Testi Radiosboro 8

RS8 2 STASERA TE TROMBO

(Balliamo sul mondo - Ligabue)

ieri so nda te na festa jero pieno più che mai

bevo quatro-sinque Whisky dopo fumo do spinei, volto via

vedo na figa che 'a me sembra un po' annoià

a ghe parlo in te na recia ghe domando se me 'a da

Rit: stasera te trombo

te porto ciavare casa mia

te inculo cantando

finchè non te caschi tramortìa

stasera te trombo

go xa 'l cicio duro fa un baston

stasera te, trombo

a la porto in tel staloto se sentiva anca 'l porselo

a ghe tiro xo le braghe e ghe infilo su l'oselo

non ghe credo che so drio sbatterla

la xe proprio un figon, nemo via

nemo in tel campo che te ciavo fin doman

Rit: stasera te trombo...

dopo un poco la saludo torno casa col vespon

quando vedo par la strada una che xe un putanon

la se cava la majeta e go 'l cicio xa impalà

la ga 'a figa tanto stretta e le gambe spalancà

stasera, stasera, si, stasera te trombo

te trombo, te trombo, si, te trombo in tel campo

stasera, stasera, si, stasera te trombo

te trombo, te trombo, si, te ‘o meto in cul

Rit: stasera te trombo...

 

 

RS8 3 LA VACA

(La flaca – Jarabe De Palo)

mi conosso na bea toxa che la xe na gran vaca

la va fora par trovare qualchedun che la stravaca

che la stenda sora 'l leto e la tromba tuto 'l giorno

la xe brava co 'a boca e tanti cassi 'a ciapa

la xe proprio na gran vaca

mi che me masturbo sempre quatro-sinque volte al giorno

e non vedo mai figa par poder pararla torno

e ciavare, ciavare

e gussare, gussare

non me 'a mola mai nissuni

me 'o meno tuto el giorno

con un giornaleto porno

ma doman ciamo la vaca

ghe domando che me 'a daga

a la ciamo parchè senò le bale s-ciopa

ma doman trombo la vaca

fino a quando la xe straca

  1. a la trombo parchè senò 'l me cicio casca

a la ciavo in te la vasca

conossevo na bea toxa che la jera un putanon

ma la xe na farse suora, da chel giorno maledìo

quando jerimo casa 'l me cicio jera duro

ma mi con la me fretta ghe 'o go parà in tel culo

e la sbeca come un mulo

ghe go fato tanto male, la xe andà anca a l'ospedale

ghe go fato, ghe go fato proprio tanto male

ghe go fato tanto male ma me so svodà le bale, jera ora

desso so a posto fin stasera

a so a posto fin stasera

ma che bruta che la jera

la gavea le tete a pera

ma so a posto fin stasera

 

 

RS8 4 VESPA S'IMPIANTA SPECIAL

(50 special - Lunapop)

done truccate con le maje strete

che co xe un po' fredo se vede le tete

co vago in giro, le vedo par strada

e le me domanda de far na ciavada

dame un goldon che la trombo de paca

go proprio culo a trovare na vaca

ma come è bello stare al mondo in mexo a un branco de putane

non le vede l'ora de cavarse 'e sotane

la se la tira sempre tanto, ma pal cicio le vien mate

co le voe le va in calore come le gate

mi non son bon, co le toxe a son pantalon

se non trovo al pì presto un goldon

so sicuro me tocherà, me tocherà, me tocherà

farme un segon 5 v.

vorìa nare a fighe, ma vo via de testa

le me ride drio co rivo co 'a vespa

quando ghe parlo de nare a ciavare

le toxe me manda in figa me mare

dame un goldon che la trombo de paca

go proprio culo a trovare na vaca

ma come è bello stare al mondo in mexo a un branco de putane

non le vede l'ora de cavarse 'e sotane

la se la tira sempre tanto, ma pal cicio le vien mate

co le voe le va in calore, come le gate

mi non son bon, co le toxe a son pantalon

se non trovo al pì presto un goldon

so sicuro me tocherà, me tocherà, me tocherà

farme un segon 5 v.

 

 

RS8 5 NEMO A CANEXEI

(Born in the USA – Bruce Springsteen)

xe un po' che ghe penso su

vojo ndare in ferie non ghi’n posso più

devo stare in pace vago via da 'e chi

toi su quatro strasse e nemo via co mi

dai nemo a Canexei

anca se costa schei 2 v.

el pan lo go xa comprà

go anca la sopressa, el lardo brustolà

toi su i pevaroni e un fiasco de vin bon

vegno torte casa ae quatro col furgon

dai nemo a Canexei

anca se costa schei 2 v.

guido xa da un'ora se fermemo chi

go da nar pisare non ghe ‘a fasso pì

varda quatro fighe tute quante a piè

nemo caricarle de sicuro ‘e vien

dai nemo a Canexei

anca se costa schei 2 v.

nemo via de corsa nemo far casin

che se le imbriaghemo le ne fa un pompin

ghemo catà fora un posto un po’ imboscà

ma nessun el freno a man lo ga tirà

proprio sul più belo xe partìo 'l furgon

son cascà par tera come un pantalon

dai nemo a Canexei

anca se costa schei 8 v.

