Testi Radiosboro e Il Veneto Imbruttito

RS A UN PASSO DALLO SPRITZ

(A un passo dalla luna – Ana Mena e Rocco Hunt)

andiamo in piazza che facciamo aperitivo

qua per bere non ne serve mia un motivo

questo xe l'orario giusto per brindare

con lo Spritz anche se non vediamo il mare

femo cin-cin che porterà fortuna

spegnamo tutte 'e luci fa ciaro solo 'a luna

bevemo n'altro Spritz in questa strana estate

go voja de far festa xe pieno de patate

quando nemo fora la sera con lo Spritz crea l'atmosfera

sia d'inverno con el cappotto estate co 'a canotiera

allora bevemo ancora che forse l'alcool ci salverà

Campari o Aperol, Prosecco, Prosecco oh

de acqua un gioseto, gioseto oh

tanta la sen questa sera xe tanta

dai fame do euro e cinquanta

che questo xe 'l presso più onesto

però dei te prego fa presto

va ben su 'l bicere de plastica

smaltimo doman co 'a ginnastica

bevemo sta roba fantastica

femo cin-cin che porterà fortuna

spegnamo tutte 'e luci fa ciaro solo 'a luna

Rit: quando nemo fora la sera con lo Spritz crea l'atmosfera

sia d'inverno con el cappotto estate co 'a canotiera

allora bevemo ancora che forse l'alcool ci salverà

Campari o Aperol – Prosecco, Prosecco oh

de acqua un gioseto, gioseto oh

lo bevono a Milano, Milano oh

ma là te serve un mutuo qua invese no

con l'oliva o arancia e limone

xe 'l Veneto a culla de questa invenzione

xe 'l pretesto par trovarse xo in piassa

smorsemo 'l telefono e chattemo un po'

Rit: quando nemo fora la sera con lo Spritz crea l'atmosfera...

 

 

RS AMORE A DISTANSA

(La musica non c’è – Coez)

dei Cristian che le femo innamorare

stasera vago xo in giardino, taco ‘l fogo e fasso da magnare, cena col me amore

ghe xe le bronse pronte e scotto un poco la gradea

meto su 'a poenta con la salamea e do paroe

tanto 'a dona xe vegana, tofu co 'a banana par mi non xe mia magnare

xe come andar a na festa e non poder mia bere

amore stame un poco a distansa

che go aria nea pansa e non resisterò

stasera go magnà in abbondansa

ma non ga mia importansa desso dormirò

me salta via i botoni del gilet

però che bon 'l galeto col purè

la tenta spesso de spiegarme che non magno in modo salutare, dovarìa cambiare

quando vedo quello che la magna tutte verdurete e gnanca mexa sparagagna

la xe na roba che me fa incazzare

ti magna l'erba che mi go 'l salado fresco da magnare

mi non te porto al mare, te porto da to mare

amore stame un poco a distansa

che go aria nea pansa e non resisterò

stasera go magnà in abbondansa

ma non ga mia importansa desso dormirò

me salta via i botoni del gilet

però che bon 'l galeto col purè

tesoro mi non vojo barufare ma non son come ti

a ti te piaxe solo le verdure e mi 'a sopressa e ‘l coessin

mi go provà a magnare 'a roba tua, leggera e crua

ma mi la soia non me piaxe mia, non 'a sa da gnente

amore stame un poco a distansa

che go aria nea pansa e non resisterò

stasera go magnà in abbondansa

ma non ga mia importansa desso dormirò

a so un professionista del buffet

se 'a molo non te resti gnanca in piè

me salta via i botoni del gilet

però che bon 'l galeto col purè

a so un professionista del buffet

se 'a molo non te resti gnanca in piè

 

 

