Testi Radiosboro 18

RS18 2 MI NON GHE TORNO MIA

(I love the way you lie – Eminem feat Rihanna)

Rit: fa tutto schifo ma vivo qua

mi sto in Italia sto Paese che non va

xe tutto smarso e vorìa nar via

scapo distante qua mi non ghe torno mia, mi non ghe torno mia

perché tuto xe na merda qua, ghe xe tante robe che va male

e quando che ala sera vardo un po’ 'l telegiornale

tute le notissie che i me dixe le xe orende, robe che a matina te vien voja

de non aprir le tende e stare in leto che tanto xe lo stesso

vivo in un Paese che xe sporco come un cesso

cesso che xe pieno de bei stronzi galleggianti, gente che governa sto Paese de ignoranti

non sto mia parlando dea sinistra o dela destra, tanto tuti i caga dentro nela me minestra

tuti lì a rubare e a inventarse nuove tasse, tanto ‘i italiani serte robe no ‘e capisse

nialtri lavoremo come bestie tuto 'l mese, dopo in busta paga se trovemo un po’ de spese

spese che le serve par pagarghe qualche lusso, lori ga lo yacht e mi lavoro come un musso

Rit: fa tutto schifo ma vivo qua…

xe tuto sporco e tuto xe coroto qua mi me so roto, semo nela merda e pian pianelo nemo soto

e ogni giorno penso che 'l fa schifo sto Paese, massa tasse insulse, massa ladri, massa ciese

tante volte penso come mai non se svejemo, sembra che in Italia più te incula e più godemo

semo tuti uguali e anca mi son deficiente, tuti i se lamenta ma nessuni fa mai niente

pensa un po’ allo schifo che xe dentro al Vaticano, i preti che xe onesti te li conti in te una mano

non gavìo mai fato un bel gireto nel so Stato, che xe una ricchezza e un patrimonio sconfinato

dopo me vien in mente gli stipendi ai calciatori, me vien su na rabbia che li coparìa anca lori

semo na ai mondiali con la fama da campioni invese ghemo fato na figura da coglioni

Rit: fa tutto schifo ma vivo qua…

me sta sul cazzo e quasi non ghe credo quando sento serte storie

quele che le parla dello schifo dentro 'e curie

dove serti preti sta a contato coi toxeti e dopo xo in canonica i ghe da anca do baxeti

lori da inocenti non i sa gnanca cosa fare intanto 'l prete el toca e non se ferma de palpare

quando che li beca non i ghe fa mai quasi gnente

prova a domandarghe al bocia come che se sente!

podarìa parlare de schifezze per un’ora, oggi la xe merda dopo sarà pexo ancora

nialtri ghemo mafia, droga, scandali, rifiuti, non xe mia un problema perché lo gavemo tuti

mi con questo testo esprimo solo 'a me paura, non me sentirà nessuno tanto i me censura

scrivo questo mio pensiero col me cuore in mano e digo che mi me vergogno d'essere italiano

Rit: fa tutto schifo ma vivo qua…

 

 

RS18 3 VENERDI’

(Poker face – Lady Gaga)

lavoro come un negro in falegnameria

tajo il legno tuto 'l giorno e no ‘a me passa mia

par fortuna che xe quasi sera e stago bon

ae sinque staco 'l turno e mando in figa il me paron

ghe a fasso pì de star dentro chi

fin lunedì non ghe torno pì

vago via, che allegria perché stasera xe venerdì, me imbriago fin matina

che casin, dame vin, dai che stasera xe venerdì, non go posto pa i pensieri

stasera fasso festa xe venerdì

non penso a niente perché xe venerdì

stasera bevo tuto finchè so sfinìo

tra Whisky, graspa, Caipirinha e Curacao

so proprio smarso e fo fadiga a stare in piè

la disco la xe piena e quante cicce che ghe xe

non vojo pì nar fora da 'e chi

fin lunedì fo festa con ti

che energia, che allegria perché stasera xe venerdì, me imbriago fin matina

che casin, dame vin, dai che stasera xe venerdì, non go posto pa i pensieri

fasso festa fin matina e non me ne frega un casso

se stasera non se tromba tanto ‘e toxe gnanca no ‘e me varda

xe mejo stare co i me amici e quando rivo casa

fasso na bea sega e so contento, mi doman stago in leto

che energia, che allegria perché stasera xe venerdì

dame 'a gossa che me gonfio

che casin, dame vin, dai che stasera xe venerdì

dame un giosso che festeggio

vago via, che allegria perché stasera xe venerdì

ciao bea figa, dame un baxo

che casin, dame vin, dai che stasera xe venerdì

so imbriago come un oco

che energia, che allegria perché stasera xe venerdì

dame 'a gossa che me gonfio

che casin, dame vin, dai che stasera xe venerdì

dame un giosso che festeggio

stasera fasso festa xe venerdì

non penso a niente perché xe venerdì 3 v.

