Testi Radiosboro 6

RS6 2 EL GATO E LA VOLPE

(Il gatto e la volpe – Edoardo Bennato)

quante fighe ghe xe in sto posto, varda qua

tute bele con tanta voja de ciavar

nemo in pista, ghe xe do bionde

che varda proprio de qua

me vojo presentar

ciao so Cristian e fasso statue tuto 'l dì

sto a Creasso produco dischi e CD

mi so Sandro e fasso 'e case

che dopo le casca xo ma che disperasion

ciao so Ciccio e spino birre co me opà

che l'è grosso come un vedelo imbudà

se vo vanti de sto passo a lo ciapo anca mi

a so un quintale e tri

noi siamo Paola e Roberta

abbiamo la figa aperta

de cassi ghi'n ciapemo asà, avete degli altri amici

vorremmo degli altri cicci, siamo due porche

che si fanno in quattro per voi

mi so Bajo ma vo via presto

sto mia ben, a so na xugar calcio

e me fa male i piè

mi invese me ciamo Berto

e non lavoro da un po’

so in cassa integrasion

mi so Tossico e fasso le contravension

pì ghi'n fasso e pì i me aumenta la pension

mi so Fabio so carossiere

e giusto 'e machine che va in coste ai marciapiè

ma siete proprio sfigati

sembrate terremotati

ci fate anche un po' pietà

voi siete dei puttanieri

vi abbiamo visto anche ieri, siete dei porci

ma non la vedrete da noi

ma sì proprio do gran putane vialtre do

a xe mejo ca nemo tuti a l'Expò

la de troie ghi n'è un careto

e se ti sì fortunà

-te poi anca ciavar- 3 v.

 

 

RS6 3 I ANI DEL CASIN

(Gli anni - 883)

a xe 'l diexe agosto e desso nemo via

tutti co 'a valixa, quatro mudande e poi via

la pension xe prenotà e fra un po'

rivemo a Jesolo e se fa casin

mi che no 'a vedo xe xa un tochetin non me 'a da pì

ma stasera dopo aver magnà

nemo in discoteca a far bacan

voi conoser proprio la pì roja

se ghe leco 'l colo 'a ga xa voja

varda là che quatro putanoni

col bicere in man e du canoni

dopo averle ben imbriagà

ndemo a piconarle in riva al mar, in riva al mar

se sentemo intorno ma 'e ne para via

mi ghe digo snaxa, varda che non spusso mia, malatie mi non ghe n'ho

la me dixe ma non lo vedi che siete boari

noi andiamo via solo con la Ferrari di mio papà

ma sì proprio troie xxx can

ve spuemo dosso fin doman

lore le se alsa e ne fa el deo

a ghe trò in te 'a copa el me scagneo

varda semo proprio condanà

gnanca e pì cagone non ne 'a da

nemo tuti in spiaja a fare 'l bagno

vedarè doman la ne va mejo, la ne va mejo

el dì dopo se svejemo inseminii

nemo in serca ma le fighe le xe xa impalà xxx porcon a so sfigà

ciapo su me trago in leto e me meno l'oseo

co so vegnù a me impisso ‘l spineo a 'a faccia sua

ma stasera dopo aver magnà

ritornemo in disco a far bacan

voi conoser proprio un putanon

che la me sbochina in te un canton

se no 'a vol saverghine a ghe do

quatro bastonà e me la fo

se i me ciapa i me mete via

e la me vacansa xe finìa, la xe finìa 2 v.

 

 

RS6 4 BRUTTA TROIA

(Bella stronza – Marco Masini)

brutta troia

ieri sera siamo usciti ti ho portata anche a ballare

ma poi dopo sul più bello tu mi hai detto va cagare

e ora che ti ho qui davanti vorrei dirti che sei proprio una puttana

brutta troia

ogni volta che mi chiami resto in bagno per tre ore

e mi lavo bene il cazzo perché penso di trombare

ed invece come sempre tiri fuori la tua scusa c'ho il marchese

xxx albanese

ti diverti più con il tuo vibratore

brutta troia io ti scopo per sei ore

ma se xxx ti ha fatto troia proprio come la tua amica

con un culo tanto bello ma un cervello da formica

ma se xxx ti ha fatto troia più di Moana e Cicciolina

perché non scopiamo insieme io resisto anche fino a domattina

ma se io ti lecco il collo e ti strappo le mutande

poi ti mostro il mio bel cazzo tanto duro e tanto grande

se lo infilo nel tuo corpo tu lo senti fino in gola

quando io ti vengo dentro non lo senti il calore del mio sperma?