RS AMORE IN CAMPOREA

(Amore e capoeira – Takagi & Ketra)

stasera vado a divertirme go la grinta giusta

corro in spiaggia e sento già il profumo della festa

e in mezzo a gente el sguardo mio se incrocia insieme al suo

ghe fo un sorriso e in do secondi mi so al fianco tuo

te offro un po’ da bere, tachemo a limonare

ma sul più belo non te voi ndar via

xe xa da quatro ore che semo qua

ti che te voi ballare, mi che vorìa ansimare

te prego par stasera, amore in camporea

te porto in mexo ai campi e te conto na storiea

te conto na storiea

dai te prego ndemo via, non sta fare a santarea

che do bale sto reggaeton, mi me vien la depression

te lo giuro so un bravo toxo ma non posso giurarte che mi te sposo

ndemo a campi così ciacolemo un poco, ti te vardi ‘a luna e mi te toco un po’

non ghe la fo, a te vardo el telaro e mi non te resisterò

nemo via un po’ e te prego stasera non sta dirme de no

xe xa da quatro ore che semo qua

ti che te voi ballare, mi che vorìa ansimare

te prego par stasera, amore in camporea

stanote so ‘l to mas-cio e ti la me porsea

dei ndemo fora, te rubo solo un’ora

non sta fare la suora

che andare in camporea se ‘a me passion

butemo i sedili e dai lassate andare

xe xa da quatro ore che semo qua

ti che te voi ballare, mi che vorìa ansimare

te prego par stasera, amore in camporea

te porto in mexo ai campi e te conto na storiea

te conto na storiea

amore in camporea

 

 

RS BEVU’ GNENTE

(Jambo – Takagi & ketra)

cosa feto ti ancò? el Lambo pronto da un po'

stare casa xe massa caldo, 'l clima mi non lo go

vorìa nare al mare ma mejo evitare

ghe xe na colonna che fa bestemare

andemo a na festa nea riva del Brenta

porto il salado e ti la polenta

non serve mia andar distante

che ‘a stemo ben anca qua

e mi so xa insacà

e non go bevù proprio niente, ai ai ai ai

a go l'istinto arogante, ai ai ai ai

tra il Brenta e la Savana

gente padana, Coca-Havana

dai vien anca ti che pago mi, che pago mi

non vedo più l'orizzonte

gambe che cede a forza de bere

tuti me impiena 'l bicere

musica a ciodo, tuti a balare

mi provo un po' a rimorchiare

ma co ghe vo visin

non so bon star in piè

e non go bevù proprio niente, ai ai ai ai

a go l'istinto arogante, ai ai ai ai

tra il Brenta e la Savana

gente padana, Coca-Havana

dai vien anca ti che pago mi, che pago mi

oh, de Mojito co ‘a menta

me ne so fati trenta

a me so bevù 'l Brenta

oh, tra Recioto e Soave

cargo come na nave

a me so bevù 'l Piave

e non go bevù proprio niente, ai ai ai ai

a go l'istinto arogante, ai ai ai ai

tra il Brenta e la Savana

gente padana, Coca-Havana

dai vien anca ti che pago mi, che pago mi

 

 

RS E LA MONA, LA MONA

(E la vita, la vita – Cochi e Renato)

desso ve digo na bella parola che però non la insegna mia ‘a scola

tanti pensa che la sia volgare ma qua da nialtri la xe popolare

patrimonio dea lingua locale, se non la uso sto male (wow)

sta parola vuol dire tante cose, xe na roba che ga anca le toxe

se poe dirlo finché so al vo'ante se alla guida ghe xe un deficiente

che te rischi de far un’incidente e me se inebia la mente

ma va in mona, va in mona

xe na bela parola, parola

anca soto ‘e lenzuola, lenzuola

me fa andar via de testa

co la vedo xe festa

eh la mona, la mona

e la mona xe bela, xe bela

la xe come ‘a Nutela, Nutela

sensa quela la vita

la sarìa scolorita

xe na parola che ga tanti sensi più importante de queo che te pensi

se per esempio ghe xe na persona che ‘a xe un po’ tonta ghe disemo mona

o anca uno che te fa incassare ti mandeo in mona so mare (ciao)

questo termine 'l xe necessario, da inserirlo nel vocabolario

anca Leonardo ‘a ga resa famosa, la Monnalisa con la so bea posa

xe un vocabolo meraviglioso se non te sì malizioso

eh la mona, la mona

xe na bela parola, parola

anca soto ‘e lenzuola, lenzuola

me fa andar via de testa

co la vedo xe festa

eh la mona, la mona

e la mona xe bela, xe bela

la xe come ‘a Nutela, Nutela

sensa quela la vita

la sarìa scolorita

eh la mona, la mona

e la mona xe bela, xe bela

quando vedo passar na bea dona

a me giro e ghe digo “va’ che toco de mona”

 

 

RS EL TRATTORISTA

(Il Trattorista - Dellino Farmer)

