Testi Radiosboro 14

RS14 3 GO LA SINQUESENTO NERA

(La camisa negra - Juanes)

desso che xe sabo sera a vo in disco per balare

vojo fare un po’ de festa e trovare da scopare

vedo na bea figa in pista, vo balare insieme a ela

ela la me fa un sorriso e mi ghe digo che a xe bela

a la invito al bar par bere un po’

son sicuro che questa me la scopo

ghe domando de nare casa mia e la me dixe che va ben

ma co semo al parchegio la me domanda se

a so con la Ferari, el Jaguar, BMW

e mi invese ghe digo che mi so un poro can

co rivemo ala machina digo

ecco, go la sinquesento nera

la xe quea modelo vecio

la consuma poco pocio e sul sedile go na macia

ela la me spua in te un ocio

la me manda anca a cagare

e mi co 'a sinquesento nera vago casa a bestemare

go la sinquesento nera ma non son mai in imbarasso

vo via co la testa alta e mi non me ne frega un casso

se a tute ‘e toxe non la ghe piaxe, le xe tute dei troioni

e le da via la figa solo se te ghe in banca i milioni

go un amico l’è bruto, anca panson

ma 'l va in giro col culo sul Ferrari

e le toxe co ‘e vede le se bagna e le xe tute innamorà

e mi invese co rivo a le me ride drio

mi lavoro nei campi insieme co me xio

la me paga xe bassa e non ‘a me basta mia

per cambiare la machina e dunque

ecco, go la sinquesento nera

la xe quea modelo vecio

la consuma poco pocio e sul sedile go na macia

no ‘a sarà mia tanto bela, a maneta fasso i sento

ma mi co 'a sinquesento nera vago in volta e so contento 2 v.

 

 

RS14 4 LUA MARIO

(Bar Mario - Ligabue)

la Sandra riva e la xe proprio scosciata

ma no 'a me piaxe perchè la xe tatuata

la xe un troione e la porta sempre 'l perizoma tigrato

vien dentro Giorgia, in tel bar tuti la varda

na bea cavala me piasarìa montarla

la go do tete che le me someja do baloni da calcio

mi xugo a carte e fasso finta de gnente

a perdo tuto, xugo come un deficiente

la Sara beve, la ga 'a minigona e te ghe vedi il galone

a vago al banco, me fasso fare un Martini

riva la Chiara che la xe brava a bochini

e la me dixe “dai fa presto a bere che te svodo le bale”

la vardo e stasera vo via con sta qua

non so più con quale figa nare a ciavar 3 v.

la porto fora, me 'a scopo in mexo al vegnale

me 'o ciapa in boca ma la me fa tanto male

colpa del piercing che la ga su 'a lingua e che me spuncia 'a capela

la porto casa ma non son mia sodisfato

go ancora voja, mi par la figa son mato

e quasi quasi a ciamo qualcheduna che ghe va de scopare

uno squillo alla Eva e la xe xa qua

non so più con quale figa nare a ciavar 3 v.

a xe le quatro, vedo sul me cellulare

ghe xe la Elisa che la continua a ciamare

la stà distante ma forse riesso nare prima che fassa ciaro

e par stasera posso nar casa contento

par nare a troie mi me ritegno un portento

go 'l cicio grosso e alle toxe questo non ghe dispiaxe mia

xe importante sborare tre volte ogni dì

non so più con quale figa nare a ciavar 3 v.

 

 

RS14 6 COL BILICO

(Estate - Negramaro)

col bilico vo in giro tuto 'l dì

a fasso 'l camionista par na ditta de trasporti

a so sentà da 'e quatro de matina

a fasso venti ore al giorno in camion porco xxx

bestemo e fumo finchè guido

e ogni tanto parlo col CB

e capita anche che a dormo via quando so distante

e pago na baldracca che la vegna farme un poco compagnia

col bilico a carico bancai

a ciapo novesento euro al mese xxx vigliacco

ma ‘a xe così parchè non go studià

e parlo in italiano pexo de un Portorican

scorexo e ruto finchè guido

e ogni tanto parlo col CB

e capita anche che in autogrill compro un giornaleto

con dentro il poster de na troia co 'e tete fora e me lo taco via

col bilico vo in volta e a carico

cemento, sabbia, piegore e porsei

e tuto 'l dì sul bilico

el tempo someja che non passa proprio mai

a go la pansa e 'l culo indolensìo, a xe 'l sedile

lo so anca mi, l’è un lavoro sbolso

ma mi go fato ‘a quinta elementare e dopo non go più

e dopo non go proprio più

e dopo non go proprio più studià

 