 

 

RS18 5 MA CHE SFIGA

(Alejandro – Lady Gaga)

che giornata spaco tuto

a go na sfiga che no ‘a va più via

bestemando mi me calmo

ma qualsiasi roba fassa la va mae

go impissà la machina 'l motore xe s-ciopà

so rivà in ritardo e i me ga anca licensià

son disgrassià, go mai scopà, ma che sfiga

son sensa schei, go i tarsanei, ma che sfiga

a so sfigà me taco 'a cicca che così me calmo un po’

ma co ‘a bronsa ciapa fogo el giubeto

ma che sfiga, ma che sfiga

varda qua che sfiga, varda qua che sfiga 2 v.

quanti porchi, quanta merda

a xe mejo che mi vaga fora un po’

sta piovendo, xe anca fredo

e la machina la passa qua tacà

ga ciapa la pocia e mi me so tuto lavà

solo il xxxxx xxxxx sa quanto go bestemà

son disgrassià, go mai scopà, ma che sfiga

son sensa schei, go i tarsanei, ma che sfiga

a so sfigà me taco 'a cicca che così me calmo un po’

ma co ‘a bronsa ciapa fogo el giubeto

ma che sfiga, ma che sfiga

varda qua che sfiga, varda qua che sfiga 2 v.

ma che sfiga, ma che sfiga, ma che sfiga, ma che sfiga

son disgrassià, go mai scopà, ma che sfiga

son sensa schei, go i tarsanei, ma che sfiga

a so sfigà me taco 'a cicca che così me calmo un po’

ma co ‘a bronsa ciapa fogo el giubeto 2 v.

ma che sfiga, ma che sfiga

varda qua che sfiga, varda qua che sfiga 2 v.

 

 

RS18 6 DAME DA BERE

(I gotta feeling – The Black Eyed Peas)

dame da bere che stasera vo casa pieno

che stasera vo casa smarso

che stasera vo casa go-gonfio 4 v.

dai fame un Spritz che xe le siè

doman xe sabo se poe dormire

stasera festa tuti qua al bar

bevemo tuto, te speto qua

vien che fasemo bordeo

'l Champagne xe da checche dame 'l Raboseo

vien qua che ancò vojo fare casin

e balare su 'e tole co un fiasco de vin

dai pago mi, tuti in piè, anca le toxe, sio stanche? no

batemo 'e man, femo bacan che fin doman nialtri semo qua a bere

bevemo, bevemo, bevemo, bevemo, bevemo, bevemo, dai passa il fiasco

bevemo, bevemo, ancora un altro goto, bevemo, bevemo, bevemo

dame da bere che stasera vo casa pieno

che stasera vo casa smarso

che stasera vo casa go-gonfio 2 v.

a so insacà, a so insacà, che bel feston, che bel feston

ghe vedo doppio, doppio, che ben che stò, iuu

balemo ancora, ancora, femo cin cin, vaii

passame el Whisky, dai, sio stanchi? no

go ancora schei, iuhuu, pago mi, bevi

va in figa 'a crisi, va in figa, sa vuto? Rhum

varda che ‘e lì, che fighe, che bee che ‘e xe, che bee che ‘e xe

le ciamo qua così ghe ofrimo da bere

bevemo, bevemo, bevemo, bevemo, bevemo, bevemo, dai passa il fiasco

bevemo, bevemo, ancora un altro goto bevemo, bevemo, bevemo

go bevù, go fumà, so fulminà, go brindà, go balà, go limonà

go saltà, go cantà, so insachetà, go trincà, go sudà, so ncora qua

luni, marti, mercore e xobia, venere, sabo e anca la domenega

se-se-se-se-semo qua tuti quanti al bar

festa ogni dì, fe-fe-fe-festa ogni dì

dame da bere che stasera vo casa pieno

che stasera vo casa smarso

che stasera vo casa go-gonfio 2 v.

dame da bere

 

 

RS18 8 ME LA DETO O NO

(Ma l'amore no - Arisa)

xe da un toco che mi te ‘o domando, che te invito ma ti dime quando

viento fora? viento via con mi?