Rit1: passeranno gli anni ma non mi stanco, fiasco di vinello nella pausa pranzo

io non vado a comandare, io comando, sono un trattorista e me ne vanto

altro che giardino, mi go i campi coltivà, fra patate, vin e panoce tuto il giorno mi son qua

non ho Maserati, non ho Lamborghini, preferisso il testa calda del mitico Landini

el me formenton l’è stagionà, se par caso vien tempesta mi son proprio rovinà

fa na vita grama, fo na vita ingrata, feto a vida loca? se te vien qua l’oca te ‘a do mi

mi fo l’agricoltore, lavoro tute le ore, go i campi dentro al cuore

so sora al tratore però non so mai a che ora finirò

e quindi no, mi le ferie non ‘e fo mia

mi non posso mai ndar via, fasso 'e gite in ostaria

eh, finida la festa sa turna a laurà ormai abbiamo fatto il pieno

Rit1: passeranno gli anni ma non mi stanco, fiasco di vinello nella pausa pranzo…

Rit2: e go 'l rimorchio pieno de orgoglio, vo pa ‘a me strada sensa paura

co rivo ‘a sera mi so contento e la me tera xe la me casa

el me idolo l’è Bud ma mi adoro anca la Bud, quando sento un reggaeton mi lo ballo col forcon

pan e formajo par merenda e la sopressa a colassion

mi non vado a Formentera, vado solo a formenton

e con sto brano vojo darte belle sensassioni, pitosto scoltar liscio, mi me martelo i maroni

la musica par me l’è compagn de un bel tratur, ga mia senso staga in sima se ghe mia le vibrasiun

mi resto fora dalle masse e odio tutti quei che i crede de esser Tarzan ma i se dei tarzanei

e i voe comprarte co ‘i so schei, sboroni fin ai cavei, più ignoranti dei porsei

Same, John Deere, el Magnum e Landini, par far na roda del trator ghe volarà 40 mini

tutto originale, dalla radio al cambio, sono un trattorista e me ne vanto

Rit 1+2

faccio questa cosa e la diffondo al mondo intero

sono Renato Pozzetto, Renato Pozzetto, 2.0

come diceva De André anch’io lo ripeterò

dai diamanti non nasce niente è solo dal letame che nascono i fior

Rit 1+2

xe la me casa, xe la me casa, xe la me casa

e la me tera xe la me casa

xe la me casa, xe la me casa, xe la me casa

e la me tera xe la me

 

 

RS L'ESERCITO DEI GOTI

(L'esercito del selfie – Takagi & Ketra)

hai presente la simia del sabato sera?

intendo quella vera, intendo quella vera

a me svejo 'a matina che dormo in cusina

e me giuro che non bevo più e me giuro che non bevo più

e se mi provo a pensare non riesso mia a ricordare

dove so nda a fare festa, me s-ciopa 'a testa, go gonfia la pansa

stasera stago tranquillo, me vardo 'l Grande Fratello

ma mi me fa vomitare, non so bon de vardare, vago a bere un bicere

siamo l'esercito dei goti par bere vendo anca l'I-Phone

a go la mappa dei locali par bere un goto de quel bon

fame do bianchi, do bianchi, do bianchi, do bianchi co 'a sopressa

li buto xo alla russa e problemi non ghi n'ho, non ghi n'ho, non ghi n'ho

hai presente el panin dele quatro de notte?

con l'alcool che te batte, con l'alcool che te batte

hai presente le volte che paghi da bere?

ma gli amici ghi'n paga de più, ma gli amici ghi'n paga de più

e dopo vago a balare ma non so bon rimorchiare

perchè se vo da na dona, la me varda e la dixe: “hai la facia da mona”

ghe lo ga dito Oliviero, queo co la facia da pero

forse mi so semplicioto ma dal posto in cui vivo mi ghe ne vado fiero

siamo l'esercito dei goti par bere vendo anca l'I-Phone

a go la mappa dei locali par bere un goto de quel bon

fame do bianchi, do bianchi, do bianchi, do bianchi co 'a sopressa

li buto xo alla russa e problemi non ghi n'ho, non ghi n'ho, non ghi n'ho 2 v.