perché sei porca, porca, porca, porca troia

che hai chiamato la tua amica l'altra notte

e vi siete masturbate nel tuo letto

ed avevi tanta voglia di spogliarla, di leccarla, sì

brutta troia

ti ricordi quando avevi quindici anni e hai cominciato a far la troia

ti facevi tutti quanti solo perché avevi voglia

quegli attacchi che tu avevi di scoparti due ragazzi in una volta

brutta troia

ti diverti anche con il tuo vibratore

brutta troia io ti scopo per sei ore

ma se xxx ti ha fatto troia proprio come la tua amica

con un culo tanto bello ma un cervello da formica

ma se xxx ti ha fatto troia più di Moana e Cicciolina

perché non scopiamo insieme io resisto anche fino a domattina

mi verrebbe di strapparti quei vestiti da puttana

e tenerti a gambe aperte e poi scoparti giù in cantina

ma di certo questo sogno così porno e un po' proibito

so che non si avvererebbe perché io sono un ragazzo un po' sfigato

e allora mi masturbo

brutta troia

 

 

RS6 5 SERTE NOTTI

(Certe notti- Ligabue)

serte notti vo fora da casa xe quasi le diexe me son pena alsà

serte notti go voja de goti e so che i amisi me speta lì al bar

serte notti se beve na bira lì all'Acli e le carte le ghemo xa in man

toxi nemo dai che xe xa tardi le fighe no 'e speta, no 'e spetarà mai

semo pronti a partire da un'ora ma 'l solito ebete no 'l riva più

lo spetemo ancora un tocheto e dopo partimo anca sensa de lu

monto in machina e ingardio el motore, me volto e lo vedo con un bel fiasco in man

lo saludo, 'l me ofre un gioseto e in quatro e quatro oto lo go perdonà

toxi dove casso nemo? semo sempre qua

chi non se alsa è scemo, figa so mar

go spetà un bel tocheto toxi nemo casa mia

nemo dai fa l'ometo voi nar via

tuti quanti se punta in taverna, se impissa na cicca o i se buta xo

i pì furbi vol nare a putane su pa ‘a statale o dentro a l'Expò

se propongo de nare in te un posto chealtri me dixe che non ghe va ben

a xe mejo ca nemo a xugare a nascondino te un campo de fen

toxi dove casso nemo? semo sempre qua

chi non se alsa è scemo, figa so mar

go spetà un bel tocheto toxi nemo casa mia

nemo dai fa l'ometo voi nar via

serte notti invese de nare da 'e fighe a nemo a xugare ai cavai

e nesuni ga mai vinto un casso ma non vojo smetere, smetere mai

toxi dove casso nemo? semo sempre qua

chi non se alsa è scemo, figa so mar

go spetà un bel tocheto toxi nemo casa mia

me so roto i cojoni de sto bar

 

 

RS6 6 COME MAI

(Come mai - 883)

le noti non finiscono a un boto a Sovisso

a nemo tuti in compagnia in xona industriale

a consumare i freni a man, a butar xo i mureti

sperando che no riva 'a polisia

xe inutile scapare via parchè i te core drio

seguirti fino all'alba e poi te 'o mete in tel dedrio

me sento un fià le man ligà, sto giro i me ga ciapà

me sa che vo finirla dentro là

e tuti su pal muro, con tute 'e man alsà

a ghe ghemo dito in coro va in figa de to mar

una sfilsa de besteme, una grande eresia

a tolemo su 'l Garelli e tuti scapa

xxx can ma varda qua parchè no 'l parte pì

giorni interi a elaborarlo e desso no 'l va pì

dime come mai ma xxx can parchè no 'l parte pì

go cambià anca 'a marmita ma no 'l me parte pì

se vien saverlo me papà che i me ga messo via

mi ghe gavevo dito che naxevo da me xia

stavolta si che so finìo me tocherà scapare via

me sento xa na verga in tel dedrio

e tuti su pal muro, con tute 'e man alsà...

a ghe ghemo dito in coro va in figa de to mar

una sfilsa de besteme, una grande eresia

a tolemo su 'l Garelli e tuti scapa

xxx can ma varda qua parchè no 'l parte pì

giorni interi a elaborarlo e desso no 'l va pì

dime come mai ma xxx can parchè no 'l parte pì

go cambià anca 'a marmita ma no 'l me parte pì

dime come mai ma xxx can parchè no 'l parte pì

giorni interi a elaborarlo e desso no 'l va pì

dime come mai ma xxx can parchè no 'l parte pì

go cambià anca a marmita ma no 'l me parte pì

 

 