 

RS14 8 LUNI

(Luna – Gianni Togni)

fame dormire ancora un po’, che ora xe?

ma cosa gheto da sigare? a xe le siè

a resto ancora n’altra s-cianta in leto

tanto xe sabo, niente lavoro

me mare taca a bestemare e a dixe che

a go da nare a lavorare che go sbaglià

allora vardo il calendario, merda

a so inseminìo, me acorso che xe

Rit: luni

luni scominsia a settimana e go da ndar lavorare

a vago in volta par le strade insieme con me pare

e trò in tel camion l’imondissia

più che un lavoro na disgrassia

luni

luni l’è un giorno che par mi sarìa mejo cancelare

dopo un sabo e na domenega passà a balare

ma luni riva 'l giorno dopo

pitosto de svejarme a scapo, luni

a fo un lavoro disgrassià che non me va

vorìa cambiarlo e ghi ne parlo co me papà

e lu me tira na bestema e dixe

se cambio 'l me pesta, me spaca la testa

fortuna che xe venerdì e go finìo

a me diverto un par de dì, chel porco de xxx

ghi n’ho le bale proprio piene, so stufo

ma tanto lo so doman a xe xa

Rit: luni...

la settimana finirà, ghi’n posso più

così non vedo pì me opà, so stufo de lu

a me imbriago da star male e cagno

se lu xe ne acorse, me taja le bale

gli amici, i goti e l’osteria, che ben che sto

con lori mi me perdo via, a femo un feston

ma prima o dopo riva sera e penso

che tanto lo so, doman a xe xa

Rit: luni...

 

 

RS14 9 MA LA CAMBIERA'

(Mi fido di te - Jovanotti)

trentado ani e fasso do conti, fasso il bilancio dela vita mia

momenti d’oro, periodi de merda, coi alti, coi bassi che ‘a vita ne da

e tanti amori, con gioie e dolori e quante sere passà a bestemare

sempre problemi, salute, lavoro, tuto va male, sta vita non va

e quando toco il fondo e odio tuto il mondo

e sembra che ne 'a vita non go possibilità de sperare de star ben

non vojo più soffrire, xe ora de reagire

ma la cambierà, ma la cambierà, ma la cambierà

ormai non go niente da perdere

ma la cambierà, ma la cambierà, ma la cambierà

ormai mi posso solo vinsere

e l’ano scorso gavevo ‘a morosa sembrava quea giusta, perfeta par mi

e tuto un colpo diventa un’estranea e gnanca capisso perché 'a xe scapà

non credo a niente, a son diffidente l’amore in eterno non pole più esistere, credo

non vojo storie, ricordi, memorie, forse fa male ma me passerà

e quando toco il fondo e odio tuto il mondo

e sembra che ne 'a vita non go possibilità de sperare de star ben

non vojo più soffrire, xe ora de reagire

ma la cambierà, ma la cambierà, ma la cambierà

ormai non go niente da perdere

ma la cambierà, ma la cambierà, ma la cambierà

ormai mi posso solo vinsere

rabbia, rancore, speranse, paure, dolore e qualche volta la felicità

problemi vari, salute e lavoro e vedo il sole solo nel pensiero

forsa e corajo, doman sarà mejo, la vita la migliorerà

non vojo storie, le done xe troie, le te fa male, ma te passerà

e quando toco il fondo e odio tuto il mondo

e sembra che ne 'a vita non go possibilità de sperare de star ben

non vojo più soffrire, xe ora de reagire

ma la cambierà, ma la cambierà, ma la cambierà

ormai non go niente da perdere

ma la cambierà, ma la cambierà, ma la cambierà

ormai mi posso solo vinsere

 

 