non me sembra quasi gnanca vero, ti sì na bea toxa digo par davvero

semo a cena a lume di candela, da ‘a terassa splende 'a luna e qualche stela

xe 'a serata giusta par portarte a casa mia, pago il conto e dopo mi te porto via

finalmente te go qua davanti, te go sempre tratà con i guanti

me la deto, me la deto o no?

xe da un ano che te fò la corte, ma co ‘e done le va tute storte

me la deto, me la deto o no?

a go speso proprio un capitale, a te ghe magnà de tuto fa un cinghiale

mi te go portà anca in riva al mare perché mi speravo de poder trombare

te ‘o savevi che stasera gavarìa provà a portarte in leto e desso nemo qua

te go scritto poemi d’amore lavorando insima al tratore

me la deto, me la deto o no?

a te porto a vedere il tramonto ma te avverto che dopo te monto

me la deto, me la deto o no?

te go portà anca i fiori e un regaleto ma basta che te me la dai

a go cavà i pornassi soto al leto, te prego ciuciamelo dai

a so un toxo che non ga difeti, go cambià le mudande e i calseti

me la deto, me la deto o no?

te lo sè te me piaxi da un toco se stasera non trombo me copo

me la deto, me la deto o no?

a sarissimo na coppia perfeta ma me feto ciuciare na teta?

me la deto, me la deto o no?

go ‘l profumo l’è Dolce & Gabbana, me la deto xxxxxxx … te prego

me la deto, me la deto o no?

me la deto, me la deto?

me la deto, me la deto o no?

me la deto, me la deto o no?

me la deto, me la deto o no?

me la deto, me la deto?

NO

 

 

RS18 9 POSTO DE BLOCO

(Beautiful monster - Ne-Yo)

toca a mi pagare 'l giro, ormai so pien ma ti de più

Coca e Gin che festegiemo, go comprà l’ultima BMW

dai nemo via che nemo a roje, a so un po’ inebià ma vedo un po’ de luci blu

ghe xe i sbiri, posto de bloco, so nela merda, i me fa 'l test

sofio dentro, 1 e 70 e la patente no ‘a vedo più

no ‘a vedo più, non la vedo più

no ‘a vedo più, non la vedo più

no ‘a vedo più, non la vedo più

no ‘a vedo più

la BMW i la mete all’asta, son sfinìo furia a bestemar

dai toi 'l Fiorin ca nemo casa

gira xo de là ma vedo i lampeggianti blu

ghe xe i sbiri, posto de bloco, varda che sfiga, i te fa 'l test

sofia dentro, 1 e 90 e la patente te ‘a vedi più

taco a dire xxx

dopo tuti i animai

el can, porseo, mas-cio, inviperìo

porco, verme anca un po’ stordìo

orso, ragno e anca inseminìo

scarafaggio anca un po’ svampìo

el can, porseo, mas-cio, inviperìo

porco, verme anca un po’ stordìo

orso, ragno e anca inseminìo

scarafaggio anca un po’ svampìo

ghe xe i sbiri, posto de bloco, varda che sfiga, i te fa 'l test

sofia dentro, 1 e 90 e la patente te ‘a vedi più

no ‘a vedo più, non la vedo più

no ‘a vedo più, non la vedo più

no ‘a vedo più, non la vedo più

no ‘a vedo più

 

 

RS18 11 IO PERMESSO NUN CE L’HO

(La mia banda suona il rock – Ivano Fossati)

