Testi Radiosboro 13

RS13 2 PERVERSO

(Perverso – Tiziano Ferro)

la matina verxo i oci e go 'l cicio che someja imbalsamà, che mae

me lo meno anca de note par svodare le balote se no ‘o fo sto mae

giornaleti, done nude mi me fasso quatro seghe finchè 'l cicio scotta

meno tanto, scopo tuto, tute ‘e toxe le me dixe che so un porco

‘e dixe che so un porco

go sempre tanta voja de figa e mai non la me passa

e forse so un maniaco e quando non sboro svegno

e so un porselo, perverso, a scopo anca coi cessi e dopo

guzzo 'a tua e guzzo 'a sua e guzzo tute quante

se te monti ne 'a me machina te leco dove che te piaxe a ti, te 'o sè

a te alzo un po’ le cotole e te sbato e tiro forte i to cavei, che beo

pecorina, chericheta, mi me piaxe farlo proprio in tutti i modi, anca ae orge

meno tanto, scopo tuto ma me acorso che la voja non me passa

proprio no 'a me passa

go sempre tanta voja de figa e mai non la me passa

e forse so un maniaco e quando non sboro svegno

e so un porselo, perverso, a scopo anca coi cessi e dopo

guzzo 'a tua e guzzo 'a sua e guzzo tute quante

scopo ‘e bionde, scopo ‘e more, scopo anca ‘e castane

me ne fasso quatro al giorno e vago anca a putane

scopo ‘e bionde, scopo ‘e more, scopo anca ‘e castane

me ne fasso quatro al giorno e vago anca a putane

go sempre tanta voja de figa e mai non la me passa

e forse so un maniaco e quando non sboro svegno

e so un porselo, perverso, a scopo anca coi cessi e dopo

guzzo 'a tua e guzzo 'a sua e guzzo tute quante

scopo ‘e bionde, scopo ‘e more, scopo anca ‘e castane

me ne fasso quatro al giorno e vago anca a putane

scopo ‘e bionde, scopo ‘e more, scopo anca ‘e castane

me ne fasso quatro al giorno

si però vorìa ciavar con ti

 

 

RS13 3 GO LIMONA’ UN BANDON

(Sogni di rock 'n 'roll - Ligabue)

jero chi, i gaveva 'l volume a balin

e mi jero xo in pista che fasevo festa

jero cargo come ogni sera de vin

dopo un po’ che balavo a me so incorto che

a ghe jera una grossa che 'a faseva aposta

a urtarme finchè non se ghemo parlà

la me dixe “vien sentarte che se divertimo un fià”

pensa ti nea speransa de avere un pompin

go tacà a basarla ma sensa vardarla finchè

non ghe jero na proprio visin

go limonà un bandon, go limonà un bandon

go limonà un bandon jero imbriago 2 v.

desso che me so incorto che cesso che 'a xe

a so in mexo un pastrocio perchè a go 'l cicio

che quando 'l te tira non te stè a pensar

e così ghe go dà anca 'l me telefonin

ogni tanto a me ciama mi cato na scusa

se 'a dixe che non me fasso più sentir

e i amici che i se copa a forsa de sganassar

ma doman che vorìa ritornare a balar

prima de bere bira me fasso na sega

così non me ciapo la prima che cato

perchè 'l giorno dopo non vojo dir

go limonà un bandon, go limonà un bandon

go limonà un bandon jero imbriago 3 v.

(insieme al pezzo sopra)

jero chi, jero chi, jero chi, jero chi

i gaveva 'l volume, volume a balin

e mi jero xo in pista che fasevo festa

jero cargo come ogni sera de vin 2 v.

 

 

RS13 5 LA STORIA DE L'ORSO

(Lo strano percorso - 883)