 

 

RS MONA AH AH AH

(Mmh ha ha ha – Young Signorino)

ape ape peritivo to to to to to to to

ape ape peritivo qua qua qua qua qua qua qua

ape ape peritivo te te te te te te te

ape ape peritivo ci ci ci ci ci ci cin

uva uva a a o o

cosa sto dicendo? o o o

nella vecchia fattoria

mona mona

ia ia ia o

uva uva

cosa dico adesso?

questo pezzo me fa schifo

mangio tanta salamella

Spritz

testo brutto senza senso ba ba ba ba ba ba ba

bevo Spritz con dentro arancia mmh mmh mmh mmh mmh mmh mmh

il Prosecco non mi piace be be be be be be be

mangio troppo pancia grossa oh oh oh oh oh oh oh

mona mona mona mona ah ah ah ah ah ah ah

campi campi campi campi ci ciu ci ciu ci ciu ciu

tajo tajo la sopressa za za za za za za za

mangio pane e mortadella mmh ha ha ha ha ha ha

gira gira betomiera ra ta ta ta ta ta ta

vago in disco col tratore pa pa pa pa pa pa pa

bevo tanto vino bianco no no no no no no no

discoteca grinta giusta bem bem bem bem bem bem bem

vao ballare dentro in Villa bum bum bum bum bum bum bum

mi stasera bevo il Brenta glu glu glu glu glu glu glu

damigiana tanto bella si si si si si si si

paga tasse polentone mmh ha ha ha ha ha ha

uva uva mmh ha ha i a e a a o o

mona mona

cosa dico adesso?

nella vecchia fattoria

cosa sto dicendo? pa pa pa pa

Spritz

questo pezzo me fa schifo

ia ia ia o

ua ua ua ua ua ua ua

ra ta ta ta ta

 

 

RS SETTIMANA IN SAGRA

(Settimana bianca – Il Pagante)

Spritz a volontà, ne vien giù na valanga

birra in quantità, settimana in sagra

faccio il pieno al flûte, il Prosecco non manca

brindisi a go-go, settimana in sagra

siamo veneti e amiamo le sagre paesane

da quella del riso a quella delle rane

ce n'è sempre una per ogni paese

entrepass vicino alle chiese

gli autoscontri con le luci accese

semo tuti in festa non se bada a spese

vado drito in cassa, fasso lo scontrino

salsiccia, polenta e un bicchiere di vino

e arriverà l'estate

son sempre tutto emozionà

e fin da quando ero un bambino

ae sagre andavo sempre sul tagadà

Spritz a volontà, ne vien giù na valanga

birra in quantità, settimana in sagra

faccio il pieno al flûte, il Prosecco non manca

brindisi a go-go, settimana in sagra

uh uh, Coca col Malibù, uh

gnocchi e tiramisù, uh

ballo liscio e gioventù

passo qui tutte le serate

tra i calcinculo e le auto truccate

c'è divertimento

e tutte le sere

ci si ferma a bere

Spritz a volontà, ne vien giù na valanga

birra in quantità, settimana in sagra

faccio il pieno al flûte, il Prosecco non manca

brindisi a go-go, settimana in sagra

 

 

RS SPIAJA

(Calma – Pedro Capò)

quanto male che so stà perché te me ghe molà

ma non gavevo mai pensà a vivere in libertà

vo al mare, a cambiare, desso vojo cancellare tuto e far pace con mi

nemo tuti in spiaja par gratarse 'a pansa col capeo de paja, re de l’arogansa

soto sto gran caldo bevo na bea bionda quando che 'a finisso bevo la seconda

e adesso me sento contento, bala in aumento non me lamento e me godo 'l momento

e a mi non me ne frega un bel gnente de queo che poe dire la gente

perché adesso non go più 'a morosa e mi rispondo finalmente

me rilasso soto al soe sensa nessun che rompe 'e bae

xe un pecà che le ferie finissa, starìa qua fino a Nadae

Sangria e salado in compagnia

tsunami de Prosecco la sen no 'a va mai via

che sia ae Maldive o Sottomarina

mi torno casa solo quando riva la matina

se bevo massa che me vien su la mina

me buto in spiaja oppure dormo sora na panchina

che belle donne a Sottomarina

mi vegno sempre qua perché me piaxe la va…niglia

nemo tuti in spiaja par gratarse 'a pansa col capeo de paja, re de l’arogansa

soto sto gran caldo bevo na bea bionda quando che 'a finisso bevo la seconda

nemo tuti in spiaja con la pansa all’aria, so un po' fora forma, sembro na caldaia

