Testi Radiosboro 5

RS5 2 BOARI DI OGGI

(Terra promessa – Eros Ramazzotti)

siamo i boari di oggi, sempre drio magnare

e se qualcuno xe in dieta, va in figa de so mare

la verxa è la nostra passione, cotta co i faxoi

e anca un po’ de capussi, smissià co i sarmoi

pianta de qua, sapa de là

brusca de su, vanga de xo

nemo tutti in te l’orto, piantemo le scarlogne

che quando le xe maure le tremo in te le fogne

e poi piantiamo i faxoi e anche un po’ de verdura

e la metemo in tel frigo parchè senò no 'a dura

finché Bernacca ci dirà

dal cielo il tempo cambierà

xxx can che tempesta, le vacche 'e fa festa

e le bala insieme co i tori

magnà fora el vegnale, me tajo le bale

e me trago xo pal canale

siamo i boari di oggi, boari di professione

e tiriamo sarache se viene un’alluvione

noi ci vestiamo così, co 'e braghe de fustagno

la canottiera sbregà, ci laviamo nello stagno

finché qualcosa cambierà

finché dal cielo spunterà

un gran sole che s-cioca, che voja de gnoca

a xe Agosto, xe pronto anca 'l mosto

carga su 'e damigiane, ca nemo a putane

e in te l’orto ghe tremo 'l luame

ma va in figa le vache, xe mejo 'e baldrache

e me pare, me da quatro pache

varda chi in te l’orto, che xe tuto morto

toi la sapa e taca a vangare

(una terra promessa, un mondo diverso)

(noi non ci fermeremo, non ci stancheremo)

 

 

RS5 3 COME MAI

(Come mai – 883)

le noti non finiscono a un boto a Sovisso

a nemo tuti in compagnia in xona industriale

a consumare i freni a man, a butar xo i mureti

sperando che non riva 'a polisia

xe inutile scapare via parchè i te core drio

seguirti fino all'alba e poi te 'o mete in tel dedrio

me sento un fià le man ligà, sto giro i me ga ciapà

me sa che vo finirla dentro là

e tuti su pal muro, con tute 'e man alsà

a ghe ghemo dito in coro: “va in figa de to mar”

una sfilsa de besteme, una grande eresia

a tolemo su 'l Garelli e tuti scapa

xxx can ma varda qua parchè no 'l parte pì

giorni interi a elaborarlo e desso no 'l va pì

dime come mai ma xxx can parchè no 'l parte pì

go cambià anca 'a marmita ma no 'l me parte pì

se vien saverlo me papà che i me ga messo via

mi ghe gavevo dito che naxevo da me xia

stavolta si che so finìo me tocherà scapare via

me sento xa na verga in tel dedrio

e tuti su pal muro, con tute 'e man alsà

a ghe ghemo dito in coro: “va in figa de to mar”

una sfilsa de besteme, una grande eresia

a tolemo su 'l Garelli e tuti scapa

xxx can ma varda qua parchè no 'l parte pì

giorni interi a elaborarlo e desso no 'l va pì

dime come mai ma xxx can parchè no 'l parte pì

go cambià anca 'a marmita ma no 'l me parte pì

dime come mai ma xxx can parchè no 'l parte pì

giorni interi a elaborarlo e desso no 'l va pì

dime come mai ma xxx can parchè no 'l parte pì

go cambià anca a marmita ma no 'l me parte pì

RS5 4 NA SARACA IN TEL MUSO

(Una lacrima sul viso – Bobby Solo)

na saracca in tel muso

go ciapà na bea bixata

dopo tante, tante pache ora so

che le ciapo da ti

go le gambe scavesate

e le recie frantumate

in tel culo go na verga parchè

te go tolto pal cul

non so gnanca come ca me go salvà

da quante viole che go ciapà

ma ti te ghe sempre continuà

finché mi a me son liberà

a go tolto un sbarabolto

te 'o go trato in te la copa

te go da quatro bixate anca mi

ca te go rovinà

PARLATO

le scarpà in tel muso

ca te ghe ciapà

te xe bastà

che te sì scapà

parchè te go da

anca par doman

desso scapa distante parchè

a te coro drio co 'a ruspa

e te smalto su pal muro

ca te perdi i sentimenti finché

a te sverdo anca il cul

 

 

RS5 5 LA MAMMA MAIALA

(Canti popolari)

e l’altra sera...e l’altra sera

tornando a casa...tornando a casa

c’era la fila...c’era la fila

con diecimila in mano...con diecimila in mano

e vuoi vedere che...e vuoi vedere che

c’ho la mamma maiala...c’ho la mamma maiala

e il babbo beco...e il babbo beco

oh che gioia che gioia...oh che gioia che gioia

esser figli di troia...esser figli di troia

e vuoi vedere che...e vuoi vedere che

tu c’hai la mamma maiala...c’hai la mamma maiala

e tu c’hai il babbo beco...e il babbo frocio

e la sorella battona...e la sorella battona

e il porco xxx...e il porco xxx

e il porco xxx...e il porco xxx

ecco magnà fora tuto...

magnà fora tuto...

casa, campi, boaria

e anca un bel toco de boaria

 