RS14 11 XE MEJO STAR DA SOI

(Gelido – Alex Britti)

a go ‘a morosa da quasi sie mesi

dopo tre ani che jero da solo go perso la testa, non so più scapolo

a go ‘a morosa che 'a ciama ogni giorno

e serte volte mi so lavorare ma go da scoltarla, senò non me ‘a da più

a go ‘a morosa che cambia ogni giorno

a me ricordo che le prime volte co mi navo torla, la jera un strafigon

e invese desso la xe vegnù grossa, el trucco desso non lo mete altro

e i peli de 'a figa non se li taja più

a go ‘a morosa ma non ciavo altro

difati quando che mi lo go duro la cata na scusa e mi non sboro più

e barufemo per ogni cassada

e la me rompe sempre le balote se tiro besteme e non ghi’n posso più

Rit: xe la storia un po’ de tuti e tuti quanti a ga provà

quando che restar da solo non te va

ma te cati la morosa e tuto cambia intorno a ti

e a vardarla in facia non te ghe 'a fè pì

xe mejo star da sòi

a go ‘a morosa che rompe el cazzo

non posso gnanca pì bere la bira perché la me gonfia e lora non ‘a fa ben

a go ‘a morosa che la sbeca sempre

la ga la boca solo per magnare e rompere i ovi e non ghi’n posso più

Rit: xe la storia un po’ de tuti e tuti quanti a ga provà...

a me ricordo che la sera navo in volta co i me amici

tornavino 'a matina in coma etilico

e invese desso go 'a morosa e mi non posso fare gnente

gli amici dixe che son deficiente

e prima quando jero solo mi sercavo a moroseta

e go inissià sta storia maledeta

e desso con la storia seria invidio tuta 'a me combricola

in volta a bere bira e fare bagolo

e invese desso go 'a morosa e mi non posso fare un casso

e tante volte proprio non ghe 'a fasso

e prima quando jero singolo a sercavo 'a moroseta

e go inissià sta storia maledeta 2 v.

xe mejo star da sòi 16 v.

 

 

RS14 13 GO IMPARA' A VENDEMARE

(Ho imparato a sognare - Negrita)

go imparà a vendemare quando xero un toxeto, quando navo jutarghe a me opà

me svejavo 'a matina e naxevo xo in corte e a tuti ghe davo na man

quando in mexo al vegnale ghe pasavimo apena

con la me BCS che la xera xa piena

perché mi go imparà a vendemare e vendemerò

go imparà a vendemare ma non jero mia bravo e veloce come me opà

el me dava col palo dela forca su 'a testa finchè dopo a non go imparà

sempre in mexo ai filari col capelo de paja

el profumo del mosto se sentiva nell’aria

perché mi go imparà a vendemare e vendemerò

fra na bota ala tina se 'a xe piena non so

e na bota al torcio che non nava pì xo

lavoravo de gusto co la forbexe in man

perchè 'l vin fusse pronto doman

perché mi go imparà a vendemare e vendemerò

go imparà a vendemare, desso xe 'l me lavoro e mi a scola non ghe so mai stà

e ad otobre go pronte do cisterne de moro, le imbutijo e ‘e vendo al marcà

non go altri interessi, mi go solo visele

quando il Clinto xe pronto a me impieno 'e massele

perché mi go imparà a vendemare e vendemerò

fra na bota ala tina se 'a xe piena non so

e na bota al torcio che non nava pì xo

lavoravo de gusto con la forbexe in man

perchè 'l vin fusse pronto doman

perché mi go imparà a vendemare e vendemerò

perchè mi go imparà a vendemare e vendemerò

 

 

RS14 15 ANGELO

(Angelo – Francesco Renga)

a xe scuro e go sòno

vo al lavoro, ghe vo col treno

lavoro in officina

me meto ‘a tuta blu

semo in sentotrenta operai

tuti i me conosse e i lo sa el nome mio

Angelo

fo 'l tornidore parché

go studià ma co jero in quinta i me ga bocià

me son ritirà

e lavoro in piè

da 'e diexe ale siè

fasso il turno, queo de note

su pal tornio che do balote

a tajo tondini e saldo

a sudo che xe caldo

e de boto me indormesso in piè

ma go da star tento de non farme mae

Angelo

go da svejarme parchè

tempo fa ae quatro de note a me so abiocà

a jero sul tornio, a go sarà i oci, se incastra la tuta

el me tira dentro e go perso tuti quanti i dèi

so sfigà

so nà all’ospedale e i me ga operà

e son ritornà

e lavoro in piè

da 'e diexe ale siè

 

