Testi Radiosboro 7

RS7 2 LUGLIO 1998

(Luglio – Riccardo Del Turco)

Ciccio stasera metti 'a giacca e nemo via con mi

Cristian ga fatto na promessa le troie porterà

Sbiro dai nemo gussare salta su

figa to mare

mola xo a morosa stasera ciava 'a bruna non sta pensarghe su

nemo senò 'e va via da sole e con le coe mole ne toca nar dormir

Bajo a lo spetemo sempre e dopo no 'l vien più

nemo non sta mia perder tempo che non ne speta più

ma perché non te voi nare?

non go schei

ma va cagare

nemo via stanote, trombemo par tre giorni non ghe pensemo più

nemo senò 'e va via da sole e con le coe mole ne toca nar dormir

Sandro impissa la vettura che non rivemo più

svelto che go la renga dura e voi pararghea su

presto dai struca el pedale nemo su vojo gussare

ma che 'l xxx bastardo semo rivà in ritardo e non le ghe xe più

desso le xe nda via da sole e con le coe mole ne toca nar dormir

presto dai struca el pedale nemo su vojo gusare

ma che 'l xxx bastardo semo rivà in ritardo e non le ghe xe più

desso le xe nda via da sole e con le coe mole ne toca nar dormir

 

 

RS7 3 PITER CAN

(Peter Pan – Enrico Ruggeri)

doman de sera partirò

in volta pal mondo girerò

forse so un po' ebete

ma ormai non go gnente da perdere

go ritrovà la libertà

vivo nei boschi e in mexo ai prà

spesso vo dormire insima ai alberi

mi so poareto, non go schei

meno 'l careto coi vedei

vedo na putana che da 'a spussa 'a volta via

Rit1: tra i bidoni, rumo con le mani come un poro ebete

me vesto col carton onto fa un teron

tel staloto fasso su un canoto

bevo graspa tuto 'l giorno, stago ben così

vivo come un Papa porco xx

penso che indrio non tornerò

vojo girare pa un bel po'

lo sognavo sempre fin da piccolo

xe proprio belo star da soi

nare dormire in tei vegnai

fasso quel che vojo e casa non ghe torno mai

go i vestiti mexi scoloriti, vivo sempre soto 'a piova

a so slandronà vardame xxx can

te 'a campagna, dormo co na cagna

che no 'a rompe mai i cojoni e quando vojo mi

ghe lo pianto in culo e morta lì

Rit2: coi schei, dimmi cosa fai?

cosa devito comprare?

coi schei, non te stè mia mae

ma però mi sto mejo

Rit3: coi schei, dimmi come fai

a comprarte na bea vita?

coi schei, non te 'o farè mai

mi sto mejo co 'a me libertà

Rit 1+3

Rit 2+3

 

 

RS7 4 XE NA BUXIA

(Ho messo via - Ligabue)

xe na buxia, quando te digo che mi so ancora innamorà

sul comodino go 'a to foto ma verso il muro 'a xe girà

xe na buxia, te lo savevi ma ti te ghe sempre provà

ma mi non vojo torte in giro e xe par questo che te go asà

xe na buxia, quando dixevo che navo via solo con ti

mi vedevo anca chealtre e mi'n ciavavo tre te un dì

xe na buxia, co te ciamavo par dirte stago casa mia

e dopo co te saludavo co na bea figa navo via

ma desso penso che la vita la jera bela insieme a ti

ma ti non te voi più tornare e mi son solo porco xx

xe na buxia se desso digo che in fondo stago ben così

ma mi vojo tornare con ti

se te vien via te lo dimostro che mi so ancora innamorà

ma adesso che non semo insieme me sento solo e disperà

non vojo mia che ti te credi che mi penso solo a quea

non vojo più torte pal culo e gnanca dirte più buxie

e desso penso che la vita la jera bela insieme a ti

ma ti non te voi più tornare e mi son solo porco xx

xe na buxia se desso digo che in fondo stago ben così

ma mi vojo tornare con ti

me sento mona a dirte che vojo star con ti

star con ti, star con ti, star con ti

e ti te dixi che la colpa la xe sta mia

e desso penso che la vita la jera bela insieme a ti

ma ti non te voi più tornare e mi son solo porco xx

xe na buxia se desso digo che in fondo stago ben così

ma mi vojo tornare con, vojo tornare con, vojo tornare con ti

 

 