 

 

RS8 6 BOARO

(Leggero - Ligabue)

quando giro par le strade vedo sempre tanta gente

e i someja tuti quanti uguali, tuti ben vestiti e con la camixeta nova

e i sembra modelli pronti per na sfilata

tuti quanti se fa lampade par sembrare un po' più fighi

co 'e scarpe da festa e la cravata

quando che i vardo in faccia me sento diverso

e mi quando vago in giro e la gente la me varda male

me domando cosa devo fare par sembrare normale

ma ghi n’ho 'e bale piene parchè mi son così

e mi so che non cambierò mai

boaro

mi non son come lori

sensa giacca né cravata, sensa tanti pensieri

boaro

mi non son tanto belo

nella tasca quattro soldi ed in bocca uno spinelo

quando togo su la Panda con la giacca fuori moda

co 'a camixa da stirare e con le braghe onte da lavorare

i me varda e i ride parchè sembro drogato

perché non son lampadato

parchè non son proprio come lori

ma mi go quattro amici e con lori vo in giro

me diverto fa un mato sensa gnanca un pensiero

e la gente del paese la me crede sbandato

perché non go 'a morosa parchè son trasandato

ma ghi n’ho ‘e bale piene parchè mi son così

e mi so che non cambierò mai

boaro

mi non son come lori

sensa giacca né cravata, sensa tanti pensieri

boaro

mi non son tanto belo

nella tasca quattro soldi ed in bocca uno spinelo

 

 

RS8 7 LA BANANA

(La banana – Michael Chacon)

go la verdura in tel casson

so 'l frutarolo, so 'l frutarolo

go la verdura in tel casson

so 'l frutarolo del Biron

vendo banane tuto 'l dì

so 'l frutarolo, so 'l frutarolo

vendo banane tuto 'l dì

rompo i cojoni a mexodì

banane, sucoli, capussi e ravanei

domila al chilo, vendo tuto a pochi schei

se te voi fare 'l minestron

a go patate e melansane

se te voi fare 'l minestron

te vendo anca un pevaron

se 'a macedonia te voi far

te do 'e banane e le siarese

se 'a macedonia te voi far

te vendo 'a fruta da tajar

banane, sucoli, capussi, carote

a go banane, a go sucoli, a go capussi, a go carote

go la verdura in tel casson

so 'l frutarolo, so 'l frutarolo

go la verdura in tel casson

so 'l frutarolo del Biron

banane, sucoli, capussi e ravanei

domila al chilo, vendo tuto a pochi schei

se te voi fare 'l minestron

a go patate e melansane

se te voi fare 'l minestron

te vendo anca un pevaron

 

 

RS8 8 WE ARE THE WORLD

(We are the world – Michael Jackson)

there comes a time

when we head a certain call

when the world must come together as one

there are people dying

and it's time to lend a hand to life

the greatest gift of all

we can't go on

pretending day by day

that someone, somewhere will soon make a change

we are all a part of

God's great big family

and the truth, you know love is all we need

Rit: we are the world

we are the children

we are the ones who make a brighter day

so let's start giving

there's a choice we're making

we're saving our own lives

it's true we'll make a better day

just you and me

send them your heart

so they'll know that someone cares

and their lives will be stronger and free

as God has shown us by turning stone to bread

so we all must lend a helping hand

Rit: we are the world...

when you're down and out

there seems no hope at all

but if you just believe

there's no way we can fall

well, well, well, well, let us realize

that a change will only come

when we stand together as one

Rit: we are the world...

 

 

RS8 9 FUMANDO LO SPINELO

(Urlando contro il cielo - Ligabue)

xe mexora che son qua, salta su

te porto a fare un giro in un bel posto che l'è imboscà

te porto col BMW de me opà

te frequento da un bel po' ma però

da quando semo insieme mi non te go mai dito che

go el vissio de fumare i canoni e non ghe molo più

e adesso che son qua, ti te parli e mi lo fasso su

ed ogni giorno penso solo a queo

fumando lo spinelo, oh, oh

ogni giorno digo che smetterò

te lo prometto ma stasera penso che fumerò

perchè non posso star tuto il giorno sensa gnanca uno spineo

e non sta dirgheo a me opà senò 'l me taja via l'oseo

ed ogni giorno penso solo a queo

fumando lo spinelo, oh, oh

ariva i sbiri con le luci blu

dai finestrini buto fora tuto: erba, ciche e marijuana

el sbiro dixe che 'l me mete via

ma finchè scrive mi salto in machina e scapo via

ed ogni giorno penso solo a queo

fumando lo spinelo, oh, oh

 