a xe le nove so xa in ritardo 'a dona me speta non so cosa ghe contarò

do scuse al volo, sempre le stesse, tanto xe istesso, la ghe casca, la xe insocà

quando vo in giro a fottere, co vago in volta a bevare

basta contarghe na scusa e na buxia, go 'a morosa inseminìa

se vago in disco a fighe foreste ela me ciama ma 'l telefono l’è smorsà

me basta dirghe che no 'l ciapava, forse no 'l nava, ela la se fida de mi

se mi non vojo vederla mi so come cavarmela

ghe digo che go da nare a na riunion, che vo via col me paron

la storia de l’orso la va sempre ben

na serie de balote e de cassade che mi non ghe crederìa mai

e le xe tute balorde, tipo che 'a volta che

go dito che gavevo tanto sòno invese so tornà casa ae siè

se la me chiede de nare a messa mi non ghe 'a fasso, go la testa che me fa mae

se 'a me domanda de fare ‘a spesa cato na scusa, go da nare in bagno a cagar

co vo a puttane ne 'a statae, se a fare 'l bravo non go bae

basta contarghe na scusa e na buxia, la me crede e mi vo via

la storia de l’orso la va sempre ben

na serie de balote e de cassade che mi non ghe crederìa mai

e le xe tute balorde, tipo che 'a volta che

go dito che gavevo tanto sòno invese so tornà casa ae siè

se no 'a ga voja de fare sesso mi sboro istesso basta nare in qualche night club

ghe digo che vo via pa un’oretta, togo 'a vespeta e vago a troie in qualche locae

quando vo a goti in ostaria, co vago in leto co 'a maria

basta contarghe na scusa e na buxia, ea sta casa e mi vo via

la storia de l’orso la va sempre ben

na serie de balote e de cassade che mi non ghe crederìa mai

e le xe tute balorde, tipo che 'a volta che

go dito che gavevo tanto sòno invese so tornà casa ae siè

 

 

RS13 6 MAMBO N. 13

(Mambo no. 5 – Lou Bega)

da un po’ so fortunà tute ‘e done co vo fora dopo un po’ me 'a da

e scopo ogni sera una diversa, che figo xe da quatro mesi che non me fasso seghe

do Whisky e un bicer de vin, le toxe perde 'a testa e me fa un pompin

a scopo Angela, Paola, Sandra, Roberta

le porto in mexo a un campo e le guzzo su una querta

me piaxe 'a figa e sbato tute quele che me 'a da

le porto casa co go sborà, nemo in te un prà

ghe palpo ‘e tette, ghe cavo ‘e mudande e le sbatto

me scopo sempre 'a Marika che porsea, me sbatto anca la Monica e so sorea

me guzzo la Cristina in mexo al fen, la ga na bea vagina e la ciucia ben

me scopo la Samanta nel furgon, impecoro la Sara da Fimon

me fasso anca la Jessica da Bassan e se non la xe libera inculo 'l can

a so un porseo, non son mia tanto beo

ma co 'a me simpatia tute ‘e toxe vien via

e o un pompin o un segon

a fò na sborada co un bel putanon

scopo ogni dì, a so abituà

e tute quante ‘e toxe me ‘o ga ciucià

me scopo sempre 'a Barbara da Cerea, la ga do tete splendide e la xe bea

me guzzo 'a Valentina a San Donà, la meto a pecorina sul sofà

me scopo Elisabetta da Scorzè, co sboro vago a farme un bel bidet

e vago dalla Debora in centro a Schio, la scopo par davanti e par dadrio

me scopo sempre 'a Elena a Tremignon, de metergheo nel culo a non son bon

me guzzo anca la Laura a Montecchia, a sboro in pressa, subito a scapo via

me scopo la Vanessa da Roncà, lo fasso de nascosto da so opà

me fasso anca la Claudia a Coneglian e se la ga 'l marchese 'a fasso a man

pompin e via che te porto casa mia

mena un po’, ciucciao ben

che fra do minuti el vien

 

 

RS13 8 TI CIAMAME SEMO

(Almeno credo - Ligabue)

credo che ghe vòja un xxx e anca un can

credo che ogni volta che te porto al mare

me toca fare sempre un’ora de colona porca xxxxxx

co rivemo a ghe xe da parchegiare

pago e in pì me toca stare a spetare

mi porto 'l zaino, meto su 'l capeo de paja

e nemo in spiaja

qua non semo gnanca boni a trovar posto

semo in tremila, massa gente, ma da dove saltei fora?

a me cavo xo le scarpe insima 'a sabia

se non so svelto a infilare le savate ciapo fogo, vara

se te voi ti ciamame semo ma mi vago casa

se te serve ciamame semo ma mi parto

verso mexodì a te me de un sacheto

con dentro 'l me panin che soto 'l sole se ga coto

e ormai la bira, dentro al frigo tuo de merda, la sà da pisso

vojo nare in acqua par sorarme adesso

ma la xe turbia che xe mejo quea del cesso

e pa un gelato, anca tolendo i manco boni

te voe milioni

qua non ghe xe ombra gnanca se te piansi ma come feto?

so drio suare come un mas-cio co sto caldo

de sicuro mi qua non i me ciava altro

pitosto resto in leto almanco lì xe fresco e ciavemo, vara

se te voi ti ciamame semo ma mi vago casa

se te serve ciamame semo ma mi parto

qua non ghe xe ombra gnanca se te piansi ma come feto?