ghe xe un caldo bestia, desso vago al banco, mi me sento e bevo tuto 'l Cayo Blanco

e adesso me sento contento, bala in aumento

non me lamento e me godo 'l momento

desso pensaghe solo un momento

la vita xe una sola vojo viverla a cento

col sole sulla fronte co i cavei contro 'l vento

sensa Instagram, sensa gnanca un sbattimento

pensa a queo che te go dito dal me sdraio in infradito

co in man i me gioielli e nell’altra un bel Mojito

calma, la ciapo con calma che soto a la palma non ghe xe mia nessun che me stressa

calma, la ciapo con calma che soto a la palma la vita non xe mai più la stessa

nemo tuti in spiaja par gratarse 'a pansa col capeo de paja, re de l’arogansa

soto sto gran caldo bevo na bea bionda quando che 'a finisso bevo la seconda

nemo tuti in spiaja con la pansa all’aria, so un po' fora forma, sembro na caldaia

ghe xe un caldo bestia, desso vago al banco, mi me sento e bevo tuto 'l Cayo Blanco

 

 

RS UNA VITA UBRIACO

(Una vita in vacanza – Lo Stato Sociale)

l'aperitivo, al bar del paese

stasera non guido non vojo sorprese

se beve un Prosecco, con do patatine

e dopo se brinda con le bollicine

perciò, cin-cin

lo Spritz co l'arancia, la grappa Nardini

Mojito co 'a menta e se parte a shottini

la sagra in paese, le cantine aperte

ormai xe le tre ghe xe 'e strade deserte

perciò cin-cin, stasera piove vin

una vita ubriaco, ogni sera una balla

vago in giro a cantine e alla sera ritorno che son fora bolla

ogni sera a far festa sempre usando la testa e Oliviero che rompe i coglioni

stasera brindemo e sparisse i pensieri, problemi, pensieri, problemi, pensieri

con la fiera del vino, la degustazione

se magna tartine bevendo Amarone

se va in discoteca, vestito elegante

ma so sensa soldi, me bevo un spumante

perciò cin-cin

Batida de cocco e vai de Verduzzo

me bevo un Campari però l'è da mezzo

l'Amaro del Frate, me magno un spuncioto

barista vien qua co un bicer de Recioto

perciò cin-cin, stasera piove vin

una vita ubriaco, ogni sera una balla

vago in giro a cantine e alla sera ritorno che son fora bolla

ogni sera a far festa sempre usando la testa e Oliviero che rompe i coglioni

stasera brindemo e sparisse i pensieri, problemi, pensieri, problemi, pensieri

nialtri qua ne piaxe bere e stare insieme par ridere

tutti in piassa par ciacolare sperando sempre de rimorchiare

gente nova da incontrare, ogni scusa par festeggiare

trovarse qua tutte le sere

una vita ubriaco, ogni sera una balla

vago in giro a cantine e alla sera ritorno che son fora bolla

ogni sera a far festa sempre usando la testa e Oliviero che rompe i coglioni

stasera brindemo e sparisse i pensieri, problemi, pensieri, problemi, pensieri

 

 

RS VOGLIO SBOCCIARE UN BRULE'

(Voglio ballare con te – Baby K)

oh, voglio fare festa portami con te

è passato anche il Natale, so ingrassato ma è normale

pranzi e cene coi parenti, tiro quatro sacramenti

le domande de me nona se me so trovà na dona

i regali riciclati, bagnoschiuma e do calseti

pearà coi bolliti, Pandoro coi canditi

toca slaciarme i vestiti

mi sento un po' appesantito, mi serve il bicarbonato

sento i rumori molesti nea pansa da quanto ho mangiato

vojo sbocciare un brulé, soltanto un brulé, non chiedo la luna ma solo un brulé

che forse 'l me aiuta con la digestion, che 'l scalda e 'l xe speciale

cosa faccio a capodanno (boh) me lo chiedo tutto l’anno (eh)