 

RS14 17 PIEN DE DIFETTI

(Piccola Kety - Pooh)

mi son pien de difetti

mi son pien de difetti, si lo so

pien de difetti, mi non so ‘sa fare

tute le done me manda cagare

perché go 'l cicio che non vien mai duro

perché me vesto da vero boaro

e co me sento in tola a magnare

quando finisso me vien da rutare

pien de difetti

mi son pien de difetti, si lo so

pien de difetti, a go anca la pansa

e co me peso me s-ciopa ‘a balansa

e a trentun’ani a go la dentiera

go le balote che riva fin tera

perché non scopo dall’87

e pa spurgarme me fasso ‘e pugnette

pien de difetti

mi son pien de difetti, si lo so

PARLATO

mi son pien de difetti

mi son pien de difetti, si lo so

pien de difetti a parlo in dialeto

e co me svejo scorexo nel leto

a so stralocio da quando so nato

serco ‘a morosa ma mi non la cato

e quando vago a conossere una

non la vien fora perché go la Duna

pien de difetti

mi son pien de difetti 6 v.

si lo so

 

 

RS14 19 SEMO NA CIAVARE CASA MIA

(Il mondo insieme a te - 883)

mi non savarìa se sia mejo che te conta na buxia

o sia mejo che te diga a verità perché quando a go rivista son restà

con la boca verta

quanto a xe cambià, la ga messo su do bele tete 'a xe smagrà

la ga fato un bel culeto e me se diventà

tuto un colpo il cicio duro, ghe so na tacà

ghe go da un baseto e dopo

semo na ciavare casa mia finchè ti te jeri via

questa non la xe na buxia, xe vero te go tradìa

e non so come casso fare par podere rimediare a questo errore

semo na ciavare casa mia finchè ti te jeri via

ma desso ti non sta nar via, xe sta solo colpa mia

però se pole rimediare se te me voi perdonare e ritornare a stare insieme a mi

desso go capìo che l’è stà un errore grande quelo mio

te go fata stare male e desso ti non te voi proprio tornare insieme a mi

mi te chiedo scusa

so che go sbajà, so sta proprio un ebete ma co 'a go vista là

dopo che semo sta insieme tanto tempo fa

a me xe vegnù na grande voja de ciavar

la go cargà sul Garelli e

semo na ciavare casa mia finchè ti te jeri via

questa non la xe na buxia, xe vero te go tradìa

e non so come casso fare par podere rimediare a questo errore

semo na ciavare casa mia finchè ti te jeri via

ma desso ti non sta nar via, xe sta solo colpa mia

però se pole rimediare se te me voi perdonare e ritornare a stare insieme a mi

mi lo so go fato na capea ma ela la jera bea

ma desso ti non sta nar via, xe sta solo colpa mia

però se pole rimediare se te me voi perdonare mi vojo restare insieme a ti

 

 

RS14 21 NON SMETTO DE CANTARE

(Prendere o lasciare – Alex Britti)

desso che xe tanto tempo che go tacà a cantare

me ricordo quante volte me svejavo la matina non savevo cosa fare

la me vita xa complessa gavevo i me problemi

ma se stavo sora al palco par na sera, un par de ore i sembrava meno veri

dopo tute le morose che me ga mandà in rovina

come fasso a rinunciare al gruppo Radiosboro che me porta la vagina

dopo tute chele volte che so tornà imbriago

ala sera fasso festa, me imbriago come un oco el giorno dopo ‘a pago

ogni volta che trovavo na figa che ghe stava

jero sempre massa fora, 'l giorno dopo non savevo come che ’a se ciamava

però me perdevo via e andavo a cantare

e col gruppo se rideva e schersava ogni dì, fasevo tante bale

e adesso canto mi, stasera in sto locale

par dire a tuti quanti queli che xe dentro qua de starme ad ascoltare

a chi che non ghe va de sentir bestemare

a xe mejo che i se alza e i vaga via perché mi non smetto de cantare

 

 