so drio suare come un mas-cio co sto caldo

non resisto altro nemo casa in pressia

qua par tornare ghe voe tre ore e so sensa condissionatore

se te voi ti ciamame semo ma mi vago casa

se te serve ciamame semo ma mi parto

 

 

RS13 10 SEGHE VERE

(Sere nere – Tiziano Ferro)

un giorno te me pensarè

quando che te lo capirè

che i toxi ga tuti quanti in mente solo quea

a ti mi me so affessionà

te 'o digo chi, sentà in sto bar

ma finchè mi te parlo ti te vardi un imbranà

e par quanto che fassa ormai ti te sì xa scapà

de seghe me ne so fate tante anca massa ma gnancora go imparà

che par poder ciavare go da contare bale ma mi digo sempre 'a verità

mi ghe go dito scolta qua

dame una possibilità

te dimostro che mi so veramente innamorà

resterìa qua con ti anca dopo avere xa sborà

de seghe me ne so fate tante anca massa ma gnancora go imparà

che par poder ciavare go da contare bale ma mi digo sempre 'a verità

ma pì te parlo e pì te dixi che so un testa da casso

non troverò mai la morosa se in te 'a testa go 'l sesso

e pì te ‘e trati ben e pì ‘e te parla mae

e pì te parli mae, pì le te trata ben

e pì te ‘e trati ben e pì ‘e te parla mae

e pì te parli mae, pì le te trata ben

e mi tanto sto mae parchè ‘o go sempre duro

de seghe me ne so fate tante anca massa ma gnancora go imparà

che par poder ciavare go da contare bale ma mi digo sempre 'a verità

verità, verità

parchè mi so insocà

 

 

RS13 11 CAVATE ALMANCO 'E MUDANDE

(L'uomo volante – Marco Masini)

se gavesse pì schei a sarìa n’altra storia ma son poareto xxx can

la bensina te 'o sè la me costa un macello e non me 'a regala mia

ma ogni volta che vojo vederte me toca nar fin Bassan

col Garelli te 'o sè rivarìa a metà strada e dopo resterìa a piè

a vorìa savere parché tute ‘e volte che cato 'a morosa non la xe mai da qua

te sì na bea toxa con do bele tete, te sì pì inteligente ed educata de mi

ma se non te cavi almanco ‘e mudande par mi che stago distante

non lo so se me convien far tuta che 'a strada lì

a gavevo provà a vegnere in coriera ma mi me so indormessà

e l’autista me ga portà quasi a Peschiera allora me so imbriagà

ma quanto tempo dovemo spetare parchè te te decidi a ciavar

a vorìa savere perché tute ‘e volte che cato 'a morosa non la xe mai da qua

te sì na bea toxa con do bele tete, te sì pì inteligente ed educata de mi

ma se non te cavi almanco ‘e mudande par mi che stago distante

non lo so se me convien

almanco dame la figa che senò vago a putane

che fasendo do conti a sparagno un bel po’

se te voi ancora che vegna catarte

cavate almanco ‘e mudande

e dopo dame 'a vagina

che almanco la me bensina

stavolta 'a go spesa ben

 

 

RS13 13 GO BATU’ COL CAMIETO

(Ci vorrebbe un amico – Antonello Venditti)

ieri a mexodì finìo de lavorare

corevo a tuto ciodo par nare a magnare

ma go visto na bea figa che 'a passava in bicicleta

e par vardarghe 'l culo so na dosso na mureta

go batù col camieto, go strissà dosso a na mura

go centrà do pitarie e dopo go inculà anca na vettura

go batù col camieto, go macà tuto 'l fianco

go saltà un foseto e so finìo in mexo al campo

a me so imbarcà par colpa de na figa

stavolta i me denuncia, sa vuto ca te diga

a go traversà un giardin e go anca messo soto un gato

a go un milion de dani de euro xxx vigliaco

go batù col camieto parchè non so sta tento

e sto giro me pare el me copa me lo sento

go batù col camieto, go investìo anca do vache

go ciapà do lampioni, un capitelo e tante pache

go batù col camieto, a go fato un macello

go cavà su una siexa, do pilastri e un cancello

go batù col camieto, mejo che mi me sconda

go tirà su un casin che pare sia s-ciopà na bomba

co i me ga catà a jero in tel pajaro

insieme col motore e un toco de telaro

a me so catà davanti non so gnanca quanta gente

che la me domandava se jero deficiente

go batù col camieto, go strissà dosso a na mura

go centrà do pitarie e dopo go inculà anca na vettura

go batù col camieto, go macà tuto 'l fianco

go saltà un foseto e so finìo in mexo al campo

go batù col camieto

 