 

RS8 10 IRIS (TRA LE TUE MUTANDE)

(Iris (tra le tue poesie) – Biagio Antonacci)

Iris ormai de buxie

te ghi n’è dite massa so stufo de ti

mi non te sopporto più

te me ghe tolto in giro

non voi vedarte più

te dixevi “mi te amo”, te me ghe illuso

e mi go perso 'a testa

non ghe casco mai più

non voi stare mai più male

solo par na dona che vuol divertirse

ma sensa de mi

te digo sempre così

ma stavolta son stufo non torno pì

stago male ma prima o dopo passerà

te me ghe umilià e mi go sempre sopportà

la me vita ormai non la vojo pì con ti

stago male ma prima o dopo passerà

all'inissio jera belo

te ciamavi al me telefono ogni giorno

se vedemo si o no?

mi vegnevo sempre a torte

e naxevimo in volta a divertirse

soli o in compagnia

te me piaxevi un casin

ma stavolta so stufo

e non torno pì

stago male ma prima o dopo passerà

te me ghe umilià e mi go sempre sopportà

la me vita ormai non la vojo pì con ti

stago male ma prima o dopo passerà

te dixevi “mi te amo”, te me ghe illuso

e mi go perso 'a testa

non ghe casco mai più

non voi stare mai più male

solo par na dona che vuol divertirse

ma sensa de mi

te digo sempre così

ma stavolta son stufo non torno pì

 

 

RS8 11 IL MIO PORCO CHE CAMBIA

(Il mio corpo che cambia - Litfiba)

son xa partìo da do ore bone

go d’andare da na figa che la sta a Bovolone

ma so sfigà, go spacà 'l motore

da doman me toca andare a fighe solo col tratore

eccome qua, a piè sula statale

e de caminare ormai a ghi n’ho piene le bale

me fermo un fià, vedo na baldraca

a Bovolone ghe ndarò doman intanto trombo ‘a vaca

a me ciavo sta roja

seben che non la xe moja

ghi n’ho massa voja

fasso il mato tuta 'a note

ghe trò su anca le balote

parchè so pien de voja

de voja, de voja, de voja, de voja

riparto a piè ma so fiaco morto

a me vardo e me acorso che vo via tuto storto

fo l'auto-stop, se ferma na Mercedes

vardo dentro e sentà al volante vedo na bea figa

a me ciavo sta roja

seben che non la xe moja

ghi n’ho massa voja

fasso il mato tuta 'a note

ghe trò su anca le balote

parchè so pien de voja

de voja, de voja, de voja, de voja

 

 

RS8 12 LA CANSON DEL GABIOTO

(La canzone del sole – Lucio Battisti)

de toxe brute ghi’n conosso asà ma ti te ‘e bati tute

a te ghe 'l fià che coparìa anca un can e ti sì sensa tete

Rit1: ma che la note che te go incontrà te me parevi mejo

invese desso che te vardo ben, va via

te me fè quasi paura

a so sincero te me fè pecà

te sì bruta, bruta fa ‘e besteme

a te ghe 'l culo grosso fa un vedeo

non go corajo de portarte via co mi non sta pì starme visin

a me vergogno de restare con ti, va casa

ma che la note che te go incontrà te me parevi mejo

te ghe la pansa e se te vardo ben

te me somej un mappamondo

Rit2: a so sincero se podesse scaparìa

te ghe un servelo che te pari inseminìa

a so sincero se podesse scaparìa

narìa coi toxi a divertirme in ostaria

mi che credevo che te fussi almanco un putanon ma go sbajà de bruto

co semo in leto non te me ‘a de mai, ma cosa casso vuto?

ma che la note che te go incontrà te me parevi mejo

e invese desso te me vien tacà

oh no, ferma, sta indrio ca te copo

a so sincero te sì bruta asà

te fè schifo, schifo, va cagare

coi denti smarsi e i oci stralunà

non go corajo de portarte via co mi non sta pì starme visin

a me vergogno de restare con ti, gabioto

Rit1: ma che la note che te go incontrà te me parevi mejo...

