

gli altri toxi naxeva a xugare a baon

mentre mi me piaxeva de più nare via

co na foja dentro 'a scarsea

che me porta tanta allegria

ale sete de 'a matina finchè

a pociavo panbiscoto in tel thè

mi sognavo

la maria

e mi stavo ben

e mi non son bon star sensa

la maria

la me fa star ben

e mi dopo fasso festa

xe xa da più de un’ora

che mi non son mia fora

desso vago fora co 'a maria

la maria

non la tradirò, mai mai

a son fora fa un balcon

mi son fato così go 'l servo fulminà

me diverto de pì se vo fare bacan

a go provà non sercarla ma mi go sentìo

na vocina dentro al serveo

che dixeva “fa su un caneo”

e così mi non go più resistìo

sensa ela non xe più gnanca beo

sogno sempre

la maria

e mi stavo ben

e mi non son bon star sensa

la maria

la me fa star ben

e mi dopo fasso festa

xe xa da più de un’ora

che mi non son mia fora

desso vago fora co 'a maria

la maria

non la tradirò, mai mai

a son fora fa un balcon

 

 

RS19 21 NON POSSO STARE SENSA

(Price tag – Jessie J ft. B.O.B.)

tuto quanto gira intorno a ea sa gala po de tanto beo

non ghe xe na spiegassion ma te tira 'l bacheton pa na roba che xe piena de peo

che 'a sia poareta o pure nobile la ga na forma inconfondibile

e nel mondo ghe xe mia n’altra roba tanto bea e se ghe penso me se gonfia 'a capea

tuti quanti xe inamorà ma nessun se ‘o ga mai spiegà

ghe sarà un perché a mi me vien da dir così

Rit: a mi me piaxe 'a mona, mona, mona

che bea che a xe la mona, mona, mona

si lo so non go creansa ma non posso stare sensa

vegno mato quando che non ‘a vedo dopo vago in leto e col pensiero

te lo digo n’altra volta me piaxe la patata

la xe quasi na divinità un inchino per sua maestà

tuto il mondo ghe va drio al batufolo de peo che a comanda o fa tirar l’oseo

la rima xe anca massa facile spiegarlo sembra quasi inutile

cossa xea che ‘a roba che la se lava in tel bidet e la mete tuti i cicci in piè?

tuti quanti i xe inamorà ma nessun se ‘o ga mai spiegà

ghe sarà un perché a mi me vien da dir così

Rit: a mi me piaxe 'a mona, mona, mona…

la filastrocca la sembra sciocca perché la parla solo de gnocca

ma se 'a te entra in tel serveo dopo 'a va a l’oseo

e alora seto cosa che te digo mi

che se a quanto beo xe 'l batufolo de peo

non 'a xe na novità ma xe la verità

perché 'a mona xe davero bea e a gonfia la capea

te ‘o digo in confidensa te vien la dipendensa

xe un’esigensa, la xe un oracolo se 'a fa beneficensa

e ala fine la morale xe 'l pensiero universale

che tuti quanti sogna de sbaterse na fregna

Rit: a mi me piaxe 'a mona, mona, mona…2 v.

so mato par la mona, che bea che xe la mona

me piaxe la patata, me piaxe tanto 'a mona

par mi xe un’esigensa, par mi xe un’esigensa

a go la dipendensa, a go la dipendensa

 

 

RS19 23 XE XA RIVA’ L’ESTA’