io permesso nun ce l’ho, io straniero irregulare

io son rivà da Canahan per venire a lavorare

io no istruito, parlo un po’ italian e dialeto

cerco posto da muratore, faccio anche 18 ore

per adesso vado in giro a suonare i campanelli

vendo calze e accendini, braccialetti e anche occiali

io permesso nun ce l’ho e quando vedo Carabinieri

scapo come una saetta, i me ga fermato anche ieri

dame 'a elemosina, dammi un euro

compra nu belo accendino, per favore, dai

io permesso nun ce l’ho, vivo qui con mia familia

so partito con gommone dalla Albania alla Puglia

desso faccio camionista, guido camion betoniera

non mi piace guidare preferisso riposare

io lavoro solo in nero perché non son regolare

in passato ho anche fatto falegname e spacciatore

non son educato, scoreggio se ho mangiato

in Italia io so contento, c’è puttane anche in Parlamento

tutti pensa che albanese sono gente disonesta

ma non dirmelo mai in faccia che sennò ti spacco testa

non offendetemi, spacco gambe

non denunciatemi, no, che sennò ti do

io pelmesso non ce l’ho, non ho nemmeno licenza

ma io essele tlanquillo e lavolo qui a Vicenza

io son opelaio, so livato qui a febblaio

faccio maglie con malchio falso

se mi beccano sono espulso

ma non voglio litolnale pelchè Cina blutto posto

anche se mi plende sbilo sto in Italia ad ogni costo

ma il pelmesso non ce l’ho e lavolo dentlo a galage

siamo in centotlentatle se scoleggio faccio una stlage

e non distulbatemi, so a lavolo

e non copiateci, no, pel favole, no

aiaiaiaiaiaiaiaiaiaia per favore, no

aiaiaiaiaiaiaiaiaiaia per favore, no

aiaiaiaiaiaiaiaiaiaia pel favole, no

aiaiaiaiaiaiaiaiaiaia per favore, no

 

 

RS18 12 SBORO IN GIRO PAL MONDO

(L'ombelico del mondo - Jovanotti)

e mi sboro in giro pal mondo, sboro in giro pal mondo

e mi sboro in giro pal mondo, sboro in giro pal mondo

mi vago in giro in serca de fighe e non me importa de quelo che dixe

tuta la gente che la xe invidiosa perché go l’oco che mai non riposa

me piaxe catare le toxe nove e le corteggio un po’ fino a quando

non le se assa palpare la figa e dopo un’ora le sto xa trombando

e mi sboro in giro pal mondo, sboro in giro pal mondo

e se me piaxe una la trombo e par mexora mi me perdo via

ghe vago fora un paro de volte, questo xe scopo de la vita mia

a volte ris-cio anca de bruto se le me ciapa vo finir male

ma so più forte de ogni paura perché mi vojo solo scopare

e mi sboro in giro pal mondo, sboro in giro pal mondo

e mi sboro in giro pal mondo, sboro in giro pal mondo

e mi sboro in giro pal mondo perché la figa xe 'l me pensiero

non me vergogno de quelo che digo perché le done me piaxe davvero

scrivo messaggi pieni d’amore così xe sicuro che la porto via

e quando la go scopà sul divano la sbato fora da casa mia

e mi sboro in giro pal mondo, sboro in giro pal mondo

e mi sboro in giro pal mondo, sboro in giro pal mondo

e mi sboro in giro pal mondo e vago vanti finchè go energia

e se na figa non me la mola mi de sicuro non me ‘a ciapo mia

penso a la dona che me farò dopo e ogni volta ritaco da capo

quando che sboro mi so contento anca se ‘a gente me ciapa par mato

e mi sboro in giro pal mondo, sboro in giro pal mondo

e mi sboro in giro pal mondo, sboro in giro pal mondo

a sborar

sboro, sboro, sboro, sboro

e mi sboro in giro pal mondo

e mi sboro in giro pal mondo

oh yeah

sboro, sboro, sboro, sboro

oh si

a sborar

 

 

RS18 14 LA FIGA NO ‘A GHE XE MIA

(Ti prendo e ti porto via – Vasco Rossi)

la me ga roto le bae perchè ogni sera sta mae non se poe mai scopare

desso ciapo la vespa e vago a fare un giro su pa ‘a statae

vedo un bel putanon, me la cargo in vespon e la porto in tel campo

meto 'a cuerta tel prà e 'a palpo un po’

la cavo xo, vedo però la figa no ‘a ghe xe mia

la ga l’oseo, pieno de peo, lungo de più del mio

non garìa mai pensà che mi gavesse cargà un trans che ga l’oselo

eppure ‘a jera un figon ma desso mejo star bon, basta putane

a vago in disco un po’, lo so che m’imbriagherò e na tipa 'a me varda

tachemo a limonare e mi so xa inamorà

ma dopo un po’, co ‘a cavo xo, la figa no ‘a ghe xe mia

la ga l’oseo, pieno de peo, lungo de più del mio

la cavo xo, vedo però la figa no ‘a ghe xe mia

la ga l’oseo, pieno de peo, lungo de più del mio

serto che mi so sfigà se me casca l’oseo 'l me rimbalsa nel culo

se taca piover figa sicuro mi go l’ombreo

la cavo xo, vedo però la figa no ‘a ghe xe mia

la ga l’oseo, pieno de peo, lungo de più del mio

la cavo xo, vedo però la figa no ‘a ghe xe mia

la ga l’oseo, pieno de peo, lungo de più del mio

 