Rit2: a so sincero se podesse scaparìa...

oh, ma guarda qua se mi me toca star con ti

te me fè schifo al casso non ghi’n posso pì

te ghe le gambe storte e co te verxi un po' la boca

te casca la dentiera, te somej na veciota

ma va in figa to mare

 

 

RS8 14 FATE MANDARE DA TO MARE

(Fatti mandare dalla mamma – Gianni Morandi)

è un'ora che aspetto

insima al trattore

su trova una scusa

che te sventro la buxa

fatte mandare da to mare a tore le verxe

nemo fora do minuti prima che te scavexa

a te go visto l'altro giorno

insieme a un pandolo

con la mano te 'a pasaja

pasegiava con te

porcasso de un xxx

a l'è inseminìo

e ti te sì troia

ma mi so stordìo

fatte mandare da to mare a tore le verxe

nemo fora xxx vigliacco

parchè adesso te spaco

parchè adesso te spaco

parchè adesso te spaco

porcasso de un xxx

a l'è inseminìo

e ti te sì troia

ma mi so stordìo

fatte mandare da to mare a tore le verxe

nemo fora xxx vigliacco

parchè adesso te spaco

parchè adesso te spaco

parchè adesso te spaco

puttana nemo fora

roja movate

 

 

RS8 15 PARLO IN DIALETO

(Tu sei l’unica donna per me – Alan Sorrenti)

Rit: parlo in dialeto

so anca poareto

varda qua

a so tuto sbregà

so un bravo toxeto

anca se me opà però me dixe che somejo drogato

quando vago fora co i me amici

a bevemo come i disperà

la note passa in pressia

quando semo in compagnia

ma par svejarme la matina

me opà ma siga drio

te copo porco xxx

Rit: parlo in dialeto...

ogni tanto vago via co na figa

e par festegiare bevo un po'

così me cato in pressia

sora 'l leto colassà

e par svejarme la matina

me opà me siga drio

te copo porco xxx

non vojo più

bevare un goto de vin

me costa fadiga ma xe mejo così

non vojo andar via

ogni sera piegà

ma 'l dì dopo ghe xe me opà imbestià

Rit: parlo in dialeto...2 v.

 

 

RS8 16 ME DETO UN PO' LA FIGA

(We’re going to Ibiza - Vengaboys)

me so svejà stamatina jera ‘e diexe

e mi che non vedo 'a figa da più di un mese

sento che go 'l cicio duro

me ‘o meno un po’, poi sborerò

non vojo farme più seghe xe fadiga

vado in volta par palpare un po’ qualche figa

dentro al bar ghe xe na bionda

ghe vo tacà e go sigà

ou, me deto un po’ la figa?

ou, posso ciavarte?

ou, me ciuccito un po’ 'l casso?

ou, me asito palparte?

tute me manda a fanculo, brute roje

torno casa ma non dormirò con le voje

vedo che ghe xe na toxa

ghe vo tacà e go sbecà

ou, me deto un po’ la figa?

ou, posso ciavarte?

ou, me ciuccito un po’ 'l casso?

ou, me asito palparte? 3 v.

 

 

RS8 17 CIUCIA QUA PUTANA

(Gimme hope Joanna – Eddie Grant)

da un par de dì go trovà na toxa

doman de sera vago via co ea

nemo balare, la imbriago un poco e

ghe meto in boca la capea

ma non la voe, non ghe sembra giusto

la me domanda de spetare un po'

ma mi che vojo sborare e basta

la bato in testa co un baston

ciucia qua, putana

dai putana, ciucia qua, putana

che senò te do

ciucia qua, putana

dai putana

dai parchè senò te do

el giorno dopo sòna 'l campanelo

a vago vedare chi casso xe

la jera ela insieme a so fradelo che

insegna a scola karate

l’è alto quasi do metri e venti

el brasso grosso come 'l me gaeon

el me ga da na scarpà nei denti e

un palo justo in tei cojon

me ga da do s-ciafe, quattro pugni

me ga da na viola co ‘a carega in man

me ga da do calci ne ‘e balote

quante che ghi n’ho ciapà

 

RS8 18 LA GO COI LAMPADA'

(Non è tempo per noi - Ligabue)

xe metà febraro e son qua

davanti a un fiasco de vin co i amici lì al bar

e un goto tira l'altro se sa

ormai a semo imbriaghi, imbriaghi

se per ogni goto spendo mille lire

chissà quanti schei go bevù

go la bocca tuta impastà

e le ganasse xe rosse che somejo bruxà

ma vardo al banco e ghe xe

un tipo tuto figheto, poareto

l'è vestìo da festa, l'è tirà fa un violin

ma in facia l'è bruxà pì de mi

Rit: la go coi lampadà

e coi figli di papà

i xe pieni de schei

ma i ga merda in tei servei

i fa tanto i figheti

e i sa tuto lori ma

co i so schei mi narìa

a far festa in ostaria

non capisso mia come mai

ma ormai xe moda nar via tuti quanti bruxà

con la faccia nera parchè

senò i te tole pal culo, pal culo

se par ndare a fighe go da nar via così

preferisso un fiasco de vin

la go coi lampadà

e coi figli di papà

no i fa un casso tuto 'l giorno

non ghe manca niente mai

i ga in banca i miliardi

soto il culo il Ferarin

mentre mi so sfigà

a go 'l mutuo da pagare 2 v.

Rit: la go coi lampadà...