RS7 5 E MI

(E tu – Claudio Baglioni)

incoconati come dei porsei

semo na magnar dai Onti, polenta e osei

ormai a go la pansa che me s-ciopa

se me opà me vede imbriago doman 'l me copa

Rit1: ma mi sto fora un par de dì

così lu no 'l me cata pì

però quando che tornerò

na rua de s-ciafe ciaparò

e scapare in granaro lu me core drio

ma mi vo tel punaro e me saro su

non voi bevare più, non voi bevare più

ma go sconto in te 'a paja dele vache un bel periolo

e doman vo xo in cantina svodo un vesolo

e dopo vo coi toxi da Carleto

femo a gara par vedere chi resta drito

ma mi me piaxe massa 'l vin

ghi'n vanso gnanca un giosetin

sarò cargo par un bel po' ma almanco me divertirò

vojo bevare un fusto de Recioto nero

me trò dentro 'a cisterna non me staco più

dame un fiasco de vin, dame un fiasco de vin

vojo un po' de nero

Rit2: ma desso che so insachetà

vo in leto e dormo fin doman

me sta s-ciopando 'a testa porco xxx

so na te un fosso col vespon

par nare a goti xxx porcon

e desso son a piè xxx cane

ma xxx porco desso son rimasto sensa schei

se me opà se acorse che son lustro

el me scavessa 'l colo

Rit1: ma mi sto fora un par de dì...

stago massa male

Rit2: ma desso che so insachetà...

 

 

RS7 6 DOMENEGA BESTIALE

(Domenica bestiale – Fabio Concato)

domenega te porto a vendemare

pasemo fra i filari col tratore

tolemo su la brusca e nemo a lavorare

bevemo un giosetin ogni do ore

lo seto amore mio come me piaxe

cargar l'atresatura tel careto

partire a la matina, lavorare soto 'l sole

tornare indrio la sera con le bole

che mal de schena xxx bestiale

par lavorare insieme a ti

ogni tanto tiro un porco

me fa male tuto 'l corpo

varda qua che scotatura

a me par de bruxare

xe quasi mexogiorno nemo casa

e meti su la pasta che go fame

vo farme un bel soneto

go voja de dormire

e dopo su de corsa a lavorare

amore mio carghemo 'l motosega

ancò te insegno n’altra bea robeta

te impari a disboscare

e mi te stago rente

parchè ancò non go voja de far gnente

go mal de schena xxx maiale

xe mejo che te fassi ti

ogni tanto mi te juto

se me scapa tiro un ruto

non me rompo pì i cojoni non voi pì lavorare

che mal de schena xxx bestiale

par lavorare insieme a ti

ogni tanto tiro un porco

me fa male tuto 'l corpo

varda qua che scotatura

a me par de bruxare

 

 

RS7 7 VA A RAMENGO

(T’appartengo – Ambra Angiolini)

ti ho conosciuto in discoteca e tu

mi hai dato un bacio e poi me l'hai parato su

e adesso che stiamo scopando insieme

ti dico vengo e tu non me lo dici mai

ti sì na ciua, ti sì na ciua

e adesso giura che hai la coda dura

e che sei pronto a darmi tutto il cazzo tuo

perchè il tuo cazzo è come un vibratore

ti entra in culo e PUM, ti è scoppiato lì

t'appartengo ed io ci tengo e se ti scopo dopo vengo

m'appartieni e se ci tieni ti masturbi e dopo vieni

prometto, prometti

Rit: ti giuro amore ho il pannolino interno

se me lo togli scopo e dopo vengo

ma quando ci sorprenderà l'inverno

la mia figa sarà già un incendio

io vengo eccetto mille volte a sera

mi piace farlo sopra la ringhiera

non voglio più svegliarmi moja, moja se non ci sarai

prometti, sarai sempre qua

prometto, da drio non lo go mai ciapà

se c'hai le groste le tiriamo via

perchè i problemi tuoi, sono i problemi miei

dobbiamo farci solo tra di noi

e a tutti gli altri poi, io non la darò mai

e adesso giura e adesso giura

e adesso giura se te ghe corajo

che la tua grossa renga l'hai data solo a me

l'ho consumata con i ciupegoti

ed è per colpa mia che non ti tira più

t'appartengo ed io ci tengo non mi scopi va a ramengo

m'appartieni e se ci tieni ti masturbi e dopo vieni

prometto, prometti

Rit: ti giuro amore ho il pannolino interno...

t'appartengo ed io ci tengo non mi scopi va a ramengo

m'appartieni e se ci tieni ti masturbi e dopo vieni 5 v.