 

RS18 15 STARE IN CITTA’

(Undisclosed desires - Muse)

mi vivo in un posto che a l’è bruto asà

non ghe xe nessuni intorno e ghe xe solo un bar

vivo da solo come un can

stufo de stare sempre qua

mi vojo andare via, mi vojo stare in città

e lasso casa mia, non vojo stare più qua

questa xe un’agonia, mi vojo stare in città

mi vojo andare via e non tornare più in sto posto qua

so come un eremita che se ga allontanà

da tuto queo che ofre la nostra società

credo che la farò finìa

giuro che un giorno scapo via

mi vojo andare via, mi vojo stare in città

e lasso casa mia, non vojo stare più qua

questa xe un’agonia, mi vojo stare in città

mi vojo andare via e non tornare più in sto posto qua

credo che la farò finìa

giuro che un giorno scapo via

mi vojo andare via, mi vojo stare in città

e lasso casa mia, non vojo stare più qua

questa xe un’agonia, mi vojo stare in città

mi vojo andare via e non tornare più in sto posto qua

 

 

RS18 17 LA XE GAY

(Just dance – Lady Gaga)

so rivà casa l’altro dì, l’altro dì e me morosa xera li, sentà in carega

la me ga dito che non ghe ne pole più se per favore vago via

ma che casso xe capità? la me ga sempre dito che la xe tanto inamorà

e adesso la me ga contà che ela i omeni non ghe piaxe più

e ‘a xe gay, ghe piaxe ‘e fighe, ‘e done

e ‘a xe gay, la lecca ‘e tete e anca la figa

e ‘a xe gay, la limona con le toxe, la xe gay, gay

e mi ghe resto un po’ impalà, oh oh oh

se desso ‘a storia xe sta qua, ghe penso un po’

a parte tuto mi ghe vojo ancora ben e sercherò na solussion

par mi la xe un’occasion e ghe domando se per caso la conosse un troion

ciamea qua che scopemo in tre a xe 'l me sogno de scopare co do toxe un po’ gay

ghe piaxe ‘e fighe, ‘e done

e ‘a xe gay, la lecca ‘e tete e anca la figa

e ‘a xe gay, la limona con le toxe, la xe gay, gay

la me chiede se so mato e che la pensa che

non sarìa na bela idea quea de scopare in tre

la prepara la valixa e dixe che ‘a va via

dopo un’ora la xe xa sparìa da casa mia

ma quanto che speravo non finisse così

la sfiga me perseguita ogni giorno de pì

se anca la xe lesbica podea star con mi

e invese go ‘a morosa che xe diventà gay

ghe piaxe ‘e fighe, ‘e done

e ‘a xe gay, la lecca ‘e tete e anca la figa

e ‘a xe gay, la limona con le toxe la xe gay, gay

e ‘a xe gay, la limona con le toxe, la xe gay, gay e ‘a xe gay

ORGASMI

e ‘a xe gay, ghe piaxe ‘e fighe, ‘e done

e ‘a xe gay, la lecca ‘e tete e anca la figa

e ‘a xe gay, la limona con le toxe la xe gay, gay

e ‘a xe gay, la limona con le toxe, la xe gay, gay

 

 

RS18 18 SO MATO PAR LA MONA

(La bamba – Los Lobos)

so mato par la mona

so mato par la mona

me ‘a sogno sempre de giorno e de note

mi me s-ciopa ‘e balote se non vo in figa

almanco ogni giorno

me piaxe sborare

che beo che xe

che beo che xe

che beo che xe

la xe bea sensa pelo

fraco dentro l’oselo

e vo su e xo

e vo su e xo

e vo su e xo

viva 'a figa

viva 'a mona

viva 'a vulva

so mato par la mona

so mato par la mona

ma mi so un cesso e vago a putane

bionde, rosse o castane non cambia niente

che bea xe la figa

so mato par la mona

so mato par la mona

me svejo ae sete col casso xa in tiro

mejo nar fare un giro dale mie amiche

che beo xe sborare

ma che beo xe sborare

che beo che xe

che beo che xe

che beo che xe

viva 'a figa

viva 'a mona

viva 'a vulva

 

 