 

RS13 14 NON SONO UNA PUTTANA

(Non sono una signora – Loredana Bertè)

me piaxe ciavare proprio come che te piaxe a ti

ma mi non capisso parchè mi non posso

cambiare moroso ogni volta che lo vojo mi

depilarme 'a figa e fare na vita da fora de testa

sempre in giro co 'a me compagnia

e guzzare quando ghe xe sentimento senza che i diga

che una seria proprio non so mia perchè do via 'a figa

ma varda ti che vita strana

non sono una puttana

se cambio il toxo ogni altra setimana

non sono una puttana

se almanco insisto finché non cato quelo giusto

o no? o no?

e a mi me stà in tel culo quando i me dixe che non posso mia

nare via da sola non so inseminìa

son bona rangiarme e la machina la guido ben

se non te vien fora mi non stago casa

go la minigona ma a xxxxxx tiro xo anca mi

a so un po' villana però in te sta vita strana

non sono una puttana

se cambio il toxo ogni altra setimana

non sono una puttana

se almanco insisto finché non cato quelo giusto

non sono una puttana

soltanto parchè ammeto che me piaxe 'a tega

o no? o no?

non sono una puttana

se cambio il toxo ogni altra setimana

non sono una puttana

se almanco insisto finché non cato quelo giusto

non sono una puttana

soltanto parchè ammeto che me piaxe 'a tega

o no? o no?

 

 

RS13 16 CHE NEBBION

(Dimmi cos'è - Nek)

semo qua in ostaria tuti imbriaghi

co la me compagnia, quatro salbeghi

a xe quasi le quatro go da tornare casa in pressa ma

quando verxo la porta fora il tempo xe cambià

varda che nebbion che ghe xe, non vedo pì

non ghe vedo gnanca fin lì, che casso fo?

come fasso a tornare indrio?

so col Garelli, so col Garelli

fra la nebbia e i goti bevù, me coparò

ciapo su 'l motorin vago pianeto

go i fanali a maneta ma non vedo do che vo

e forse go sbajà strada

vo de onda e mi non capisso mia

se desso go da girare par rivare a casa mia

varda che nebbion che ghe xe, non vedo pì

non ghe vedo gnanca fin lì, che casso fo?

come fasso a tornare indrio?

so col Garelli, so col Garelli

fra la nebbia e i goti mi me coparò

vo pianeo su 'a statae

che costeggia 'l canae

sul curvon non so bon

de stersare e vago dentro al fosso xxx porcon

a so tuto spacà, mama che sbaro

e non son gnanca bon de stare in piè, xxx luamaro

a go male la testa, dala bota so tuto inseminìo

e le me gambe xe rote e anca un brasso porco xxx

varda che nebbion che ghe xe, non vedo pì

non ghe vedo gnanca fin lì, che casso fo?

come fasso a tornare indrio?

so col Garelli, so col Garelli

fra la nebbia e i goti bevù, me coparò

 

 

RS13 18 PORCASSO XXX

(Anima mia – Cugini di Campagna)

i amici tuti in piassa che i me speta

a so in ritardo non ghe la farò

me lavo i denti e meto la giacheta

vo xo in garage e impisso 'l me vespon

dovemo nare in disco xo a Verona

xe 'a sera giusta, femo un gran feston

serchemo de ciavarse qualche dona

per evitare il solito segon

a coro come un mato su 'a statale

sorpasso tuti e vago via a balin

par tera ghe xe un ciodo xxx maiale

e ghe vo sora col me motorin

porcasso xxx, go sbuxà na rua

ai sento a l’ora vago drito dosso ‘a mura

porcasso xxx, go sbuxà na rua

me toca fare trenta giorni de ospedale

ancò i me cava 'l gesso dopo un mese

vo via co 'a panda, vago a far bacan

ma quando rivo in centro al me paese

non riesso più a stersare xxx stracan

porcasso xxx, go sbuxà na rua

ai centotrenta so na dritto dosso al muro

porcasso xxx, go sbuxà na rua

so tuto roto i me ingessa de sicuro

porcasso xxx, go sbuxà na rua

co ‘a panda rossa so na dritto dosso al muro

porcasso xxx, go sbuxà na rua

a me vien 'l dubbio che 'l xxxxxxx sia luamaro

 

 