mi me meto in movimento sempre all’ultimo momento

se va in un posto molto fico da un amico de un amico

non conosco mia nessuno, me ne sbatto, xe 'l trentuno

bevo l'ultima graspeta, da domani tuti in dieta

tanto non xe mai sul serio

mi sento un po' appesantito, mi serve il bicarbonato

sento i rumori molesti nea pansa da quanto ho mangiato

vojo sbocciare un brulé, soltanto un brulé, non chiedo la luna ma solo un brulé

che forse 'l me aiuta con la digestion, che 'l scalda e 'l xe speciale

e gli auguri a mezzanotte che ti arriva al cellulare

da persone che di prassi non riesci a salutare

e mentre le coppie limona mi resto da solo con me

che penso che go magna troppo e go voja de bere un brulé

mi sento un po' appesantito, mi serve il bicarbonato

sento i rumori molesti nea pansa da quanto ho mangiato

vojo sbocciare un brulé, soltanto un brulé, non chiedo la luna ma solo un brulé

che forse 'l me aiuta con la digestion, che 'l scalda e 'l xe speciale

voglio sbocciare un brulé – questa notte mi divertirò

voglio sbocciare un brulé – faccio festa e poi ballerò

voglio sbocciare un brulé

voglio sbocciare un brulé

voglio sbocciare un brulé

oh, no no no

Monamour

 

 

VENETO ALE' ALE'

stavolta la canzone che cantiamo è più profonda

dipingiamo il territorio e tutto ciò che ci circonda

noi che amiamo questo posto e lo portiamo dentro al cuore

questo è il Veneto stupendo e lo viviamo con amore

Il Veneto è un popolo che beve ed è volgare

con l'accento un poco grezzo che fa quasi ridacchiare

Anni 30 a coltivar i campi e ad allevar bestiame

con la gente che emigrava per la crisi e per la fame

brava gente che lavora sotto il segno del leone

che ha inventato l’arsenale el spritz e anche l’amarone

poi c'è il garda che al tramonto è una magia spettacolare

e Le montagne bellunesi e poi si scende fino al mare

c'era il doge che regnava da venezia in lombardia

serenissima repubblica mi sento a casa mia

e le ville qui in riviera, patrimonio universale ce ne sono 5000, ce le invidia lo stivale

con la gondola passare sotto il ponte di rialto

tra le case di Burano gialle, verdi e blu cobalto

poi c'è il Piave, il Pò e l'Adige e anche il fiume Brenta

che se fossero di vino sai che festa che diventa

RIT1 e 1000 anni sono passati in un secondo

portando sempre l’orgoglio nel mondo

e abbiamo visto Baggio amato dall’Italia

la Pellegrini che vinceva la medaglia

e abbiamo pianto sotto la tempesta vaia

rimboccandoci le maniche in migliaia

e 1000 anni di cuore e di passione

nella bandiera c'è il nostro leone

con il ricordo vivo della diga maledetta

e cani e porci darci sempre un’etichetta

e quindi forza Veneto ale ale

poi c’è il grande Sammy Bassocon na grinta eccezionale

Bebe Vio che con lo scherma ha conquistato anche il mondiale

c'è Faggin con un invenzione che è rimasta nella storia

il microchip è vicentino e ci ha portato fama e gloria

c’era Marco Polo da Venezia che è arrivato in Cina

Casanova che ogni sera se ne fa na cinquantina

padovani gran dottori che hanno l'università

e i formaggi che facciamo sono una specialità

l'eccellenza qui in regione sembra un pozzo senza fondo

il Prosecco è un’invenzione che ci invidia tutto il mondo

e a Verona c'è l'Arena e la casa di Giulietta

qui da noi se vieni al bar trovi un amico che ti aspetta

quanti vini qui da noi sono marchiati Docg

Andrea Palladio e i suoi progetti manda tutti in serie B

e il Canova da Possagno gran maestro di scultura

e la sacca a Scardovari meraviglia de 'a natura

RIT2 e 1000 anni sono passati in un secondo

portando sempre l’orgoglio nel mondo

e Baggio che ha portato in finale la nazione

e Paolo Rossi vicentino d'adozione

e poi Bordin ci ha fatto entrare nella storia

e tanti veneti portarci alla vittoria

e 1000 anni di cuore e di passione

nella bandiera c'è il nostro leone

e abbiamo visto insieme le vittorie di Del Piero

e per fortuna posso dire che io c'ero e quindi forza veneto ale ale

quando canto queste strofe penso che son fortunato

che tra tutti I continenti proprio in Veneto son nato

meraviglie e panorami da lasciarti senza fiato

io di questo posto sono innamorato