RS6 7 SE BASTASSE

(Se bastasse una canzone – Eros Ramazzotti)

se piantasse la ua in tel vegnale che go drio la statale

sgobarìa par un ano intiero par un goto de nero

ma me papà el me ga da

perchè 'l me ga mandà xo a travaxare e me so imbriagà

se podesse fumare un canoto e drio bevarghe un goto

ogni note ghe farìa la festa a na figa foresta

fusse cussì, fusse cussì

me tocarìa nare a confesarme dal prete ogni dì

ogni sera che torno imbriago el dì dopo la pago

ciapo quatro scarpà da me pare e in pì go da cagnare

sempre così cargo de vin

bevo du goti, me trago in tel leto co 'a radio a balin

dedicato a chi se ga imbriagà bevendo un goto

dedicato a tutti queli che co i fuma i va via co la mente

e dopo no i capisse gnente

pori semi tuti queli che no i fuma un casso

dedicato a tutti queli che el Clinto non ghe piaxe gnente

de bere proprio no i ghe sente

se bastasse piantare na vigna te un strodeto da un metro

perchè nassa un tramene intiero de Garganego nero

seto che ‘l fià pexo de un can

a spusarìa pì de un caro de luame da nare a scargar

dedicato a chi se ga imbriagà bevendo un goto

dedicato a tutti queli che co i fuma i va via co la mente

e dopo no i capisse gnente

pori semi tuti queli che no i fuma un casso

dedicato a tutti queli che el Clinto non ghe piaxe gnente

de bere proprio no i ghe sente

dedicato a tutti queli che fa proprio senso

perchè no i beve, no i fuma e ghe fa schifo i fiaschi de vin

 

 

RS6 8 LA XE TORNA’ CHI

(Per colpa di chi – Zucchero)

che condana me bruxava 'el cicio stamatina

a go fato conoscensa con na figa che se ciama Rina

e la xe vegnù catarme oncò coi bigodini in testa

e mi 'a go parà casa e ghe go da na bea scarpà

ma 'a xe torna chi, chi, chi, chi

chicchichirichì

e lora la go messa a pecora e la go piconà

la xe torna chi, chi, chi, chi

chicchichirichì

te me 'o ciuci proprio ben

te me 'o ciuci ben yeh

che condana ea sta sera la vol nar ciavare

ma mi co 'a vedo in facia me vien soltanto voja de cagare

e se te vardo in facia ben te sembri un bel simioto

sa vuto ca ghe fassa non te me piaxi più

Rit: par colpa de chi, chi, chi, chi

chicchichirichì

ma trate insima al leto e va farte un bel ditalin

par colpa de chi, chi, chi, chi

chicchichirichì

ma te 'o ciuci proprio ben

te me 'o ciuci ben yeh

se ghe penso te fè senso

I wanna dance all night

che tormento, sacramento

I wanna dance all night

che condana la me rompe 'l casso sta putana

forse son polastro ma me ciavarìa de pì so mama

ma se te vardo in facia ben te sembri un bel simioto

sa vuto che ghe fassa non te me piaxi più

Rit: par colpa de chi, chi, chi, chi…

co te cato vegno mato

I wanna dance all night

co te vedo me vien fredo

I wanna dance all night

fancul (fun cool)

 

 

RS6 9 FIGA

(Viva - Ligabue)

go sentìo che ghe xe un bel posto par nar ber

e mi go sentìo dire che de gnoca li ghe n'è

e anca se tuti sa che le toxe non me 'a da

le me dixe te un minuto ti sì proprio un imbranà

mi vojo figa, figa, mi vojo cician

tante volte so na in serca e no ‘a vedo proprio mai

vojo figa, figa senò volto via

anca bruta fa 'e besteme basta che me perda via

se anca qua non la va a me ciapo 'l cicio in man

e me compro un giornaleto e me 'o meno fin doman

se però la me 'a da vo finirla insachetà

ofro bire a tuto 'l mondo par na volta se pol far

mi vojo figa, figa, mi vojo cician

tante volte so na in serca e no ‘a vedo proprio mai

vojo figa, figa senò volto via

anca bruta fa 'e besteme basta che me perda via

go bevù, go cagnà ma non ciavo mai xxx can

la ghe 'a mola a tuti quanti mentre mi son un poro can

mi vojo figa, figa ma ormai go bevù

a go 'l cicio massa molo no 'l me tira proprio più

mi vojo figa, figa son proprio finìo

magno fora sempre tuto a son proprio inseminìo

te la do è per te

la me dixe in tel pì bel

e mi invese son par tera

dormo fin doman de sera

 

 