 

RS5 6 T’APPARTENGO

(T’appartengo – Ambra Angiolini)

io mi ero perso nel staloto e tu

tu dalla spussa ormai non ne potevi più

e adesso che stiamo scopando insieme

ti dico vengo e tu non me lo dici mai

ti sì na ciua, ti sì na ciua

e adesso giura che hai la coda dura

e che sei pronto a darmi tutto il cazzo tuo

perchè il tuo cazzo è come un vibratore

ti entra in culo e PUM, ti è scoppiato lì

t'appartengo ed io ci tengo e se ti scopo dopo vengo

m'appartieni e se ci tieni ti masturbi e dopo vieni

prometto, prometti

Rit: ti giuro amore ho il pannolino interno

se me lo togli scopo e dopo vengo

ma quando ci sorprenderà l'inverno

la mia figa sarà già un incendio

io vengo eceto mile volte a sera

mi piace farlo sopra la ringhiera

non voglio più svegliarmi moja, moja se non ci sarai

prometti, sarai sempre qua

prometto, da drio non lo go mai ciapà

se c'hai le groste le tiriamo via

perchè i problemi tuoi sono i problemi miei

dobbiamo farci solo tra di noi

e a tutti gli altri poi non la darò mai

e adesso giura e adesso giura

e adesso giura sopra el me formajo

dove c’è la dentiera che ho regalato a te

ti ho consumato con i baci-pianti

ed io per colpa tua non mangerò mai più

t'appartengo ed io ci tengo, non mi scopi, va a ramengo

m'appartieni e se ci tieni ti masturbi e dopo vieni

prometto, prometti

Rit: ti giuro amore ho il pannolino interno...

t'appartengo ed io ci tengo, non mi scopi, va a ramengo

m'appartieni e se ci tieni ti masturbi e dopo vieni 6 v.

 

 

RS5 7 PICCOLA GRANDE SFIGA

(Piccolo grande amore – Claudio Baglioni)

chela cavesagna streta

tanto streta al punto che se ghe passava apena

e chel sidio de me mare

movate toi su ‘l forcon e va xo vangare

dentro là in stala 'l bestiame, 'l caro pien de luame

ingardia in pressa 'l tratore che passa le ore

e guerna suxo le vache, tiro quatro sarache

che jornada de merda

me copo davero, me copo lo giuro

me meto un petardo tel culo

e mi, mi che cantavo insima el cuerto

xe s-ciopà 'l petardo 'l me ga fato 'l culo verto

e mi, mi che non me son gnanca acorto

a me go catà le bale juste in mexo l'orto

e lì go dito mama dame un ceroto

go l'oselo tuto roto

dai vien chi, ca moro, dai vien chi

anca se me fa male vojo ndare in tel vegnale

adesso che ghe xe da bruscare

adesso che bisogna sapare

adesso che el fen l'è da voltare

el staloto dei porsei

a lo netarò doman desso vo drio i vedei

i porcassi de me pare

tote su el forbexon te ghe da nar bruscare

e verxi fora 'l luame in te i vegnai soto el monte

e la cariola de pisso va trarla in tel l’Onte

'e vache che fa la conta, el toro pronto a la monta

a moro prima de sera, me copo davero, me copo lo giuro

me meto in tel cicio un siluro

e mi, mi che jero in te le motte

xe partìo 'l siluro ga bruxà le me balote

e mi, mi che non me so gnanca acorto

a me go catà l'oselo tuto quanto storto

e lì go dito me xe vegnù in te 'a barca

i pei del culo i se distaca

moro chi, de boto moro chi

anca se me fa male vojo ndare in tel vegnale

adesso che ghe xe da bruscare

adesso che bisogna sapare

adesso che el fen l'è da voltare

 

 

RS5 8 MOTO GILERA

(Kasatchok – Lori Ghezzi)

tira il vento, soffia la bufera

vo in garage e me togo su ‘l Gilera

tiro su i sentoventi a l’ora

tuto a un trato ecco un bel curvon, eh

xxx mas-ciasso in curva jera el giasso

xxx porcon go fato un rabalton, eh

xxx maiale me go fato anca male

xxx porseo me son tajà l’oseo

 

 

RS5 10 L’ANGOLO DEI PICCINI

(Creamy – Cristina D’Avena)

dolce amica mia

è bello che tu sia

vivace e svelta e

carina come me

poi con la fantasia e

un tocco di magia (e un toco de maria)

e ora non c’è più

e invece Creamy ci sei tu

parameo su in tel buxo del cul

parameo su ancora de più

se babbo, mamma e me xia

lo ciapa in culo e scapa via

parameo su in tel buxo del cul

parameo su ancora de più

se babbo, mamma e me xia

lo ciapa in culo in compagnia

poi Creamy quando vuoi

tornare qui tu puoi

pensarlo basterà

e subito accadrà

ma questa tua magia

oh Creamy amica mia

un anno durerà

poi Creamy forse svanirà

parameo su in tel buxo del cul

parameo su ancora de più

se babbo, mamma e me xia

lo ciapa in culo e scapa via

parameo su in tel buxo del cul

parameo su ancora de più

se babbo, mamma e me xia

lo ciapa in culo in compagnia

 