 

 

RS7 8 PROBLEMA

(Teorema – Marco Ferradini)

toi su na dona, menea te un campo

contaghe la storia de l'orso

finchè la parla, assa che 'a diga

meteghe na man te la figa

se 'a te dixe che no 'a vole mia

dighe che te ghe voi proprio ben

ti te sè che la xe na buxia

ma ela ghe crede parchè 'a xe insocà

e lora la te dixe nemo qua

la te da un baxo, ‘a te toe 'l cicio in man

ti te la vardi 'a dixe se poe far

montame sora che vojo ciavar

dighe a na dona che 'a te fa schifo

e te piaxe una pì bela

mandala in mona e dighe soltanto

che la xe na bruta porsela

come ela ghi n'è tante altre

ma che casso vorla proprio da ti

dighe ti sì na bruta putana

de fighe ghi’n cato un careto ogni dì

e lora la te dixe nemo chi

ca te lo ciucio pa' un bel tochetin

e lora la te dixe nemo chi

tiralo fora e te fasso un pompin

no brutta troia non sono d'accordo

pitosto vardo un film porno

te me fè schifo e dalla sottana

se vede 'l pelo puttana

se ghe penso me vien da cagnare

quante volte vegnevo in te un dì

desso che mi te vardo tel muso

xxxxxxx puttana no 'l me tira pì

e lora la te dixe nemo chi

ca te lo ciucio pa' un bel tochetin

e lora la te dixe nemo chi

tiralo fora e te fasso un pompin

 

 

RS7 9 PUTANA PIU' DE PRIMA

(Amici come prima – Paola e Chiara)

scusa, so che 'a to figa la te sbruxa

la gente la me dixe che te trombi da un bel tochetin

xe tardi, ma vojo restare chi a parlarte

parchè me piaxe tanto ciacolare insieme con ti

mi te parlo d'amore par tuto 'l dì

ma ti invese te dixi così

mi so na putanassa, de quee de bona rassa

e pincio anca dentro al bidet

me piaxe far bochini a bianchi e marochini

me pincio anca 'l prete xxx can, chel can

la vardo, la ga proprio verta xxx petardo

la ga 'l buxo largo che ghe passa anca un fiasco de vin

mi ghe digo te sposito insieme a mi?

ela invese me dixe così

mi so na bruta roja, de fioi non ghi n’ho voja

e gnanca de stare con ti

te sì anca un bel toxeto ma te ghe un gran difeto

te ghe 'l cicio curto così, così

mi te parlo d'amore par tuto 'l dì

ma ti invese te dixi così

mi so na putanassa, de quee de bona rasa

e pincio anca dentro al bidet

me piaxe far bochini a bianchi e marochini

me pincio anca 'l prete xxx can, chel can

 

 

RS7 10 SCAPO VIA DA CASA

(It’s final countdown - Europe)

xe 'l quatro febraro

xe drio nevegar

i toxi me speta

par nare a ba'ar

a so xa in ritardo parchè

a so na cagare

na cagare

a ciapo na curva imboressà

e so sbrissià in tel giasso

xxx stramas-ciasso

stramas-ciasso

so na dosso un pino, pino

so sta sfortunà

a vardo 'l Fiorino

l'è tuto macà

che casso ghe digo a me opà

me impiena de pache

tante bote

xe mejo che ciapa e vaga via

scapo via da casa

vo via da casa, via da casa

scapo via da casa

vo via da casa, via da casa

vo via da casa, via da casa

 

 

RS7 11 SON SENSA SCHEI

(Vivo per lei – Andrea Bocelli)

son sensa schei adesso che vago ogni sera in volta a roje

vorìa nar fora col vespon ma ghe xe tute 'e strade moje

devo trovarme dopo al bar ma go paura de sbarar

ciamo gli amici che i vien torme

se domandemo cosa far, tuti ga voja de trombare

ma come al solito xxx can, non se sa mai che casso fare

la va finìa che se ndarà a xugar carte in qualche bar

che almanco torno presto e non spendo mia schei

ma sei proprio un petachino

son poareto xxx assassino

a lavoro anca de note, me sfondo 'e balote ma son sensa schei

son sensa schei da quando che go messo 'a SISA al Bar Centrale

go fato tredexe però a la go persa xxx maiale

mi che gavevo xa comprà anca 'a Ferari xxx chel can

desso so querto da 'e cambiali

la xe bela da vardare ma go 'l bolo da pagare

a go 'a machina de lusso, son bruto e non gusso

son sensa schei e desso so che go da vendere el vespon

par tirar vanti e fare bensina

a son sensa schei, mi son sensa schei

bato 'a testa contro 'l muro e me acorso che l'è duro

ogni giorno na condana, xxxxxxx putana, a son sensa schei

son sensa schei me tocherà restare casa ogni sera

vo lavorare co me opà, ghe do na man sapare 'a tera

parchè so sta inseminìo, desso la pago porco xxx

pago cambiali finchè scampo

e son sensa schei, mi son sensa schei

ogni giorno na condana, xxxxxxx putana, a son sensa schei

 