RS14 22 VO VANTI A MAN

(Si viene e si va - Ligabue)

me 'o meno co ‘a man

bisogna sborare

pensando ala figa come che ‘a fosse qua

me 'o meno co ‘a man

vardando giornali, cassette, video porno

menando la coa tuto 'l giorno

me 'o meno co ‘a man

a svodo le bale

me fasso na sega oppure me inculo 'l can

me 'o meno co ‘a man

ormai xe un ano che vado sempre al Boys

go l’abbonamento a tuti i night

vo vanti a man

come un can

son cresù a seghe e pan

e non son bon

de far de manco

de farmele ogni dì

me 'o meno co ‘a man

sercando na figa

parchè dele seghe mi me son stufà

me 'o meno co ‘a man

a so vegnù vecio

e mi sto visieto

non lo go mai scordà

me 'o meno co ‘a man

ormai xe ani che vado sempre al Boys

i me riconosse in tuti i night

vo vanti a man

come un can

son cresù a seghe e pan

e non so bon

de far de manco

de farmele, de farmele, de farmele

de farmele ogni dì 2 v.

 

 

RS14 24 LASSAME NAR VIA

(Lascia che io sia - Nek)

non me interessa niente

anca se ti sì sofferente

basta, non vojo mia lassarte

farme da novo male

te me ghe xa rotto le bale

adesso te vedarè, te pentirè

lassame nar via

che non vojo più parlarte

ti sì inseminìa

ma so stufo de scoltarte

tute ‘e volte che go rinuncià

a lassarte qua impiantà

a xera mejo che mi nasse via

le to scuse fa pena

mi non lo so con che corajo te parli

e te me accusi sempre

ricordo che na volta

a te piaxevo come jero

invese adesso a ti

non basto pì

lassame nar via

che non vojo più parlarte

ti sì inseminìa

a so stufo de scoltarte

tute ‘e volte che go rinuncià

a lassarte qua impiantà

le to balote non scolterò

perché ormai niente xe più importante

non sta andare via

che go voja de parlarte

mi son sempre tua

non sta meterme da parte

mi de ti son cora innamorà

vojo stare ancora qua

vojo restare per sempre tua

perché par mi ti te sì el più importante

 

 

RS14 25 MI LA MOROSA NON LA GO

(I bambini fanno oh - Povia)

mi la morosa non la go, vo vanti a seghe

mi la morosa non la go o scopo ‘e fighe

lo go deciso da un bel po’ che mi da solo resterò

forse xe mejo non vojo done su pa i cojoni

mi la morosa non la go, non go pensieri

nessuna che me rompe se non ghe piaxe quel che fo

e non barufo, so stufo de romperme i maroni

se vojo nare in disco vo sensa nessun che diga no, no

se cato una, la porto casa e me la guzzo si, sensa problemi

perché ogni dona la xe differente e mi le provo tute

la morosa non la go, sto ben da solo

mi la morosa non la go, non go nessuna che rompe 'l cazzo

ma go solo quele che ‘o ciucia un po’ finchè non sborerò

e la morosa non la go ma so sincero con tute quante

ghe digo a tute, non vojo storie, gnente promesse, gnente morose

e le done le xe tute diverse sopratuto a scopare e anca a godere

qualcheduna usa la fantasia, qualchedun’altra va via se fo proposte porsele

ghe xe quela che ghe piaxe in bocca e invese altre niente

e serte ‘o vole fare in tre, vojo fare anca quelo, a so un porselo

mi la morosa non la go, non go nessuna che rompe 'l cazzo

ma go solo quele che ‘o ciucia un po’ finchè non sborerò

e la morosa non la go ma so sincero con tute quante

ghe digo a tute, non vojo storie, gnente promesse, gnente morose

mi la morosa non la, mi la morosa non la, mi la morosa non la go

scopo se go voja, se vojo divertirme un po’ vago da na roja

lo so che xe sbajà ma stago ben co go sborà

e vojo farlo con tute quante, vojo scopare, vojo godere e sborare

me piaxe la figa ma sempre diversa

me piaxe 'l sesso, me piaxe 'l culo, vojo sborare

non vojo legami, le done xe troie, non vojo sposarme

mi la morosa non la go

mi la morosa non la go