RS13 19 NON CAMBIO IDEA

(Ci sarai – Francesco Renga)

desso fame andare via

e molaghe de piansere te prego, va via

so che te stè tanto mae

ma non vojo dirte più buxie, vo via

credeme se mi go perso 'a testa non xe colpa mia

se quando 'a go rivista son crollà

desso non ciamarme mai

desso fame andare via

forse xe uno sbaglio

ma xe tardi ormai

desso non sercarme mai

perché mi sarò con ea

forse son bastardo

ma non cambio idea

desso asame perdere

e sugate le lagrime finchè son qua

te gavevo dito che

te saresti stà per sempre mia, lo so

scoltame te sì na brava toxa non te merito

me spiaxe ma non posso stare qua

desso non ciamarme mai

desso fame andare via

forse xe uno sbaglio

ma xe tardi ormai

desso non sercarme mai

perché mi sarò con ea

forse son bastardo

ma non cambio idea

te prego smettila de insistere

mi non posso più restar con ti

forse un giorno tornerò

ma non so se ti te sarè chi

ma mi non cambio idea

desso non sercarme mai

perché mi sarò con ea

forse son bastardo

ma non cambio idea

 

 

RS13 20 ME VIEN DA BESTEMARE

(Non me lo spiegare – Tiziano Ferro)

a xe sabo sera e vago fora

togo su la Panda e torno fra un’ora

te me dixi “ok”, te me dè un baxo

se vedemo dopo non sta ndare in leto, speta chi che torno dopo

vago co i amici al bar, bevo quatro goti in compagnia

si, lo ammeto, so imbriago ma te penso, torno indrio da ti

ma co rivo casa verxo 'a porta e cavo xo 'l giubeto

vardo non ghe xe nessuni alora penso che te me speti nuda in leto

vago su pa ‘e scale e sento un rumoreto

mi scominsio avere un piccolo sospeto

mi son tornà casa non volevo che te stessi male

mi volevo farte compagnia e speravo che te volessi fare sesso

dato che non lo fasemo tanto spesso

ma co verxo 'a porta dove ch’emo 'l leto

te sì drio ciavar con queo che sta de soto

taco a bestemare, io, taco a bestemare

ma mi stavolta non te perdono

parchè anca 'l mese scorso te go catà in leto

con so fiolo del fornaro

e mi lo so che ormai a semo stanchi

ma non xe un motivo per far la putana

ma stavolta non ghe casco più

mi lavoro come un negro e fasso quasi diexe ore

ciapo solo che un milion e non ne basta mai

non te fasso mai regali, forse te intaressa solamente queli

e par sto motivo te te scopi altri

casa, fioli, auto, viaggi, tasse da pagare

mi lavoro tuto 'l giorno e non ghe 'a fasso mia

a me vien da bestemare

questa xe l’ultima volta che te me fè tribolare

desso va via da sta casa e non tornarghe più

porta via tute ‘e to strasse

prima che le traga tute nelle scoasse

non sta mia più farte vedere qua intorno

e sposarte a go fato proprio na cassada

la go so'o ciapà nel culo e te prometto che mi te la farò pagare

anche a costo de rimetterghe le bale

desso va via in pressa non sta più tornare

brutta troia ma va in figa de to mare

brutta troia ma va in figa de to mare

brutta troia ma va in figa de to mare

 

 

RS13 22 MORIRO' PRESTO

(Un senso – Vasco Rossi)

volevo ndare in disco mi stasera

anche se mi stasera de fià non ghi n’ho più

mi vojo bere na tanica de bira

anca se mi la bira non la go mai tegnù

mi vojo fare le sinque de matina

anca se ae sinque de matina mi vago a lavorar

vojo impisarme ancora n’altra cicca

anca se mi de ciche ghi n’ho fumà un bancae

seto cosa penso? che morirò presto

però sto mondo qua almanco mi me ‘o so godesto

non torno mai presto, non stago mai tento

de fare il bravo toxo, non me va

vojo provarghe con tutte quee che vedo

anca se mi son xa sicuro che lore non me ‘a da

vojo pagarghe da bere tuta 'a sera

che forse quando ‘e xe imbriaghe

magari le ghe stà

seto cosa penso? che morirò presto

però sto mondo qua almanco mi me ‘o so godesto

non torno mai presto, non stago mai tento

de fare il bravo toxo, non me va

de fare il bravo toxo, non me va

vojo imbriagarme par tutta la me vita

che tanto de 'a me vita, mi non me pentirò mai

seto cosa penso? che morirò presto

però sto mondo qua almanco mi me ‘o so godesto

non torno mai presto, non stago mai tento

de fare il bravo toxo, non me va

de fare il bravo toxo, non me va

de fare il bravo toxo, non me va