 

RS7 12 DONE (TROIE)

(Donne - Zucchero)

done, le xe tute uguai

ti te ghe provi ma non te la da mai

done, no 'e te 'a mola mia

gnanca se ti te tiri un'eresia

ti te ghe cori drio pa un toco

e lore le te toe pal culo

quando sembra che 'e ghe staga

le te da un s-ciafon tel muso

quando che te ghe de un palpon

le te da in testa col baston

e se te 'e trati come roje

le ga xa 'e mudande moje

done, le xe na condana

se sa da tempo che la dona è putana

done, le me fa fastidio

co le se mete le xe pexo de un sidio

quando le voe le te incoraja

e le te mostra la pasaja

ma se ti te slunghi 'a man

le te bastona come un can

ghe piaxe farte girar torno

e co le poe le te fa un corno

ti te tiri come un mulo

e le te dixe vaffanculo

done

done, le xe tute uguai

ti te ghe provi ma non te la da mai

done, no 'e te 'a mola mia

gnanca se ti te tiri un'eresia

 

 

RS7 13 MA VUTO TORME PAL CULO

(Una canzone d’amore - 883)

semo sta insieme par sie mesi, jero infigà

la me dixeva che 'a me amava

la nostra storia 'a jera bela

ma 'a xe finìa, la xe finìa

la me ga dito lassa stare, te vojo ben

ma non ghi'n vojo pì savere

mi non me resta che pensare

se go sbajà, se go sbajà

me piaxaria riprovare

a ritornare insieme

me piaxaria ritentare

sensa de ti sto male

non vo pì fora la sera

a go tacà pensare

che forse 'a vita xe mejo

- sensa de ti - 5 v.

la go rivista l'altra sera, ciao, come xea?

a go 'l morale proprio a tera

la me domanda de ndar fora

mejo de no, non vojo starghe male

ela 'a me dixe che 'a sta male e 'a ga sbaglià

desso la vorìa ritornare

parchè la se ga resa conto

che 'a me vol ben e mi ghe digo che

ma vuto torme pal culo? non vojo più tornare

ma vuto torme pal culo? so xa sta tanto male

xe mejo stare da soli e andarse a divertire

xe mejo stare da soli

- sensa de ti - 5 v.

desso ti non sta ciamare, mi non vojo barufare

e non voi sentirme dire che te manco da morire

se te voi farme un piaxere, non sta farte più vedere

e se ti te voi tornare allora mi te dirò

ma vuto torme pal culo? non vojo più provare

va a fartelo metere in culo parchè ghe resto male

xe mejo stare da soli, non vojo più pensarghe

xe mejo stare da soli

sensa de ti 2 v.

 

 

RS7 14 RAGAZZO ALCOLIZZATO

(Ragazzo fortunato - Jovanotti)

se mi podesse sarìa sempre in vacansa

se mi podesse bevarìa finchè me s-ciopa 'a pansa

e ogni volta che vien sera me vago a divertire

e torno indrio 'a matina che me toca vomitare

problemi zero, doman xe n'altro giorno

me taco 'a sveja ae siè

me scaldo 'l late in forno

e dopo vago a lavorare

e presto vien la sera

ae oto son xa fora

e alle diexe son par tera

Rit: me piaxe tanto 'a graspa

ghi’n bevo a più non posso

e quando torno casa finisso xo pal fosso

me piaxe tanto 'a bira

ghi’n bevo a più non posso

e quando torno casa finisso xo pal fosso

sono un ragazzo alcolizzato

perchè bevo goti tuto 'l giorno

sono alcolizzato perchè

vago sempre da Carletto

a quando vien la sera

e impisso el me tratore

a verxo na butiglia

che ghe xe da festegiare

son pieno come un ovo, me vien da vomitare

son pieno come un ovo, me vien da vomitare

me xe sta dito stasera torna prima

mi vago via da casa e torno la matina

e ogni volta che vien sera

me vago a divertire

e torno indrio col sole

che me vien da vomitare

Rit: me piaxe tanto 'a graspa...