RS6 10 MERY

(Brutta – Alessandro Canino)

proprio l'altra sera

a so na catare me morosa da Peschiera

la compiva i ani e ghe go fato un bel regalo

do galine, un muso e anca un galo

ela me ringrassia la me core incontro ma succede na disgrassia

la ghe sbrissia insima na boassa del somaro

e la va finire in tel luamaro

Mery te ghe da fare i mestieri

te ghe smerdà tutti i veri

e desso te i neti ti

tote su la secia

neta in pressa e dopo meti i brocoli in te 'a tecia

che mi intanto vo catare me morosa vecia

parchè la ga pena avudo un bocia

Mery, non sta mia avere pensieri

te go ciavà anca ieri

e desso no 'l tira più

la me ga sfondà i maroni

par do ore e mexa la me ga sidià

ghe go da do stramuxoni

la xe restà in piè sta vaca

ghe go da in tel muso na saraca

Mery, non sta mia avere pensieri

te go ciavà anca ieri

e desso no 'l tira più

Mery, non sta mia avere pensieri

te go ciavà anca ieri

e desso no 'l tira più

so na catare la Mery

che la gaveva i pensieri

e desso non li ga più

 

 

RS6 11 PICCOLA GRANDE SFIGA

(Piccolo grande amore – Claudio Baglioni)

chela cavesagna streta

tanto streta al punto che se ghe passava apena

e che 'l sidio de me mare

movate toi su ‘l forcon e va xo vangare

dentro là in stala 'l bestiame, 'l caro pien de luame

ingardia in pressa 'l tratore che passa le ore

e guerna suxo le vache, tiro quatro sarache

che jornada de merda

me copo davero, me copo lo giuro

me meto un petardo tel culo

e mi, mi che cantavo insima el cuerto

xe s-ciopà 'l petardo el me ga fato 'l culo verto

e mi, mi che non me so gnanca acorto

a me go catà le bale juste in mexo l'orto

e lì go dito mama dame un ceroto

go l'oselo tuto roto

dai vien chi, ca moro dai vien chi

anca se me fa male vojo ndare in tel vegnale

adesso che ghe xe da bruscare

adesso che bisogna sapare

adesso che el fen l'è da voltare

el staloto dei porsei

a lo netarò doman desso vo drio i vedei

i porcassi de me pare (xxx mas-cio)

tote su el forbexon (porco xxx) te ghe da nar bruscare

e verxi fora 'l luame in te i vegnai soto el monte

e la cariola de pisso va trarla in tel l’Onte

’e vache che fa la conta, 'l toro pronto a la monta

a moro prima de sera, me copo davero, me copo lo giuro

me taco tel cicio un siluro

e mi, mi che piantavo le carote

xe partìo el siluro ga bruxà le me balote

e mi, mi che non me so gnanca acorto

a me son catà l'oselo tuto quanto storto

e lì go dito portame a l'ospedale

se distaca anca le bale

moro chi, de boto moro chi

anca se me fa male vojo nare in tel vegnale

adesso che ghe xe da bruscare

adesso che bisogna sapare

adesso che el fen l'è da voltare

 

 

RS6 12 SE DESSO NON ME 'A DA

(Se adesso te ne vai – Massimo Di Cataldo)

a xe sabo sera son da solo dentro un bar

entra na bea figa, la saludo con la man

me also in piè de pressa e coro a presentarme

ma go 'a cintura rota e 'e braghe casca xo

ela la sganassa, dopo la me dixe che

ti sì un bel toxeto viento a fare un giro a piè?

te porto a casa mia che tanto i mii xe fora

a se sentemo xo e impisso l'arguillè

se desso non me 'a da

ghe rompo 'l culo a forsa de scarpà

la ligo sul sofà, ghe meto 'l cicio in man

contenteme senò me toca nare a troie xxx porcon

ma i pochi schei che go li xugo al casinò

l'ultima ciavada la go fata do ani fa

non so gnanca come so sta bon tirar fin qua

sarìa contento se stasera nasse mejo

ma porco xxx i goldoni i go dismentegà

so proprio un imbranà

me toca ndare in serca fin doman

se desso non me 'a da me s-ciopa i ovi in man

masturbame perché ormai i cojoni riva in fondo ai piè

ma 'l male che i me fa non te poi mia saver

se ela la me dixe

a mi 'l to cicio non me va mia ben

alora mi ghe mastego na recia sio chen

la me ga dito ti sì un po' impedìo

ma mi te sfondo el culo porco xxx

mi vojo fare na ciavada e te lo meto proprio tel dedrio

se desso non me 'a da

mi ghe lo meto in culo fin doman

e la va via col fià a forsa de scarpà

se desso non me 'a da

xe mejo che la scapa a piè levà

parchè ghe coro drio, finchè non son finìo

vardame tei oci perchè son drio dirte che

mi te verxo tuta dalla testa fin ai piè