 

RS5 11 LA RUGGINE

(La solitudine – Laura Pausini)

Marco si è incazzato e non mi scopa più

mi ha detto che ho la figa che sa di ragù

e puzzo come il culo di un asino

perchè io le mutande non le cambio mai

e intanfo di luame tutta la città

la gente che si stropa il naso disperà

parchè so na voltar luame tutt’ancò

ma in bagno el bidet mi non lo go

chissà se tu mi toglierai tutto il luame e anca i bai

par non sentire più l’odor e che le groste che mi go

un bel bruscheto comprarò fato de fero de quel bon

e grati e piangi e non lo sai quant’altro male ti farà

te ghe la ruggine

Marco ha una rivista di pornografia

e con il cazzo in mano lui si perde via

si punta in tel staloto insieme ai so vedei

fra muci di luame e cavre stitiche

suo padre, le sue vigne, che monotonia

lui con il suo tratore l’ha portato via

in serca de mangimi par cavedani

e anca do dentiere par cavai

chissà se tu mi toglierai tutto il luame e anca i bai

par non sentire più l’odor e che le groste che mi go

un bel bruscheto comprarò fato de fero de quel bon

gratare è inutile, le ciocciole si attaccano su me

non è possibile cavare via, la rogna e i tarsanei

ti prego toglimi l’odore mio, de bai ghi n’ho assai

un bel bruscheto comprarò fato de fero de quel bon

gratare è inutile, le ciocciole si attaccano su me

ti prego ruscami perchè non posso stare con i bai

non è possibile cavare via, la rogna e i tarsanei

un bel bruscheto comprarò fato de fero de quel bon

gratare è inutile, le ciocciole si attaccano su me

un bel bruscheto comprarò fato de fero de quel bon

gratare è inutile, le ciocciole si attaccano su me

a go la ruggine

 

 

RS5 12 VOJO UN TRATORE ELABORATO

(Vita spericolata – Vasco Rossi)

vojo un tratore elaborato

vojo un Landini quatro marce, si

vojo na sapa motorixata

par far buride in te le motte, si

vojo un staloto, ma pieno de mas-ci

de queli che non caga mai

vojo na vigna, de quele che non bruschi mai, eh

Rit: e poi ci troveremo come babai

a piantare verxe in te i vegnai

o forse non se cataremo mai

ognuno che tende i cassi sui

ognuno che se pincia na cavra diversa

ognuno infondo perso dentro i campi suoi, suoi

vojo na dona piena de graspa

che co la caga sfonda el cesso, si

vojo na vaca che fa la mata

che co la pincia la scoresa , si

vojo 'e galine che pincia coi tori

de quele che non dorme mai

vojo cagare na merda piena de bai, eh

Rit: e poi ci troveremo come babai...

vojo ciapare na bea bixata

de quele che te copa, si

vojo brincare na mega tega

na mega tega justa sul copin

vojo na mussa che tira de coca

de quele che non dorme mai

vojo cagare na merda piena de bai

e poi ci troveremo come babai

a piantare verxe in te i vegnai

o forse non se cataremo mai

ognuno che tende i cassi sui 2 v.

vojo un tratore elaborato, vojo un Landini quatro marce, si

vojo na sapa motorixata par far buride in te le motte, si 2 v.

 

 

RS5 13 MUCCA

(Brutta – Alessandro Canino)

eri piccolina

quella volta che ti ho rotto il culo giù in cantina

oggi hai quindici anni e piangi sola chiusa in bagno

ti hanno rotto il culo anche a Valdagno

tutti i tuoi amici, pinciano in salotto le altre e tu cosa dici

io c’ho il culo rotto ma perchè tu non la smetti?

piangi e ti massaggi a denti stretti

mucca, ti guardi e ti vedi mucca

ora ti sventro una tetta e poi te lo metto su

cresceranno i peli

dopo il culo rotto ti verranno anche i bubboni

poi cadranno i denti e ti verranno tutti i mali

piangi e ti si sventrano gli occhiali

mucca, perdi i capelli e sei mucca

ti metterai la parrucca e non vuoi uscire più

tu vai via col culo rotto

e nessuno si domanda come mai

vanno via ma io ti fotto

con in mano questo cazzo

per potertelo infilare tutto

mucca, ti guardi e ti vedi mucca

ora ti sventro una tetta e poi te lo metto su

 

 

RS5 14 DOLORE

(Volare – Domenico Modugno)

penso che un male non lo proverò più

me torcolavo le bale in tel buxo del cul

poi d’improvviso venivo dal cagoto assalito

e l’emorroidi crescevan gratando 'l sofito

dolore oh, oh

che male oh, oh

pomata che allevia 'l dolor

che merda de strano color

e spalmavo, spalmavo felice in tel buso del culo e ancora più su

mentre 'a merda che urtava spacava lo sfintere giù

una musica dolce suonavan soltanto per me

che spussa oh, oh

odore oh, oh

vo su, col deo su pa 'l cul

me 'o sento, se gonfia de più

vo su, col deo su pa 'l cul

me 'o sento, se gonfia de più