RS18 20 SECIARO

(Mistero – Enrico Ruggeri)

mi desso so in cantina, so qua che svodo 'a tina

a filtro 'l vin parché stasera go da imbotigliare

ghi'n sajo solo un giosso che bon che xe sto rosso

go solo il tempo de capire che me so imbriagà

a go svodà un vesolo e mi me piaxe bevare

se riva qua me opà me tocherà scapare

mi non capisso ma come mai tuti i me ciama in sto modo, seciaro

go spanto 'l vin par tera, lo leco fin stasera

a verxo anca la bote dove dentro go ‘l Barbera

me gira un po’ la testa, a bevo e fasso festa

intanto sento che la porta xe drio verserse

a xe rivà me opà con la baila in te le man

a scapo dentro 'a bote così non me cata

desso te copo, quando te cato, speta rivare stasera, seciaro

a ghi n’ho ciapà tante par le botiglie spante

mi so che sta passada la ricorderò pa un toco

so pien de taj e bote, a go le gambe rote

ma ncora nela testa penso sempre e solo al vin

a vorìa bevare ancora qualche giosetin

che così dopo i me para via da casa

perché mi bevo, perché me piaxe, perché mi amo il vin nero, seciaro

a so imbriago, vardame, vardame, a so imbriago

se desso vien dentro me pare lu 'l me copa, el me da

me toca scondarme là, dentro le mestele de Cabernet

che così là non me catarà mai

e me porto un bicere e un bel fiasco de vin

che sia Garganego, Raboso o anca Cabernet

non me interessa par mi basta che se beva

perché mi bevo, perché me piaxe, perché mi amo il vin nero, seciaro

perché mi bevo, perché me piaxe, perché mi amo il vin nero, seciaro

seciaro

 

 

RS18 21 CHI ME LA DA

(Sincerità - Arisa)

chi me la da?

serco na dona disponibile, per far pompini con libidine

perché go voja de sborar

chi me la da?

so stufo de 'e morose timide a mi me piaxe quele luride

che gabia voja de trombar

me piaxe la figa davero, l’è sempre 'l me primo pensiero

me also ale sie de ‘a matina e penso de xa a la vagina

scopare, scopare, scopare a tute le ore del giorno

menare, menare l’oselo, sborare anca dentro al lavelo

e ti te ghe sempre 'l marchese e mi che non sboro da un mese

scopare ogni due setimane

pensare a un figa col pelo, vedere indrisarse l’oselo

chi me la da?

a go na voja irefrenabile, vojo na figa disponibile

perché go voja de sborar

chi me la da?

go la morosa massa indormessà, vojo na roja che me fa sborar

go sempre voja de ciavar

so sempre arapato davero, la figa 'l me solo pensiero

se vardo ala televisione a vedo soltanto troione

sfojando Famiglia Cristiana a vedo na suora putana

il cicio diventa xa duro, te ciapo te sfondo anca il culo

chi me la da?

go il ciccio duro non ghi'n posso pì, serco na roja che me fa un pompin

e sboro insima al comodin

adesso go sborà, el cicio l’è smolà e sega dopo sega go le bale ingripà

aspetto fin doman el cicio se alsarà, le bale pien de sperma tornerà

chi me la da?

mi non riesso più a resistere, me fo na sega con libidine

perché go voja de sborar

chi me la da?

de masturbarme non ghi'n posso pì, serco na roja che me fa un pompin

e tanto sesso magico 3 v.

 

 

RS18 23 TUTO A PUTANE

(Boulevard of broken dreams - Greenday)

co xero xovane speravo che le robe nasse ben

che garìa trovà la dona che la me starà tacà

e mi speravo che gavesse un lavoro de quei bei

che i me piaxe assà e che portasse casa tanti schei

portasse casa tanti schei, portasse casa

e invese xe na tuto a putane

non go un lavoro e fasso anca la fame

sto in strada tuto il giorno a fare un casso

ma cosa goi sbaglià?

a so na scola per quindex’ani e no ‘i me ga bocià

e stavo in compagnia solo a quei dell’alta società

mi non go mai tocà la droga e tuto queo che ghe va drio

i me ga insegnà che dopo non se poe tornare indrio

che non se poe tornare indrio, che non se pole

e istesso xe na tuto a putane

non go un lavoro e fasso anca la fame

sto in strada tuto il giorno a fare un casso

ma cosa goi sbaglià?

desso me chiedo se el futuro el xe tuto qua

go trent’ani ormai e fasso i me conti co ‘a realtà

e infatti xe na tuto a putane

non go un lavoro e fasso anca la fame

sto in strada tuto il giorno a fare un casso

ma cosa goi sbaglià?