(Just can't get enough – The Black Eyed Peas)

vara che bel sole che xe in cielo ancò me vien voja de nar fora e far casin

e dopo tanti mesi 'l fredo xe finìo, par fortuna che xe xa rivà l’està

xe xa rivà l’està, xe xa rivà l’està, xe xa rivà l’està, xe xa rivà l’està

basta con el fredo e con le sciarpe, scondo nell’armadio tute ‘e scarpe

desso uso solo le savate, co i ociai da sole e un par de braghe rote

jero stufo dell’inverno sempre sarà in casa su pal termo

par fortuna xe tornà l’estate, ciapo 'l sole che so bianca come 'l late

la television la vendo, ciapo 'a busta paga e in un giorno me la spendo

vago in volta ogni sera a fare festa, se conosse gente nova in ogni posto

vorìa che sto bel sole stasse sempre qua

xe finìa la nebbia e xe xa tornà l’està e xe xa tornà l’està

vara che bel sole che xe in cielo ancò me vien voja de nar fora e far casin

e dopo tanti mesi 'l fredo xe finìo, par fortuna che xe xa rivà l’està

xe xa rivà l’està, xe xa rivà l’està, xe xa rivà l’està, xe xa rivà l’està

desso ‘e toxe ‘e mete ‘e cotolete, xe finìa a condana dei giubeti

le vien fora con le maje strete e da 'a scolatura vedo un po’ de tete

tute quante soridenti con l’estate le diventa più splendenti

le ga voja de socializzare e qualche volta le se fa anca rimorchiare

ala sera tuti in giro, vedo ‘e toxe che se mete tute in tiro

ma che beo se tuto l’ano fusse estate con na maglia corta e par de sandaleti

vorìa che sto bel sole stasse sempre qua

xe finìo l’inverno e xe xa tornà l’està e xe xa tornà l’està

vara che bel sole che xe in cielo ancò me vien voja de nar fora e far casin

e dopo tanti mesi 'l fredo xe finìo, par fortuna che xe xa rivà l’està

festa, festa, xe l’està, festa

dai che xe rivà l’està, vai che torno insachetà

vien che tuti speta ti, dai che 'a note xe sta chi

dai che il caldo dura poco e dopo torna il fredo, inverno

dai che 'a vita xe una sola e mi stasera fasso festa

bevemo, ridemo, balemo, vai, cantemo, sighemo, fasemo festa

la vita la xe corta e incasinà ma desso me godo sta serata spensierà

xe l’està, festa

 

 

RS19 25 DIVENTARE GRANDE

(Il peso della valigia - Ligabue)

go speso tuta 'a me vita per arivare fin qua

e son partìo che jero quasi un toxeto

con i me amici a cantar Radiosboro, mi non gavevo pensieri

disdoto ani e tanta voja de far sempre bacan

non se gaveva problemi o morose

l’unica roba importante da sempre jera de star tuti insieme

ma il tempo passa e anca se sembra ieri a xe passà vent’ani

a sarìa ora de fare giudissio e diventare grande

ma non so bon cavarlo da 'a testa

la me fameja la xe un po’ anca questa

e melodie ed accordi e tanti bei ricordi

partivo al venere de sera con el Ducato scassà

e quanti porchi quando che no 'l partiva

e mille sere a trovarse a far prove fra bira, vin e Marlboro

ma la passion la xe tanta e la me tien imprigionà

e quando che mi vorìa abandonare

me basta fare un concerto e vederve sì tuti lì par sigare

e questo brano te lo dedico a ti che te lo stè ascoltando

mi te ringrassio e xe proprio par questo che desso mi sto cantando

e non so bon cavarlo da 'a testa

la me fameja la xe un po’ anca questa

e melodie ed accordi e tanti bei ricordi

non so bon cavarlo da ‘a testa, mi non resisto, mi go da far festa

e non fo mia de manco mi amo star sul palco

che belo stare co ‘a gente che xe vegnù qua par mi

finìo 'l concerto xe beo ciacolare

conoser gente che vien da distante a mi me fa emossionare

il tempo passa e de sto gruppo non me so mai stancà

mi go provà ma non riesso a molare

e son sicuro che se smorso il microfono

se smorserà anca 'l me cuore

e non so bon cavarlo da 'a testa

la me fameja la xe un po’ anca questa

e melodie ed accordi e tanti bei ricordi

non so bon cavarlo da ‘a testa, mi non resisto, mi go da far festa

e non fo mia de manco, mi amo star sul palco